Tra i temi affrontati ieri a TvTalk c’erano i programmi della domenica pomeriggio, anticipati da un sondaggio online dove la palma di più votato è andato al Kilimangiaro, lo storico programma di viaggi ideato e condotto da Licia Colò fino al 2014, quando viene sostituita tra le polemiche da Camila Raznovich.

Il clima in studio era già frizzante dal dibattito su Weinstein con tanto di frame video tratti da Porta a Porta, Matrix e soprattutto dal talk di Pomeriggio 5 con Luxuria opinionista, bollati come chiacchiere da bar e provincialismo televisivo. Parole di Camila. Passando alla domenica pomeriggio, la giocosa sigla anni ’90 della nuova Domenica In viene accostata alle urla del talk di Domenica Live e alla diretta dalla sala operatoria.

Prostituzione, ribatte una sempre più contrariata Camila (quando in casa, alla Vita in Diretta, non sono mancati dei parti in diretta e collegamenti dal letto d’ospedale di vip doloranti). Poco dopo, sottolinea di volersi esimere dal commentare i programmi concorrenti del Kilimangiaro. Coerenza!

P.S. – L’intervista di Asia Argento a CartaBianca trova la consueta difesa d’ufficio: “Bianca fa il suo lavoro”. Ecco se ognuno facesse in Rai il proprio lavoro, sarebbe meglio!

14 Commenti

14 Commenti su BARBARA D’URSO E LE MAESTRINE
DALLA PENNA ROSSA

  1. BOOM: Bubino contro i poteri forti.
    Onestamente capisco che TvTalk vada su RaiTre e faccia un po’ di promozione ai programmi di casa. Tuttavia penso che gli ascolti dimostrano come stia un po’ perdendo credibilità con queste difese d’ufficio.
    #Cartabianca sta usando temi forti per uscire da un buco nero a fuon di 3 e 4% dei primi tempi, dopo aver capito che battendo il caso del momento (vedi le interviste a Flavio Insinna fino ad arrivare alla penosa intervista ad Asia Argento.

    Su Camila stenderei un velo pietoso, non avendo il coraggio delle proprie azioni confermando un discorso che era EVIDENTE dalle sue prime uscite

  2. Ormai penso che in Rai siano convinti che il competitor si batta infangando, inventando vittorie inesistenti (vedi le prime settimane de La vita in diretta oppure le fantasiose uscite con Che tempo che fa che farebbe guadagnare audience alla Rai, quando sono evidenti almeno una decina di punti in meno in alcune domeniche nella coppia Rai1+Rai3)

  3. Mai sopportata dai tempi di MTV. Ogni programma che conduceva lo snobbavo a prescindere a differenza dei vari silvestrin, pezzi, kris&kris, bossari, maccarini ECC ECC che invece adoravo

  4. Nel criticare la D’Urso, hanno perfettamente ragione, tuttavia non possono permettersi di farlo, dal momento che anche loro spesso cadono nei suoi stessi errori.
    Piuttosto che insultarla, a mio avviso, dovrebbero impegnarsi e proporre programmi televisivi magari meno trash ma comunque appetibili e interessanti.

  5. Bubino
    Ognuno è libero di criticare di vuole. Non vedo articoli su altre altre conduttrici prese di mira
    Poi se a te piace la signora Barbara è un altro discorso

  6. “Non vedo articoli su altre altre conduttrici prese di mira”

    Quali conduttrici Mediaset attaccano, definendo “pornografia”, i programmi della Rai in pubblico?

    Nomi e cognomi. Fatti. Ora.

  7. Ho sempre perculato i comunicati stampa di Mediaset perché si inventano i target per mettere in luce il floppone del momento e adesso faccio lo stesso con la Rai che da questa stagione ha preso lo stesso andazzo.
    Anni fa facevo il post dei comunicati stampa apposta per mettere in mostra tutte le sciocchezze che scrivono, non immaginando che un giorno anche in Rai avrebbero seguito lo stesso andazzo

  8. Ricordo che la Raznovich soppiantò Licia Colò perché più giovane. Ma parliamo di due rette che si incontrano all’infinito

  9. Infatti spesso leggo Bubino che critica proprio il fatto che questa dirigenza non abbia proprio contatto con la realtà e si rivolga ad un pubblico che solitamente vede la tv con la puzza sotto al naso

  10. Secondo me non hai ben compreso lo spunto di Bubino, facendoti trascinare da un’antipatia personale.
    Il problema non è D’Urso o non D’Urso, ma il fatto che si facciano due pesi e due misure, parlando di tv in sala operatoria, dimenticando di criticare la stessa cosa quando è stata fatta da La vita in diretta.
    Inoltre è alquanto discutibile che un personaggio televisivo trascenda parlando di una rete concorrente bollandolo come “prostituzione” televisiva. Diamo un peso alle parole perché non è l’haters di turno che scrive sui social, ma una professionista che ha diritto di cronaca che NON è diritto d’offesa

  11. E poi non capisco perché la Raznovich (che in tv ci lavora) ha diritto di critica e Bubino che ha un Blog di tv non ha diritto di critica, indipendentemente da tutto il resto.

  12. La D’Urso potrà anche essere discutibile nel tipo di trasmissione che confeziona assieme agli autori, ma non si può certo negare che ai telespettatori piaccia e macini ascolti. Non sopporto questo voler a tutti i costi denigrare il pubblico che guarda una trasmissione perché definita trash: ma anche di domenica bisogna guardare solo documentari e/o programmi politici? Un po’ di leggerezza no? Ultima cosa: con un budget ridottissimo, carmelita negli anni ha coinvolto sempre più persone a guardare i suoi programmi, facendo le nozze con i fichi secchi… un po’ di merito lo avrà?

I Commenti sono chiusi.