Crea sito

BUBINOCINEMA: CONSIGLI SUI FILM DEL 30 MAGGIO IN TV

A cura di Sante Longo – Altra giornata ricca per le generaliste, tra i Play-Off della serie B su Rai 3, i Talk di argomentazione politica su Rete 4 e su La7, la serialità in prima TV su Italia 1, la fiction (in replica) su Rai 1 e lo show musicale, che per me è troppo caotico, quando potrebbe invece essere festoso e divertente, su Canale 5. Con un cambio di palinsesti la musica batterà anche sul 2, avendo una puntata staordinaria di The Voice. Come si evince, più che in altre sere, oggi ce n’è per tutti i gusti.

L’aspetto cinematografica in TV non sarà da meno, per quanto su nessuna delle principali generaliste ci siano film in prima serata, se si vanno ad escludere TV(, che proprio ieri è andata al botto con il calcio, e Nove che propone uno dei titoli meno riusciti della saga fantozziana.

TV8 – X-Men – L’inizio (2011)

Senza togliere nulla alla spettacolarizzazione che il genere richiede, questo film riesce ad essere più interessante dei quattro che lo precedono grazie al fatto che si torna all’origine dei mutanti senza cercare una redenzione per arrivare a dare nuova linfa ad una saga che sembrava avere vita breve ma che è arrivata a 11 film, a cui se ne aggiungeranno presto almeno altri 3 (uno sarà al cinema tra una settimana). In questo film troviamo il giusto mix tra cine-comix e film di spionaggio. Il film è ambientato durante la Guerra Fredda, l’epoca di JFK, in cui a tenere alta l’attenzione del mondo erano le tensioni tra Stati Uniti e Unione Sovietica. In questo contesto si sviluppano le vite di Charles ed Erik, grandi amici che hanno in comune dei poteri straordinari scoperti durante le loro infanzie, anche se in maniera differente, che decidono di trovare altri che abbiano le stesse caratteristiche. Scoprono intanto che il Dr. Schmidt, causa della morte della madre di Erik, sta spingendo affinché scoppi la terza guerra mondiale. Charles diventerà Professor X e vuole creare il corpo degli X-Men per proteggere l’umanità, Erik diventerà Magneto e cercherà di creare l’esercito di mutanti per difendersi dall’umanità, insieme fermeranno Schmidt che è diventato Sebastian Shaw mentre entrambi saranno agenti CIA. Spero che prima o poi creeranno l’universo parallelo Marvel (un MCPU) perché i film sui mutanti meritano tanto. 3 stelle.

Nove – Fantozzi contro tutti (1980)

Il terzo capitolo della saga di Fantozzi, vede alla regia un giovane Neri Parenti e l’idea di ampliare le sventure del ragioniere anche nella sfera familiare. Fantozzi è vessato in ufficio, ma lo si vede poco, dando la priorità al suo modo di vivere in casa. Prepotente verso la moglie e la figlia, scopre che il suo atteggiamento ha portato Pina ad invaghirsi platonicamente del panettiere e ne rimane sconvolto, come se lui non avesse fatto lo stesso con la Signorina Silvani. Lo vediamo schiavo del piccolo schermo e umiliato durante una gara ciclistica tra dipendenti. Non è il massimo, ma è pur sempre uno dei simboli della nostra comicità. 2 stelle.

Rai Movie – Indian – La grande sfida (2005)

Film tratto da una storia vera di cui sinceramente non capisco il senso: Chi voleva conoscere la vera storia del record di velocità con una moto? In ogni caso, il film mostra una realtà inverosimile, troppo mielosa e tendente verso una bontà che appare ipocrita. Munro mette a nuovo la sua vecchia moto e si fa appoggiare dai suoi concittadini della Nuova Zelanda per raggiungere la Utah e vincere una gara di velocità. La storia è questa. Diventa necessario quindi romanzarla un po’, ma qui si è percorsa la strada del troppo sentimentale. Meno di una stella.

La 5 – Ragione o sentimento (2015)

Commedia sentimentale banalotta che spero nessuno voglia confondere per il titolo con il “Ragione e Sentimento” di maggiore interesse. Qui troviamo una famiglia in crisi a causa del fatto che dopo che tutti i figli sono andati al collage e che la moglie ha avuto una proposta lavorativa fuori città. Una noia! Mezza stella.

Iris – Ave, Cesare (2016)

Commedia irriverente e spensierata che racconta con ironia l’epoca dei peplum e dei film in costume, di ogni tipo. Metacinema convincente da vedere che non necessita una trama. Si racconta la storia di Eddie Mannix, un uomo che lavora per gli studios e protegge l’immagine pulita delle star che sono sotto il suo contratto. Questo significa impedire che accadano storie scandalose provocate da sesso, droga, guida in stato di ebrezza. A quel tempo le minacce dovevano essere gestite in qualsiasi modo. I fratelli Coen sono storia del cinema. 4 stelle e mezzo.

Italia 2 – Ted (2012)

I toni irriverenti che troviamo nei Griffin, sono trasportati qui dal Regista e sceneggiatore che è proprio l’ideatore della serie TV. MacFarlane dovrebbe fare più film dato che gli riesce bene mettere insieme animazione e film recitati e il suo lavoro è la parte migliore di questo film. John assiste alla metamorfosi di Ted, il suo amato orsacchiotto, che comincia a parlare e diventa una star dei mass media. Nel 2012 è ormai passato di moda, mentre il suo padrone non riesce a diventare un adulto maturo. Il vero eroe del film, e unica ragione per vederlo, è Ted, diventato cinico, puttaniere, invadente, rissoso, persino violento nella parlata volgarotta. Spettacolare. 3 stelle.

20 – Dracula Untold (2014)

Nuova versione del Romanzo di Bram Stoker che prova a scavare nel passato del Conte, romanzando troppo però. Vlad per mantenere la pace nel suo Stato deve consegnare mille bambini da addestrare ai turchi, ma si rifiuta e finisce la pace tra i due popoli. Per riuscire a sconfiggere l’esercito turco decide di diventare un Vampiro. 1 stella.

Cielo – True Justice – La vendetta (2011)

Il film rientra in una saga composta da 13 titoli che componono una serie televisiva di 13 episodi di un’ora e mezza l’una, ma proposti come film singoli, e presentati anche con una cronologia diversa rispetto alla sequenzialità che avrebbe come serie TV. Elijah Kane e il suo team contro una banda militante che sta creando scompiglio a Seattle. Uno dei suoi ex compagno del passato è stato identificato come un pericoloso cecchino. Un film da guardare solo se si è rotto il telecomando e si è sintonizzati su Cielo per errore. Nessuna stella.

TV2000 – Totò, Peppino e… La dolce vita (1961)

Come quasi in tutti i film con Totò e Peppino, a portare avanti il film sono le interpretazioni a braccio dei due protagonisti. Qui si parodia Fellini e troviamo il duo darsi alla dolce vita invece che aiutare i concittadini che li hanno chiamati a Roma. 1 stella e mezza. Solo per Totò.

3 Risposte

  1. Bubino ha detto:

    Fantozzi contro tutti e il debutto di Milena Vukotic nel ruolo di Pina che le ha dato una popolarità enorme, ma anche un po’ imprigionata, almeno agli occhi del grande pubblico. Mi piace che molti l’abbiamo ri-scoperta prima col Medico, ora con Ballando.

  2. marta70 ha detto:

    Toto’ e Peppino, tutta la vita|

  3. Sante Indignato Longo ha detto:

    Scusate il ritardo…