Crea sito

BUBINOCINEMA: CONSIGLI SUI FILM DEL 3 AGOSTO IN TV

Oggi la mia attenzione è tutta rivolta a Rai 1 con le Superteche, ma ciò non toglie che ci siano ottime proposte, soprattutto cinematografiche, su altre reti.

Però suggerisco la Cavalleria Rusticana di Mascagni su Rai 5, in diretta Eurovisione dal San Carlo di Napoli, mentre la presentazione sarà da Matera.

Rai 3 – Ch. 3 – Il Segreto (film 2016)

Una storia fatta di fashback. Avrebbe potuto essere toccante e drammatica, invece si sviluppa come in un romanzetto rosa. Le scene troppo macchiettistiche, una storia che assomiglia a mille altre, ma che viene almeno interpretata bene. La centenaria Roseanne McNulty, che in gioventù era una donna di bellezza stupefacente, è rinchiusa in un ospedale psichiatrico dalla fine della Seconda guerra mondiale. Vive sedata e da sola mentre si avvicina alla fine dei suoi giorni. Quando le politiche governative decretano la chiusura del nosocomio, il primario Grene ha più di qualche difficoltà nel ricostruire la storia clinica di Roseanne e a risalire al motivo della sua degenza. Mettendo da parte la professionalità, William scopre un libro di memorie scritto dalla donna nascosto sotto le assi del pavimento e si propone di scoprire quale formidabile storia nasconda. Dalla falsa condanna per infanticidio alla storia degli uomini da lei rifiutati che la accusano.

2 stelle.

Italia 1 – Ch. 6 – Ritorno al futuro – Parte II (film 1989)

Per potersi gustare questo film bisogna aver visto il primo capitolo e chi non lo ha visto si merita inviti a cena da Mark Caltagirone a vita. Il film non ha flessioni qualitative rispetto al precedente e, anzi, guadagna con l’interazione con il precedente attraverso diversi punti di vista. Marty va nel futuro per proteggere il suo futuro figlio, ma tornando nel presente si ritrova in un mondo totalmente diverso, con Biff che la fa da padrone. Deve dunque tornare nel 1955, per rimediare agli involontari errori del passato. Emmett “Doc” Brown avverte Marty Mc Fly che, per il bene della sua futura famiglia, deve recarsi nel 2015 per “correggere” gli eventi. Hill Valley è infatti terrorizzata da Biff, arricchitosi grazie al possesso di un annuario sportivo che gli consente di conoscere in anticipo i risultati delle partite. Nel tentativo di riportare tutto alla normalità, Marty deve tornare nel 1955. Affascinante e ricco di suspense, anche se non si direbbe.

3 stelle e mezzo.

TV8 – Ch. 8 – Premonition (film 2007)

Thriller paranormale senza sale. Noioso, prevedibile, colpi di scena che se non ci fossero stati ci sarebbe stata più suspense. Sandra Bullock in una delle sue peggiori interpretazioni. Linda riceve la notizia che l’amato marito Jim è morto in un incidente d’auto: quando si sveglia, lo trova al suo fianco e capisce di aver avuto una premonizione. Ma il giorno successivo si celebrano i funerali di Jim: Linda inizia una corsa contro il tempo per salvargli la vita, senza più sapere se la sua è chiaroveggenza o un incubo senza uscita.

1 stella.

Nove – Ch. 9 – Presa Mortale (film 2006)

Il debutto di John Cena sul grande schermo. Quando faceva anche il rapper. Un action d’altri tempi con richiami ai classici del genere degli anni 80. John Triton è un marine che ha combattuto in Iraq e fa ritorno a casa dopo essere stato congedato contro la sua volontà: ben presto, però, si ritrova di nuovo in azione quando sua moglie viene rapita da alcuni ladri di diamanti in fuga, guidati da un criminale senza pietà. John li insegue attraverso la Carolina del Sud per poter ritrovare la sua amata compagna. Però va ammesso: nonostante tutti quei muscoli, John Cena è davvero un bel ragazzo.

