LE IENE 2.0 leiene2017

Buongiorno a tutti lettori, oggi vi scrivo in merito a Le Iene, format che ancora oggi dopo una continua messa in onda negli anni risulta essere perno centrale della programmazione di Italia Uno. Nelle ultime due stagioni la direzione della rete ha deciso di mandare in onda due puntate a settimana del programma, a parer mio è stato un autogoal poiché il programma risulta troppo sovraesposto perdendo quell’unicità che lo distingueva dagli altri programmi di informazione.

Fossi negli autori del programma, e se le puntate dovessero essere per forza due, deciderei di diversificarle al massimo, così da poter usare un unico titolo e studio ma mandando due cose diverse in onda un mondo da non far scappare via il pubblico da casa.

La prima cosa che farei, fossi in Parenti e nel suo team, cambierei subito la scenografia, è possibile che pure programmi tappa-buchi abbiano delle signore scenografie e un programma di punta come Le Iene abbia una scenografia così scarna e poco attraente. Vedrei bene uno studio circolare colorato con pubblico sia davanti ai conduttori che laterale, rimetterei in una delle due puntate un bel bancone e dietro ai conduttori un grande e vero videowall e non una tela per il proiettore, e per concludere un bel pavimento di un solo colore che si abbini bene con i colori della scenografia.

Per quanto riguarda i conduttori, negli anni sono stati molti coloro che sono passati sotto le grinfie di Parenti, alcuni hanno fatto una porca figura mentre per altri è meglio non ricordare quell’esperienza. Le due coppie che vedrei bene sarebbero una con la storica padrona di casa Ilary Blasi e Teo Mammucari, tra le più riuscite di sempre, mentre la seconda la formerei con alcuni elementi del passato e novità assolute ovvero al centro metterei Alessia Marcuzzi mentre ai suoi lati la rivelazione discografica dell’estate 2016 Fabio Rovazzi in mondo di intercettare il pubblico dei giovani e infine Paolo Ruffini, volto conosciuto per Italia Uno.

Per quanto riguarda invece i contenuti, in una delle due puntate le inchieste le affiderei agli inviati come succede da sempre mentre nella secondo appuntamento farei un talk iniziale con degli opinionisti pungenti sui fatti più scoppiettanti della settimana, successivamente per diversificarlo dall’altro appuntamento affiderei un’inchiesta a ogni conduttore della puntata, farei accomodare i padroni di casa in una sala dove vi sono le telecamere a riprenderli e farei arrivare una persona della produzione che comunicherà loro le tematiche scelte, lasciando loro scegliere la tematica di cui occuparsene in settimana.

Questo sempre affiancato da una Iena che può dare al conduttore una mano su come portare avanti una operazione di inchiesta. Il tutto lo farei montare dai tecnici e pubblicherei sulle pagine ufficiale dei programma il giorno dopo della messa in onda del programma. Infine nell’ultima parte del programma parlerei di sesso, rivolgendomi ai giovani e non solo, raccontando attraverso il racconto di storie delle persone comuni o vip, l’importanza dell’uso delle precauzioni soprattutto nel far attenzione con chi ci si approccia, rischi e pericoli.

E voi cosa ne pensate?

5 Comments