Risultati immagini per fiction italiana

Progetti in fase di sviluppo, alcuni solo attivati, altri già in produzione o addirittura prossimi alla messa in onda. Gli appassionati di fiction e serie tv saranno ampiamente soddisfatti per lungo tempo: in futuro storie di mafia, gialli, ma anche biopic e grandi affreschi storici invaderanno sempre più il piccolo schermo e, in qualche caso, il web con l’intento ormai palese di riuscire a sfondare anche all’estero. Ecco cosa hanno in mente le principali case di produzione secondo le indiscrezioni emerse negli ultimi mesi su riviste e siti del settore. Con l’avvertenza che forse non tutti i progetti qui indicati riusciranno effettivamente a vedere la luce:

ARES FILM: mentre si appresta ad arrivare il sequel di Furore, è in sviluppo la fiction Donne d’onore: dovrebbero essere sei puntate da ottanta minuti.

CASANOVA: completata la lavorazione del tv-movie dedicato a Rocco Chinnici, presto in onda, si pensa a un biopic su Mia Martini.

CATTLEYA: oltre ai sequel di Gomorra e Suburra, si apprestano ad arrivare sul set  Zero zero zero e Django, mentre è già in lavorazione Carlo e Malik per la Rai. Sei puntate dirette da Marco Pontecorvo. Il Malik del titolo è un uomo di colore, interpretato da Miguel Gobbo Diaz, protagonista della storia insieme al personaggio di Amendola, Carlo. Annunciato anche l’adattamento di Suspiria, a cui sta lavorando Dario Argento. In arrivo anche Tutto Può Succedere 3.

CIAO RAGAZZI: la società di Claudia Mori potrebbe portare in tv la vita di Giorgio Gaber.

CLEMART: mentre è già sul set il sequel de I bastardi di Pizzofalcone, risulta in attivazione anche l’adattamento televisivo dei romanzi de Il Commissario Ricciardi, altra fortunata saga letteraria firmata da Maurizio De Giovanni.

CROSS PRODUCTION: se su Raidue sono in partenza Rocco Schiavone 2 e Il Cacciatore, la società ha in procinto di chiudere i contratti di produzione per Lontano da te (7×80’) con Mediaset Spagna e per Skam – Vergogna (11×20’) con Tim Vision. In trattativa anche la cessione del 50% dei diritti di Wolfsburg a R.t.i. (10×50’, la produzione è prevista per il 2018). Nel bilancio 2016, come riporta il mensile Tivu, risulta avviata la produzione di Sirene, trasmessa in autunno e di cui già si prevede un sequel per il 2018, così come de Il cacciatore 2.  In sviluppo anche I giorni dell’oro (4×100’, sulle Olimpiadi del 1960 a Roma) e il crime Brennero (12×50’).

ENDEMOL SHINE ITALY: in tema di serialità, la società non rivela i suoi prossimi progetti. Al momento è sul set il secondo capitolo de L’Allieva.

FILMAURO: il produttore cinematografico Aurelio De Laurentiis guarda con sempre più insistenza alla serialità. Nel piatto Vita da Carlo, incentrata su Carlo Verdone, e l’adattamento del best-seller di Giorgio Faletti Io uccido

FABULA PICTURES: tra i progetti in sviluppo I draghi per Sky e Baby per Netflix, ispirato al caso delle baby-squillo.

FREMANTLE: la società di produzione ha acquistato i diritti di Munich, il best seller di Robert Harris per trarne una serie che sarà prodotta dalla controllata Euston Films insieme a Ufa Fiction. I personaggi di Munich sono realmente esistiti: Adolf Hitler, Benito Mussolini, il politico inglese Neville Chamberlain e il premier francese Edouard Daladier.

INDIANA PRODUCTION:  oltre al progetto già annunciato di portare in tv Il Gattopardo, la casa di produzione adatterà per l’Italia la serie “Your Honor” che in Israele ha avuto grande successo. Protagonista è un giudice, la cui carriera è messa a rischio da un incidente che coinvolge il figlio.

INDIGO FILM: in produzione La compagnia del cigno, che racconta di un gruppo di ragazzi che frequentano il conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Alla serie lavora Ivan Cotroneo.

ITALIAN INTERNATIONAL FILM: la trasposizione dei romanzi della saga Les Italiens (in coproduzione), la serie tv Cohousing e un progetto sulla vita di Marco Pannella. Ma la società ha acquistato anche i diritti de La Biblioteca dei Morti di Gleen Cooper. Presto in onda Prima che la notte, la storia di coraggio di Giuseppe Fava.