Nessuna stella

20 – Ch. 20 – 10.000 A.C. (film 2008)

Una storia non storia. Avventuar in formato blockbuster che però non coinvolge e non si sviluppa, mancando di ironia e divertimento. Nel complesso il film è scadente. E pecca anche la regia che punta troppo sugli effetti in CGI. Volendo essere buoni, il film ha come target ragazzini che non hanno raggiunto l’adolescenza. Altrimenti è per cerebrolesi. Perché se ti fai andare giù anche i polpettoni epici che non hanno nulla, solo perché il regista ha fatto qualcosa di buono, hai dei problemi. (Uso un tu generico, casomai qualcuno si sentisse toccato). Il cacciatore di mammuth D’Leh vive con la sua tribù nei pressi di una montagna. Un giorno, una banda di spietati guerrieri attacca il suo villaggio e rapisce Evolet, la ragazza di cui è innamorato. Deciso a trovarla e a liberarla, D’Leh si mette a capo di un piccolo gruppo di cacciatori. Il viaggio però si rivela più difficile del previsto, a causa di pericolosi animali preistorici: alla fine, D’Leh scopre una misteriosa civiltà perduta.

1 stella

Rai 4 – Ch. 21 – KickBoxer: Retaliation (film 2018)

Interpreti di gran fama, soprattutto per gli appassionati del enere, che però sembrano essere arrivati al film solo per provare ad attivare nuovo pubblico e ridare vita ad un filone già ampiamente esaurito. Dopo l’esperienza vissuta un anno prima, Kurt Sloan ha giurato di non ritornare mai più in Thailandia. Tuttavia, mentre si sta preparando per un incontro di arti marziali miste, si ritrova sedato e costretto a far ritorno nel paese asiatico. Viene portato in una prigione dove è chiamato ad affrontare un mostruoso sfidante in cambio di 2 milioni di dollari e della libertà in caso di vittoria. Dopo un iniziale rifiuto, Kurt non avrà altra scelta che accettare e sottoporsi a una rigida formazione con inaspettati mentori.

Nessuna stella.

Iris – Ch. 22 – L’ultima missione (film 2008)

Un noir intenso con il difetto di avere troppe sottotrame. Purtroppo questo non aiuta a concentrarsi su quella principale, ma forse è un bene perché altrimenti sarebbe apparso come un melo. Un film sul dolore e sul male di vivere, colpisce come un pugno nello stomaco. Schneider è un poliziotto francese vicino allo zero esistenziale avviato verso la fine di una carriera alla quale non ha più molto da offrire. Nel mezzo di questo declino la vita sembra offrirgli un’occasione di riscatto: la protezione di una donna, Justine, la cui famiglia fu annientata da un serial killer 25 anni fa e che ora è tornato in libertà e in azione.

3 stelle e mezzo.

Rai Movie – Ch. 24 – Gangs of New York (film 2002)

Pur essendo relativamente recente, il film si carica di epica. Una regia attenta, precisa, ineccepibile. Come il cast maschile. Forse ha il difetto di essere nato credendo subito di essere un colossal. Ma è un bene che Scorsese ci abbia creduto da subito, riuscendo a spingere dove altrimenti avrebbe potuto trattenersi. Scorsese scava nella storia di un popolo alla ricerca del suo DNA e lo rovescia sullo schermo in un racconto epico travolgente, in cui respiriamo barbarie mista a slanci di profonda umanità, miseria irredimibile e altezza d’ingegno, odio brutale e amore dolcissimo, sete inestinguibile di potere e sacrificio di sé fino alla morte. New York, seconda metà del XIX secolo: americani e immigrati irlandesi si combattono per spartirsi il territorio e la gestione degli affari illeciti. In particolare la sfida è tra i “Conigli Morti”, guidati dal giovane Amsterdam Vallon, e i “Nativi”, capitanati dallo spietato Bill Poole detto “il Macellaio”. Lo scontro si fa sempre più feroce, perché Amsterdam è spinto dal desiderio di vendicare la morte del padre, assassinato da Poole tempo addietro. A sua volta, Poole vuole uccidere il giovane Vallon per affermare definitivamente il suo predominio sulla città.

4 stelle e mezzo.

Rai Premium – Ch. 25 – Katie Fforde – L’angelo del faro (film TV 2012)

Filmettino per la Tv. Rivolto ad un pubblico di persone annoiate che stanno in casa a non far nulla. Perché se si avesse qualcosa da fare lo si preferirebbe a questo film. Film melenso e prevedibile. Senza un solo secondo di interesse. Rob Hunter è incaricato di portare a termine un piano di sviluppo edilizio nella valle dell’Hudson. L’ultimo frammento che gli manca è un vecchio faro, protetto con tutte le forze dalla funzionaria Anna Wilcox. Mentre i due finiscono inevitabilmente per innamorarsi, la madre di Anna, che lavora come giudice, tenta di porre riparo ad alcuni vecchi torti, coinvolgendo l’ex guardiano del faro, che altri non è che il padre biologico di Rob.

