8 GENNAIO 2005: NASCE BALLANDO CON LE STELLE, LO SFAVILLANTE VARIETÀ DI RAI1

8 GENNAIO 2005: NASCE BALLANDO CON LE STELLE, LO SFAVILLANTE VARIETÀ DEL SABATO DI RAI1

Articolo a cura di Andrea Concas (Andrea Concas (@_andre.concas_) • Foto e video di Instagram)

Ballando con le stelle, il popolare show del sabato sera di Rai1 condotto da Milly Carlucci con Paolo Belli, è attualmente giunto alla diciassettesima edizione ed è uno degli unici programmi della TV nostrana che riesce ancora a donare i telespettatori quelle emozioni che possono appartenere ad un solo genere televisivo, ovvero il caro e vecchio varietà: grandi personaggi che scendono nell’ormai famosa pista dell’Auditorium del Foro Italico della Rai, balli, grandi ospiti (talvolta internazionali), una stupenda scenografia in stile barocco, l’inossidabile giuria, l’elegante conduzione di Milly Carlucci e l’immancabile apporto musicale della Big Band di Paolo Belli sono tutti elementi che rendono Ballando con le Stelle molto più di un semplice talent show. Ballando racchiude una moltitudine di generi televisivi:

-varietà: la trasmissione può vantare grandi esibizioni, di alta qualità artistica e scenografica, grazie anche alle tecnologie installate nell’Auditorium del Foro Italico, che in un attimo, da teatro barocco, si trasforma in una discoteca futuristica per mezzo dell’apporto di videowall e tendine led

-talent show: c’è una gara tra coppie di ballerini, il cui destino nel programma dipende per metà dal punteggio della giuria e per metà dal televoto del pubblico da casa

-reality show: i ballerini, durante gli allenamenti, sono costantemente sorvegliati e il loro percorso nella trasmissione va oltre il ballo, in quanto gli spettatori si appassionano al rapporto che si viene a creare tra l’insegnante e il ballerino, che talvolta sfocia in vere e proprie storie d’amore

La prima edizione di Ballando con le Stelle è andata in onda dall’8 gennaio al 26 febbraio 2005 su Rai Uno per un totale di 8 puntate. Le coppie in gare furono 8, a vincere quella formata dall’attrice Hoara Borselli e dal suo maestro Simone Di Pasquale.

Qui un video della coppia durante “La Coppa dei Campioni”, seconda fase del programma andata in onda dopo la fine della seconda edizione (andata in onda sempre nel 2005, in autunno), in cui hanno gareggiato le migliori coppie della seconda edizione e le migliori della prima. Questo torneo è stato riproposto nella terza edizioni con il titolo “La Supercoppa”. Questo torneo fu proposto perché tra il 2005 e il 2007 il programma era abbinato alla Lotteria Italia, di cui venivano estratti i biglietti fortunati durante la finale del suddetto torneo, in onda la seria del 6 gennaio.

Ballando con le stelle Rumba Hoara Borselli + Simone di Pasquale – YouTube

La grande intuizione di Milly Carlucci

La storia del più longevo varietà della Rai inizia da un viaggio di Milly Carlucci a Londra, la quale, dopo aver visto una puntata del format originale di Ballando, ovvero “Strictly Come Dancing”, in onda dal maggio del 2004 su BBC One, decise di proporre lo show alla Rai. Il titolo “Ballando con le Stelle” è opera di Milly Carlucci e del suo team ed è piaciuto a tal punto che il franchising internazionale non si chiama “Strictly Come Dancing”, bensì “Dancing With The Stars”. Lo show partì nello scetticismo generale da parte di tutti, per il fatto che non era mai stato realizzata una trasmissione incentrata totalmente sul ballo, come dichiarato dalla stessa Carlucci:

“La preparazione di Ballando, come sempre succede con prodotti di grande successo, fu di scetticismo generale. Un programma tutto sul ballo, mamma mia! Ma quello che nessuno poteva sapere il pubblico e gli addetti ai lavori l’hanno scoperto nella prima puntata… è che qui la cosa centrale era veder ballare in coppia un professionista e un apprendista stregone che, pur essendo zero spaccato nel ballo, ha già una sua dignità lavorativa da difendere rispetto al fatto di fare una figuraccia perché sembri un coccio di legno”.

La Trasmissione, però, ebbe un successo inaspettato, tanto che le previste 4 puntate diventarono 8:

“Alla fine fu una cosa clamorosa, dovevamo fare 4 puntate e ce ne chiesero 8. La prima edizione di Ballando… la prima volta ti resta nel cuore come qualcosa di speciale.”

I concorrenti

A calcare la pista dell’Auditorium del Foro Italico per 8 settimane furono:

  • Hoara Borselli con Simone di Pasquale
  • Francesco Salvi con Natalia Titova
  • Gianni Ippoliti con Valentina Vincenzi
  • Igor Cassina con Denise Abrate
  • Fabrizio Frizzi con Samanta Togni
  • Anna Maria Barbera con Ilaria Parise
  • Paola Ferrari con Andrea Placidi
  • Carla Paneca con Lucio Cocchi

Grande protagonista della prima edizione fu l’indimenticato Fabrizio Frizzi, affiancato dalla maestra Samanta Togni, che fu ironicamente definito “tronchetto”; a tal proposito Milly Carlucci ha dichiarato:

“La prima edizione di Ballando… la prima volta ti resta nel cuore come qualcosa di speciale. Era un mondo così nuovo, divampante e sorprendente, e ne vennero fuori delle cose che sono rimaste nella cronaca della televisione. Per esempio la definizione di tronchetto data a Fabrizio Frizzi. Mi accordò fiducia per l’affetto che ci lega. Venne in trasmissione, ballava con Samanta Togni e fece la sua strada. Con la sua altezza e conformazione fisica difficilmente era Joaquin Cortes, però ci mise un tale impegno da diventare il simbolo di tutti gli uomini italiani che sul divano venivano tormentati e un po’ sfottuti dalle compagne, mogli, figlie… Vedi, se balla Frizzi potresti ballare anche tu”.

Ecco la coppia esibirsi durante “Ballando con le Stelle – La Supercoppa” (2006):

Ballando con le stelle ChaChaCha Samanta Togni +Fabrizio Frizzi – YouTube

La giuria

Ormai da molti anni il varietà di Rai1 può contare sull’ormai consolidata e “terribile” giuria, formata da Ivan Zazzaroni, Fabio Canino, la presidente di giuria Carolyn Smith, Selvaggia Lucarelli e Guillermo Mariotto. La giuria della prima edizione, però, era molto diversa ed ha solo un componente in comune con quella attuale: lo stilista Guillermo Mariotto.

I giurati fissi della prima edizione di Ballando con le Stelle furono:

  • Roberto Flemack (tecnico di danza)
  • Heather Parisi (ballerina, cantante e presentatrice televisiva)
  • Amanda Lear (cantante e presentatrice televisiva)
  • Guillermo Mariotto (stilista)

In ogni puntata, a differenza di quanto accade oggi, cambiava il presidente di giuria. A susseguirsi alla guida della giuria tra l’8 gennaio e il 26 febbraio del 2005 furono:

1ª puntata: Giancarlo Giannini

2ª puntata: Emilio Fede

3ª puntata: Sandra Mondaini

4ª puntata: Mike Bongiorno

5ª puntata: gemelle Kessler

6ª puntata: Bud Spencer

7ª puntata: Michele Placido

8ªpuntata: Bruno Vespa

 

Audience

La prima edizione di Ballando con le Stelle attirò al debutto una media 6.364.000 spettatori, pari al 31,36% di share, saliti a ben 8.150.000 spettatori pari al 35,11% in occasione della finale (nel dettaglio la finale ottenne 6.121.000 spettatori pari al 23,87% nella prima parte e 8.452.000 spettatori con il 36,99% nella vera e propria puntata, con punte di quasi 10 milioni di spettatori e del 53% di share). La media finale fu di 6.696.000 spettatori con il 31,08%.

Scenografia

La scenografia della prima edizione, come quella di tutte le edizioni successive, fu allestita nell’Auditorium Rai del Foro Italico, situato a Roma in Piazza De Bosis 5, per anni casa anche di “Carramba – Che Sorpresa!” e “Carramba – Che Fortuna!”.

La scenografia in questione, curata da Marco Calzavara, non prevedeva l’ormai noto lampadario, diventato negli anni simbolo di Ballando.

Il pavimento era luminoso ed era simile al pavimento di una discoteca. Ai bordi dello studio vi erano dei pannelli decorati sotto di cui vi erano delle tende rosse. In fondo allo studio c’erano delle scale sia a sinistra che a destra (da cui Milly Carlucci scendeva all’inizio di ogni puntata, sulle note della sigla di Ballando, cantata da Paolo Belli), proprio come accade oggi, con la differenza che queste erano più corte e c’erano delle scale anche più avanti, in corrispondenza della postazione dove Milly Carlucci si siede durante le esibizioni. La regia era di Cesare Gigli, la fotografia di Pino Quini.

 

                                         La scena si ispirava al mitico Blackpool Teathre di Liverpool, vero e proprio tempio della danza.

Conduzione

Come in tutte le edizioni del programma, la conduttrice fu Milly Carlucci, anche capo progetto, affiancata da Paolo Belli, che porta nel varietà l’insostituibile apporto della sua Big Band.

Sito web

La trasmissione aveva anche un sito web dedicato all’indirizzo www.ballandoconlestelle2004.rai.it, oggi non più attivo, ma è ancora consultabile tramite l’archivio web di Wayback Machine al seguente indirizzo: https://web.archive.org/web/20071021033847/http://www.ballandoconlestelle2004.rai.it/

Il colore dominante all’interno del sito era l’azzurro, all’epoca colore simbolo della trasmissione (poi lo è diventato il rosso). Era possibile accedere a dei giochi dedicati alla trasmissione e ad un forum, dove gli spettatori potevano commentare le puntate.

Da questa schermata si può evincere che il 4 febbraio 2005 uscì in tutte le edicole un CD con tutte le canzoni più belle della trasmissione, suonate dalla Paolo Belli Big Band.

Logo

Il logo della prima edizione era azzurro, mentre le scritte erano dorate, come nei loghi di tutte le edizioni del programma. Il logo era formato da un ovale che si formava dall’unione di due fasci di luce generati idealmente dai riflettori della pista dell’auditorium, al centro di cui c’erano due silhouette, una raffigurante il maestro e l’altra il ballerino/ballerina. Questo logo sarà utilizzato in diverse variante (poi diventerà rosso) fino alla decima edizione, andata in onda nel 2014. A partire dall’undicesima edizione (2016) il logo si adatta a quello delle versioni internazionali di Dancing With The Stars, perdendo la silhouette dei due ballerini.

Articolo a cura di Andrea Concas (Andrea Concas (@_andre.concas_) • Foto e video di Instagram)