LEONE CINEMATOGRAFICA: dopo l’ottimo riscontro di In arte Nino, la casa di produzione di Federico Scardamaglia vorrebbe realizzarne un sequel che si soffermi la seconda fase della vita dell’attore. Inoltre la società è intenzionata anche a proseguire questo filone con il racconto di altri due grandi artisti: il regista e sceneggiatore Ugo Tognazzi e Marcello Mastroianni, stella del cinema internazionale.

LEONE FILM GROUP: di respiro internazionale i progetti seriali della società tra cui spiccano Colt, (da un’idea di Sergio Leone, diretto da Stefano Sollima),  I Beati Paoli (con la collaborazione di Giuseppe Tornatore) e una serie tv tratta dai libri di Gianluigi Nuzzi sugli scandali in Vaticano.

LUX VIDE: non solo Don Matteo, Un Passo dal Cielo, Che Dio ci Aiuti e Non Dirlo al Mio Capo. La società di produzione non si sbilancia molto sui propri progetti. Oltre a lavorare anche alla seconda stagione de I Medici, dedicata a Lorenzo il Magnifico e divisa in due parti, prepara per Sky I diavoli, trasposizione televisiva dell’omonimo romanzo di Guido Brera.

PALOMAR: la casa di Montalbano, oltre a ‘Il nome della rosa’ in coproduzione con 11 Marzo Film (le riprese a inizio 2018) ha in cantiere la serie steampunk western ‘That dirty black bag’ (riprese in estate) e ‘Gheddafi’, sul leader libico, ideata da Saviano con Nadav Schirman. Presto anche La Mossa del Cavallo, tratta da I racconti di Vigata di Andrea Camilleri.

PAYPERMOON lavora a Non lasciarmi, titolo provvisorio di una serie girata a Venezia che ha per protagonista Elena Zonin, una detective, tornata in servizio dopo un forte esaurimento nervoso, che deve indagare sull’efferato omicidio di un giovane ragazzo.

PEPITO: oltre a nuovi tv-movie della collezione “Purchè finisca bene”, sono in preparazione diversi progetti come Federico II di Svevia (6×50’), coprodotto al 50% da Beta Film, Fratelli De Filippo (8×50’) e, per Sky, su Irreality, scritto e interpretato da Fank Matano e Guglielmo Scilla (13×30’).

PICOMEDIA: mentre procedono sul set i lavori per Tutto il mondo è paese con Beppe Fiorello, dedicato al sindaco di Riace, e La vita promessa, miniserie diretta da Ricky Tognazzi, si pensa a Mare fuori, ambientata in un carcere minorile (12×50’), destinata a Rai1, e a Legami di sangue, dove protagonista è un ragazzo con doti fuori dal comune. Non sarà un fantasy: piuttosto seguirà una linea mystery. Dodici le puntate al momento previste.

PUBLISPEI: in attesa di notizie certe  sulla nuova stagione di Un Medico in Famiglia e la messa in onda del sequel di E’ arrivata la felicità, si lavora ai progetti di Tutto un altro mondo e a uno su Eduardo De Filippo

RODEO DRIVE sta sviluppando Sopravvissuti, una  fiction da 12×50’, che ruota attorno alla drammatica scomparsa di una nave crociera, salpata da Genova e colpita in mare aperto da una forte tempesta.

TAODUE: oltre ai sequel di Rosy Abate, Solo e nuovi tv-movie del ciclo Liberi Sognatori, nel bilancio 2016 della società riportato dal mensile Tivu risultano in attivazione C’era una volta la mafia, La trattativa, Buscetta, Michelangelo’s Secret. Ma si lavora anche ad altri progetti ispirati a fatti di cronaca.

VELA FILM: sarà girata in primavera la seconda stagione de La Porta Rossa, la fiction con Lino Guanciale e Gabriella Pession che ha riportato in auge il paranormale.

WILDSIDE: molti i titoli in lavorazione tra sequel (The new Pope, Romanzo famigliare, La mafia uccide solo d’estate, 1994) e new entry seriali. Oltre a L’amica geniale (in coproduzione con Fandango) si prepara Anna, tratta dal romanzo di Nicolò Ammaniti che ha lavorato anche a  The Miracle, in onda in primavera. In preparazione anche due coproduzioni internazionali ancora top secret.

In lavorazione per la Rai anche Panta rei, sul mondo scolastico contemporaneo e “Nessuno è perfetto”, storie di lavoro di amore di due ragazzi down che affrontano la vita con romanticismo e spavalderia. Per il daytime si pensa invece a Il Paradiso delle Signore.