Nessuna stella.

Cielo – Ch. 26 – Scandalosa Gilda (film 1985)

Unico motivo di interesse il porno animato che vediamo nel film. Per il resto è un film paraculo con pretese psicologiche inesistenti che si sviluppa sprofondando nel ridicolo e, nonostante questo, annoia. Ha sorpreso suo marito fra le braccia dell’amante e questo basta per spingerla a lasciare Roma in auto. Strada facendo conosce un disegnatore di cartoni animati e inizia con lui un tour de force erotico e psicologicamente complesso. Ventiquattro’ore di umiliazioni, di confessioni e di sesso, alla fine delle quali un incidente stradale toglie la vita al giovanotto. Lei allora chiede un passaggio a un altro, decisa a tornare nella capitale.

Nessuna stella.

Paramount Network – Ch. 27 – Un marito per Cinzia (film 1958)

Commedia per famiglie in perfetto stile americano degli anni cinquanta. Cary Grant non alla sua migliore prova. La Loren simpatica ma non convince. Tom Winston è un avvocato americano che, rimasto vedovo, prende con sé i tre figli, riluttanti a vivere con lui. Una sera li porta a un concerto del maestro Zaccardi, padre tiranno di una figlia ribelle: Cinzia. Quella stessa sera fuggono dai rispettivi genitori sia Cinzia che Robert (figlio dell’avvocato); si incontrano e la ragazza riporta Robert a casa. Inizia da qui un rapporto di simpatia tra Cinzia e i figli di Tom, tanto che questi assume la ragazza come governante. Dopo varie disavventure, Tom si innamora di Cinzia.

3 stelle

La7 D – Ch. 29 – Insieme per caso (film 2003)

Personaggi un po’ borderline rispetto alla società in cui sono immersi. Ottimo tutto il cast. Ma il film è un po’ insipido. Uno di quei film che se cominci a vederlo, arrivi alla fine, ma che non scalpiti col desiderio di vederlo. E se poi lo perdi non te ne fai un cruccio. Grace Beasley è la tipica casalinga americana, abitudinaria e poco incline all’avventura, che ha passato la vita dedicandosi al marito Max e venerando il cantante Victor Fox. Quando resta sola perché Max chiede il divorzio e Victor viene assassinato da un serial killer, il suo universo si sgretola. È l’occasione per reagire: Grace decide di recarsi in Inghilterra per partecipare al funerale del suo idolo. Qui scopre che il divo venerato dalle donne di mezzo mondo era in realtà gay: conosce pure il suo fidanzato, l’odioso e scostante Dirk Simpson, e tra i due nasce un’amicizia.

2 stelle.

La 5 – Ch. 30 – Inga Lindström: Sulla via del tramonto (film TV 2004)

Solito filmetto tratto da romanzetti rosa che servono per far sentire vive quelle persone, soprattutto un pubblico femminile, che si sente insoddisfatto della propria vita. La giovane Eva si reca a Barkhult per assistere al parto di una sua cara amica, che lavora presso una fattoria della zona. Poiché Gustav, il fattore, è costretto a un improvviso ricovero in ospedale, Eva si ritrova a dover badare alla proprietà. Giunge in suo aiuto il genero di Gustav, e tra loro è amore a prima vista.

Nessuna stella

Spike – Ch. 49 – Al vertice della tensione (film 2002)

Nuovo tentativo di dare vita e dignità al personaggio di Jack Ryan, personaggio creato dalla penna di Tom Clancy che era stato reso piatto da Alec Baldwin e inverosimile da sun seppur bravo Harrison Ford in precedenza. In questo Ben Affleck riesce in questa impresa, avvicinando il personaggio a quello creato per la saga letteraria, ma a mancare è la storia. Jack Ryan è un analista della CIA esperto della nomenclatura post-sovietica, grazie alla nomina di un nuovo presidente russo diventa il braccio destro del capo della CIA e sventa all’ultimo minuto la guerra nucleare, fomentata da un’internazionale neonazista. Il sapore è quello di una gomma da masticare trovata sul marciapiede e messa in bocca.

1 stella.

