Crea sito

BAGARRE LCN: IN DISCUSSIONE I TASTI 8 E 9 DEL TELECOMANDO CHE POTREBBERO ESSERE RIASSEGNATI ALLE TV LOCALI, SFRATTANDO MTV E DEEJAY TV

BAGARRE LCN: IN DISCUSSIONE I TASTI 8 E 9 DEL TELECOMANDO CHE POTREBBERO ESSERE RIASSEGNATI ALLE TV LOCALI, SFRATTANDO MTV E DEEJAY TV

Bagarre LCN: nuova rivoluzione della numerazione della lista dei canali del digitale terrestre.

Tutto da rifare per l’annosa questione della numerazione della lista dei canali (LCN) del digitale terrestre, in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato, pubblicata l’8 settembre scorso (n. 4145/2014), che ha definitivamente confermato l’illegittimità dell’assegnazione dei numeri LCN 7, 8 e 9 alle televisioni nazionali e la violazione da parte dell’AGCOM delle sentenze passate in giudicato che avevano già sanzionato tale illegittimità.

L’ultimo intervento del Consiglio di Stato, infatti, ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati dall’Agcom, dal Mise e da Mtv Italia contro la sentenza con cui gli stessi giudici di Palazzo Spada avevano annullato la delibera dell’Autorità sul nuovo piano di numerazione dei canali.

Ma andiamo con ordine, cercando di capire la cronologia dei fatti in merito alla numerazione della lista dei canali.

Nel 2010 l’Agcom adottò il primo Piano di numerazione automatica dei canali digitali terrestri. I numeri da 1 a 9 toccarono ai canali generalisti nazionali ex analogici. Quelli da 10 a 19 alle emittenti locali. Il piano fu annullato nel 2012 dal Consiglio di Stato, che bocciò le valutazioni dell’Agcom obbligando la stessa Authority a ripronunciarsi, tenendo conto delle abitudini e delle preferenze degli utenti. Nel marzo 2013, l’Agcom approva il nuovo Piano confermando La7 al numero 7, Mtv all’8 e Deejay Tv al 9, nel malcontento generale che contestava il carattere generalista di Mtv e Deejay Tv.

BAGARRE LCN: IN DISCUSSIONE I TASTI 8 E 9 DEL TELECOMANDO CHE POTREBBERO ESSERE RIASSEGNATI ALLE TV LOCALI, SFRATTANDO MTV E DEEJAY TV

A dicembre il Consiglio di Stato ha dichiarato la nullità dell’assegnazione dei canali 8 e 9, senza contestare al tasto 7 e a La7 alcunché, considerandola emittente generalista nonché abitualmente collocata dai telespettatori in quella posizione anche prima del piano 2010.

Una grande vittoria delle piccole realtà locali defraudate da un prestigioso collocamento nella LCN del digitale terrestre, tra cui l’emittente barese Telenorba che, insieme alle altre tv locali, esprime soddisfazione per la sentenza.
Non ci resta che capire come evolverà la questione, anche considerando che il posizionamento delle tv locali dal tasto 10 al tasto 19 era stato deciso come indennizzo per l’assenza nel prestigioso collocamento LCN e che, qualora le confermassero ai tasti 8 e 9, andrebbe rivisto in toto, magari attribuendo alle altre tv locali una posizione diversa, lasciando i tasti dal 10 al 19 alle reti sfrattate e a numerose realtà che hanno catturato le nostre abitudini, tra cui i canali Real Time, DMax e Cielo, altre alla nuova rete Fine Living che, rapidamente, ha fatto breccia nel cuore della nostra Community.