Crea sito

ANTONELLA CLERICI: HO ACCETTATO OGNI PROGRAMMA PER SPIRITO DI SQUADRA MA ORA BASTA! E SU MARIA DE FILIPPI…

Antonella Clerici ha rilasciato una lunga e schietta intervista a CHI, dall’amore alla professione. Ecco un sunto delle principali dichiarazioni.

L’addio alla Prova del Cuoco.

Se fossi stata una calcolatrice, prima di lasciare La Prova del Cuoco, avrei cercato di avere un programma forte in prima serata. Ma non sono così, per me viene prima il cuore e non mi sono pentita. Per anni ho accettato tutto per spirito di squadra e ho fatto il soldatino, ma il militare si fa una volta nella vita.

Affiancherai Amadeus a Sanremo?

No, perchè questo è il suo Festival e deve farlo da solo. Lui è arrivato fin qui dopo una lunga gavetta, è diventato un numero uno e questo è il suo momento, così come lo è stato per me e Carlo Conti. Poi, se per i 70 anni invitasse i vecchi conduttori, allora uno ci va certamente.

Andresti a lavorare con Maria De Filippi?

No, perchè Maria fa cose bellissime con tante brave conduttrici e non vorrei essere un peso. La stimo moltissimo ma non andrei mai a romperle le scatole, lo farei se mi dicesse che ha un progetto apposta per me, ma è giusto che valorizzi le risorse della sua azienda.

19 Risposte

  1. Sabato ha detto:

    Per anni ho accettato tutto per spirito di squadra“: pura verità. La Clerici è un’aziendalista e questo l’ha portata ad accettare progetti poco convincenti già sulla carta. La Rai, che avrebbe dovuto essere riconoscente, le sta invece facendo pagare i riscontri tiepidi dei suoi ultimi programmi. Spero che la Clerici possa trovare nuovo spazio: la considero una conduttrice unica per spontaneità e onestà; quanto alle sue capacità, parla il suo curriculum!

  2. Dario S ha detto:

    Perfetta la risposta su Maria. Ha fatto intendere che accetterebbe si, ma un programma creato appositamente per lei.

  3. Enzo91 ha detto:

    Tutto vero. Nulla da aggiungere

  4. Gluca ha detto:

    Onesta e sincera… una delle poche a dire sempre la verità. BRAVA Antonella

  5. Dennis Mantovan ha detto:

    Verissimo tutto quello che dice. Spero che l’eventuale nuovo direttore riconosca la sua professionalità e le dia ciò che le spetta, a differenza della DeSantis che ha “premiato” chi non meritava e ha “punito” chi invece meritava.

  6. LordMassi ha detto:

    Gran de Antonella
    Spero vivamente che la De Santis tolga le tende visto i danni che ha fatto e il nuovo/a direttore rilanci questa grande professionista, come dissi qualche giorno fa per me sarebbe perfetta alla conduzione dei Migliori Anni magari al fianco di Conti.

  7. Sabato ha detto:

    Secondo me la Clerici dovrebbe seguire due filoni:
    – il filone “teche”, con un programma stile Tutti Pazzi Per La Tele o appunto I Migliori Anni. La Clerici ama la TV e sa raccontare episodi e personaggi con leggerezza e simpatia;
    – il filone reality trash (ma trash Rai), tipo Il Ristorante o Music Farm. Antonella ama la diretta e sa gestire gli imprevisti; inoltre, è bello vederla interagire con concorrenti e ospiti vip in un contesto leggero e popolare.

    Basta talent, soprattutto quelli con i bambini. Basta riproposizioni azzardate stile Portobello. E basta emotainment: a me i programmi di questo genere – quelli ben fatti (penso per esempio a Così Lontani Così Vicini) – piacciono, ma il pubblico Rai non li ha mai premiati particolarmente.

  8. Modica2 ha detto:

    Concordo con tutto ciò che hai scritto

  9. Modica2 ha detto:

    Antonella Clerici sempre schietta e sincera💪

  10. Peppeel993 ha detto:

    Io stimo la clerici però non amo sentir dire “ho accettato per spirito di squadra”… i programmi si accettano se sono nelle tue corde e se tu pensi di poter far bene con quel programma, se ci credi… ci sta anche il flop, ma almeno essere convinti di quell’idea. E onestamente, secondo me, negli ultimi programmi non ci credeva neanche lei

  11. Modica2 ha detto:

    Pacchetto Clerici
    -Seconda serata su Rai 1
    – I migliori anni 80-90-2000 4/6 puntate a gennaio

  12. andreatv99 ha detto:

    Quando Mara sarà stanca di fare Domenica In la affiderei a lei.
    Inoltre le darei Il Ristorante per la prima serata di Rai2

  13. Atomth ha detto:

    Anto ci vuole subito il ristorante, puntando a nomi di un certo livello, non essendo un reality “estremo” accetterebbero in tanti.

  14. Ceruleo ha detto:

    Il Ristorante può andare pure su Rai 1, con un buon cast

  15. Ceruleo ha detto:

    “Il pubblico Rai non li ha mai premiati particolarmente”.
    In realtà in Rai è nato l’emotainment/people show per eccellenza: Carramba! Pure Il Treno dei Desideri andò molto bene, fino a quando non lo misero contro la Posta (a chi venne in mente? Dev’essere proprio un genio).
    Non funzionano i factual registrati ed in esterna come Il dono e Così lontano così vicini.
    Sul resto concordo.

  16. Paulucci ha detto:

    Devo dire che mi dispiace tanto per Antonella, una che ha dato anima, corpo e cuore alla Rai, non merita certamente di essere messa da parte a discapito di chi in tv non dovrebbe nemmeno starci. La carriera di Antonella si è appiattita dopo il suo Sanremo (forse il più bello degli ultimi 10 anni), vuoi per aver condotto programmi onestamente bruttini, vuoi per aver proposto TLUC fino allo sfinimento. Avrei fatto tornare, invece, un gioiellino che è da sempre nell’immaginario collettivo, che è il Treno dei desideri.

  17. Sabato ha detto:

    Ovviamente mi riferivo a tempi più recenti rispetto a Carramba. Ti faccio tre esempi di TV dei sentimenti che non è riuscita a decollare: Così Lontani Così Vicini di Al Bano, Senza Parole della Clerici e La Prima Volta di Cristina Parodi. Come vedi, non sono tutti factual.
    Sono curioso di vedere se Mara Venier riuscirà a portare al successo il genere emotainment con La Porta Dei Sogni, prossimamente su Rai1.

  18. Ceruleo ha detto:

    “Così lontani e così vicini” era identico a “Il dono”: registrato e tutto in esterna, senza uno studio.
    “La prima volta” io non lo definirei un emotainment: era un semplice talk sulle prime volte, alcune storie non si concludevano con una sorpresa e venivano semplicemente raccontate. Insomma come il programma della Fialdini.
    “Senza Parole” era un programma senza né capo né coda, sbattuto al sabato, quando la Clerici era già in questo periodo di “calo”, se così vogliamo definirlo. Mi sembra esagerato fare questo ragionamento induttivo: per un programma andato male non si può condannare un intero genere televisivo.
    Di people show puri e con tutti i crismi (come la Posta, Carramba o il Treno) non si vedono da tanti anni su Rai 1.

  19. Sabato ha detto:

    Curiosità dalla pagina Wikipedia di Antonella Clerici:
    In seguito agli impegni con il festival di Sanremo 2020 sostituisce Amadeus alla conduzione del programma Ora o mai più
    Magari fosse vero! 😍😅

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *