Miniatura

A cura di Giulio – Totalmente fuori controllo. Forse il potere che avrebbe fatto bene ad invocare Alessia Marcuzzi prima di andare in pubblicità è proprio la capacità di gestione. Dei tempi morti, ad esempio. E anche delle intemperanze o delle derive prese dai naufraghi: la gag della pipì, per citarne una, tirata troppo a lungo. Ma è nel finale che la dilagante perdita di controllo arriva a toccare vette probabilmente mai viste prima: una conduttrice che si ribella agli autori, nomination affrettate con scambi di accusa senza possibilità di replica. E un’imbarazzante chiusura all’una e mezza in agonia che, a parità di fretta, potrebbe ricordare la storica fuga sotto il diluvio di Mara Venier e Katia Ricciarelli in uno show del 2000. Insensato perché invece che perdersi dietro ai fantasmi dell’Honduras, si sarebbe potuto sfruttare meglio il tempo a disposizione senza costringere per forza i telespettatori a una prova di resistenza fino a notte fonda.

Ad essere fuori controllo in parte anche gli autori. Che senso c’è nello spiare per giorni i concorrenti rinchiusi in una residenza honduregna, lanciandola ripetutamente come novità, per poi dedicarvi solo cinque minuti in puntata? O ancora, dopo la prima presunta crisi di panico, lasciare la Cipriani anche nel secondo tentativo tuffarsi per ultima, senza quindi assicurarle almeno il supporto di un altro concorrente? A maggior ragione che quanto successo era già accaduto in Supervivientes nel 2016, la versione spagnola a cui il reality si rifa in più aspetti: una situazione quindi gestibile.

Infine c’è un problema che si trascina inesorabile di anno in anno: l’incapacità di cavalcare quei momenti che lo meritano. Neanche una domanda a Francesco Monte o a Bianca Atzei sui loro ex, solo riferimenti velati. O ancora c’è voluta la Gialappa’s Band per far notare l’evidente disapprovazione di Deianira nel momento in cui Franco ha vinto il televoto. E anche lì, caduta ne vuoto totale. L’unica vena di autenticità resta insomma la stanchezza di Mara Venier, davvero esausta a fine puntata e piuttosto slegata dall’altro opinionista, Daniele Bossari, più fuori contesto che fuori controllo. Tanto quanto Stefano De Martino che, una volta rivestitosi, è apparso alquanto impacciato nel guidare i naufraghi. Insomma, più che “out of balls”, Filippo Nardi avrebbe fatto meglio a lanciare l’hashtag “out of control”.

5 Commenti

5 Commenti su #ISOLA DEI FAMOSI 2018: LE PERPLESSITA’ DEL KICK-OFF

  1. Voi comunque parlate tanto male di lui, ma Savino 5 anni fa riuscì a far tuffare Malgioglio perdendo solo 10 minuti.
    La Marcuzzi ci ha impiegato un’intera puntata.

  2. Non sono assolutamente d’accordo! Il problema è stata la durata infinita soltanto! Alessia più sveglia del solito, cast boom tra il trash a palate di giucas casella e la cipriani e i litigi durante le nomination! Mara unica e ubriaca come al solito, bossari ha dato la giusta nota di sobrietà al programma evitando i momenti morti di alessia e i gialappi in grande sintonia (meglio qui che al gf per esempio dove venivano liquidati subito da ilary). Per me promosso in pieno, se fosse cominciato mezzora prima il programma (striscia e ricci permettendo) ed eliminando l’unica cosa che non mi è piaciuta (quella del fantasma) si sarebbe chiuso un pò prima, verso 00.45 e i va sarebbero stati molto più alti! Aggiustassero un attimo la scaletta e con le dinamiche del cast si può avere una bella isola

  3. ma se quella della Cipriani era tutta una finta geniale da parte di lei che sta fare show trash, altrimenti sarebbe stata lei a chiedere aiuto ai suoi amici naufraghi!
    Bossari è stato il valore aggiunto piu’ di Mara stavolta, non capisco la distanza delle due poltrone, ma interveniva meglio a sostegno di una distratta Alessia….
    Vero il fatto che avevano tante volte preannunciato in conferenza stampa e nelle varie interviste la novità di essere ripresi di nascosto in una casa, ma hanno mandato in puntata appena due filmati e non la famosa lite tanto rimarcata tra la Capriotti e la Mancini. Poi nella nomination si è scoperto che in realtà che le videocamere non fossero cosi nascoste ma loro ne erano consapevoli (dalla riprese mandate si capisce ci fossero addirittura gli operatori, che difficilmente si potevano rendere invisibili), inoltre hanno fatto e mandato in onda anche dei confessionali ripresi durante quei giorni…..

  4. la cipriani ha retto tutta la puntata, il suo trash ha conquistato il web giustamente! bossari promosso, ha aiutato tantissimo alessia durante i (tanti) tempi morti di lei intervenendo sempre con garbo ed eleganza. Per le telecamere nascoste in casa neanch’io ci credo molto…comunque ottima prima puntata, il trash di giucas e della cipriani unite alle liti hanno reso godibile la puntata, promossa a pieno

  5. Della prima puntata salvo proprio la Cipriani Casella e Amaurys , il resto se non è un disastro, poco ci manca!
    I “la” ci sono stati tutti, ma non sono stati colti dalla Marcuzzi che all’ultimo si è “incartata” e nel panico per affrettarsi a chiudere, ha trovato il tempo pure di riprendere in diretta gli autori!

    Ma dico io , perché non impara ad andare più a braccetto da sola? Un grande conduttore deve prima di tutto saper gestire i tempi della diretta e soprattutto in un reality, cogliere tutti gli spunti….. il resto te lo vedi il giorno dopo in riunione col tuo team di lavoro!

I Commenti sono chiusi.