Rai Storia – Ch. 54 – Domenica d’agosto (film 1950)

Un ottimo film affresco delle contraddizioni dell’Italia degli anni dell’immediato dopoguerra. In pieno stile neorealista. Un’Italia che sa dimenticare in fretta, come oggi più che mai notiamo. C’è chi va al mare in bicicletta, chi, col proprio taxi, ci porta tutta la famiglia, chi finge di essere ricco per conquistare l’amore della donna dei suoi sogni, chi perde l’amore e si lascia coinvolgere in una rapina, e così via. È l’Italia del 7 agosto 1949, festa di San Gaetano. Ma è anche l’Italia che si mette alle spalle 20 anni di regime e finge che tutto vada già bene.

4 stelle e mezzo.

Italia 7 Gold – Ch. diverso in base ai segnali regionali – Eureka (film 1983)

Ottimo cast maschile per un film un po’ contorto. La nascita di un magnate, dalle lande desolate e ghiacciate, teatro di ricerche forsennate di oro, fino alla vecchiaia “dorata” nel paradiso tropicale dei Caraibi, assediato da una famiglia “pericolosa” e molesta, e da ex soci e collaboratori in odore di tradimento. L’epopea folle e squilibrata (in molti sensi) di un uomo che si è fatto da sé. Jack McCann è stato un fortunato cercatore d’oro. Divenuto ricco si è stabilito nei Caraibi, dove però la sua esistenza scorre fra mille tormenti originati soprattutto dalla gelosia per la figlia che ha sposato un playboy francese. Si è avverata così una premonizione che Jack aveva avuto ai tempi della corsa all’oro.

2 stelle e più.

La seconda serata offre uno dei film simbolo della storia del cinema.

Rai 1 – Dalida (film TV 2017) – Una grande diva. 140 milioni di dischi venduti. Una crisi esistenziale che l’ha accompagnata per 20 anni, dalla morte del suo grande amore al suo suicidio. Donna ricca di talento e fragile ed irrisolta. Biografia convenzionale ben girata e interpretata. 3 stelle.

Italia 1 – Tempesta di ghiaccio (film 2009) – Film apocalittico senza senso. Con effetti speciali orridi, recitazione agli stessi livelli degli effetti speciali. Trama risibile. Per di più cavalca l’onda dei complottismi metereologici. Nessuna stella.

Rai Movie – Krakatoa est di Giava (film 1969) – Film catastrofico in epoca non sospetta. Recitazione e svolgimento da recita di fino anno, ma interessante la sceneggiatura mal sfruttata. Rifatto adesso potrebbe risultare più interessante. 1 stella.

Paramount Network – Quando la moglie è in vacanza (film 1955)

Uno dei capolavori di Billy Wilder. Un’analisi dei bisogni dell’uomo occidentale tipo che si è ormai passivizzato e si lascia dire di che ha bisogno. Un ritmo perfetto, sia nei tempi comici che nel racconto. Per chi è abituato alle commedie e ai ritmi attuali, sicuramente sembrerà lento, non più che un film simpatico, dimenticando che ha segnato un’era. Nell’afa di Manhattan, mentre moglie e figlio sono in vacanza, Richard Sherman conosce la vicina del piano di sopra. Richard non è insensibile al fascino della ragazza, ma è anche un americano medio, per di più geloso della moglie che nel luogo di villeggiatura ha ritrovato un vecchio corteggiatore. Tra sanissime tentazioni e insane gelosie, Richard decide alla fine di partire per raggiungere la famiglia. Il frame di Marilyn con la donna che si solleva per una folata d’aria è diventato tra i simboli del secolo scorso.

5 stelle. E lo so che qui sono di manica larga. Ma non si può giudicare un film dimenticando cosa ha dato al genere, al cinema, all’immaginario comune.

La7 D – Lovers (film 2018) – Un cast unico per quattro storie differenti. Quattro storie d’amore che si intrecciano a Bologna. Lasciando lo spettatore interessato alle vicende, ma più come se stesse guardando un programma delle De Filippi. 1 stella.

Top Crime – Il commissario Wallander: La colpa (film TV 2009) – Film per la TV interessante per la trama e per lo svolgimento. Mette in evidenza la facilità con cui si cerca e si trovano i colpevoli, solitamente per pregiudizio. Sicuramente da vedere, anche se non un capolavoro. 2 stelle e mezzo.

Sante Longo

Laureato in cultura teatrale e scienze dello spettacolo, appassionato di cinema e teatro, ma anche di televisione e musica