ALFREDINO SU RAI1: IL DRAMMA DEL VERMICINO CHE PURTROPPO INAUGURÒ LA TV DEL DOLORE

Il 10 giugno del 1981, nella campagna intorno a Roma, un bambino cadde in un pozzo. Cominciò così la vicenda straziante di Alfredino che per due giorni avrebbe tenuto l’Italia incollata alla tv.

Martedì 11 e mercoledì 12 giugno Rai1 trasmette, in prima visione e in prima serata, alle 21.30, la miniserie “Alfredino, una storia italiana”. È la tragedia di Vermicino.

La storia dell’incidente del piccolo Alfredo Rampi, e quel che ne seguì: per 48 ore i tentativi di salvare il bambino richiamarono, oltre a una gigantesca quanto sbalordita e impotente organizzazione di soccorsi, l’attenzione dell’informazione, della politica, e della gente comune di tutto il paese.

La Rai avrebbe documentato ininterrottamente le vicende di Vermicino, in una diretta tv passata alla storia del nostro paese che inaugurò la televisione del dolore che ancora oggi è (purtroppo) uno dei pilastri dei palinsesti.

Qualcuno decise di mandare in onda il dialogo tra la mamma e Alfredino che si trovava giù nel pozzo. In quel momento si superò una misura che non doveva essere superata, si entrò nella privacy e nel dolore della famiglia. Questo creò la curiosità morbosa che tra l’altro portò circa 10.000 persone ad andare a Vermicino senza che ci fosse nessun controllo. Quell’episodio è rimasto impresso nella mia coscienza come un grosso errore, una spettacolarizzazione del dolore.

Così Piero Badaloni a Fanpage. L’ex volto del Tg1 ricorda l’interminabile e straziante diretta da Vermicino dove l’Italia seguì letteralmente minuto per minuto l’agonia e poi la morte di Alfredino.

Il lavoro di Pontecorvo riesce a fare un’accuratissima ricostruzione storica di quei giorni, e a mettere in evidenza il fortissimo versante emotivo che colpì al cuore tutta l’Italia.

Anna Foglietta è precisa e coraggiosa nel prestarsi a interpretare Franca Rampi: i tanti italiani che in quei giorni s’incollarono al teleschermo non hanno mai dimenticato il volto e le parole di quella mamma.

You may also like...