Fonti: mensile TIVU (approfondimenti su serialità nei numeri di ottobre, novembre e dicembre), RaiNews

9 Commenti

9 Commenti su LA TV DEL DOMANI: OLTRE 60 PROGETTI DI FICTION E SERIE POTENZIALMENTE IN ONDA NEI PROSSIMI ANNI

  1. Riguardo la tao2, che sono la Trattativa, Buscetta? Poi confermato il segreto di michelangelo allora?

  2. Della Endemol c’è anche “Beautiful Minds: Bernini vs Borromini”, period drama ambientato nella Roma del XVII secolo. Ma non è il classico racconto biografico. La serie, infatti, utilizza uno stile moderno e visionario per raccontare la grande rivalità artistica e umana di Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini, due dei più talentuosi artisti di tutti i tempi. Ii due personaggi saranno in perenne competizione per la celebrità, la gloria e i favori del Papa. Tra arte, cardinali, amore e cortigiane si scontrano i caratteri e si intrecciano le vite straordinarie di questi due uomini ambiziosi e geniali: Bernini è brillante e instancabile, mentre Borromini è inquieto e irresoluto. Protagonista assieme ai due sarà una donna in cerca d’amore di cui entrambi gli artisti si innamoreranno e lotteranno per averla e ci sarà anche un’altra donna nemica della precedente che sarà ambiziosa e crudele e sarà intenzionata a conquistare il Trono più potente della Terra, cioè vuole il Trono di San Pietro.

    Per la Tangram Films c’è Beatrice Cenci – Il Processo, storia romanzata della vicenda della nobildonna romana Beatrice Cenci. Roma, sedicesimo secolo. Beatrice Cenci, una bella e giovane aristocratica, viene arrestata con l’accusa di aver ucciso il padre, il conte Francesco Cenci, con la complicità dei suoi familiari. Sulla sua colpevolezza nessuno nutre dubbi, ma il popolo difende strenuamente la ragazza, vittima per anni degli abusi del padre. Ma la Chiesa di Roma, governata da Papa Clemente VIII, non è disposta a perdonare l’omicidio. È l’inizio di un processo che sconvolgerà la città eterna.

    Per la Colorado Film e Rainbow Srl ci dovrebbe essere Il Suggeritore, fiction basata sul romanzo di Donato Carrisi. Qui la trama: È una storia che esplora la zona grigia fra il bene e il male fino a cogliere l’ultimo segreto, il minimo sussurro. Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che richiede tutta l’abilità degli agenti della Squadra Speciale guidata dal criminologo Goran Gavila. Il loro è un nemico che sa assumere molte sembianze, che li mette costantemente alla prova in un’indagine in cui ogni male svelato porta con sé un messaggio. Ma, soprattutto, li costringe ad affacciarsi nel buio che ciascuno si porta dentro. È un gioco di incubi abilmente celati, una continua sfida. Sarà con l’arrivo di Mila Vasquez, un’investigatrice specializzata nella caccia alle persone scomparse, che gli inganni sembreranno cadere uno dopo l’altro, grazie anche al legame speciale che comincia a formarsi fra lei e il dottor Gavila. Ma un disegno oscuro è in atto, e ogni volta che la Squadra sembra riuscire a dare un nome al male, ne scopre un altro ancora più profondo…

    E ancora il maxiprogetto su Casa Savoia, ma non è ancora stata rivelata la casa di produzione legata a questo.

  3. Sono due progetti relativi alla trattativa Stato-mafia e un biopic sul pentito Buscetta (di cui si parla già da diverso tempo). Per tutte bisognerà attendere news successive su eventuale ordine da parte di emittenti, attivazione progetti ecc ecc. Potrebbero vedere la luce, come essere state sospese oppure cancellate.

  4. Grazie Veu. Sempre precisa e presente quando si parla di fiction. Una risorsa utilissima per questo blog. QUando hai altre news, aggiornaci 🙂

  5. Interessante l’articolo e molte Delle fiction.
    Anche se, come sempre, le vedrò dopo la fine della messa in onda.

  6. Dovrebbe ispirarsi al romanzo di Harris: ambientato nel settembre del 1938 racconta di Hugh Legat e Paul Hartmann, ex compagni di studi a Oxford e, rispettivamente, segretario di Neville Chamberlain il primo e membro della resistenza anti Hitler il secondo. I due si sono persi di vista per ben sei anni, la guerra li farà ritrovare. Ci saranno quindi Hitler, Mussolini, Churchill e altri personaggi dell’epoca.

  7. Idea bellissima quella di riepilogare tutte le fiction che vedremo schematizzate per casa di produzione

I Commenti sono chiusi.