Crea sito

BUBINOCINEMA: CONSIGLI SUI FILM DEL 7 AGOSTO IN TV

Su Rai 1 il tradizionale appuntamento estivo con SuperQuark, mentre Canale 5 propone una serie TV in prima assoluta. Composta da 10 episodi, voglio proprio capire in che modo la divideranno, anche se temo la debacle. Battiti su Italia 1 chiude il suo percorso durato 5 tappe, mentre su Rai 2 prosegue Elementary. Rai 3 continua con la proposta costumosa, parlando di Maximilian d’Asburgo. Due puntate, come Maria Teresa, su un personaggio meno d’impatto, almeno per la cultura storica italiana.

Per il resto tanti film anche oggi. Alcuni grandi classici e altre boiate pazzesche.

Rete 4 – Ch. 4 – Matrimonio alle Bahamas (film 2007)

La velleità iniziale era quella di far rivivere “Miseria e nobiltà”, prendendo un soggetto che ne ricalcasse le intenzioni e le situazioni, in chiave moderna. E se nella prima parte arriva qualche tiepido risultato, presto arriva anche il triviale e si scade nella classica e becera commedia degli equivoci trita e ritrica, in cui trionfano gli stereotipi e una comicità scorreggiona che era tipica, e magari andava bene, nei primi anni ’80. Mentre studia a Miami, Valentina si innamora di Bob, rampollo di una famiglia di finanzieri. I due decidono di sposarsi alle Bahamas, ma oltre ai preparativi devono pensare ai rapporti spinosi tra i futuri consuoceri: gli snob italo-americani di Bob e la classica famiglia media del tassista Cristoforo Colombo, padre di Valentina. Le distanze di classe creeranno non pochi problemi ai piccioncini.

Nessuna stella.

La7 – Ch. 7 – Il medico della mutua (film 1968)

Satira Agrodolce del mondo della medicina, tutt’ora attuale, anche se sono trascorsi oltre 50 anni dal film. Un film cinico e spietato, con un’aura pessimistica per quanto impregnata d’ironia, sulla situazione sanitaria italiana che mostra arrivismo e meschinità con i poveri pazienti vittime. Fa ridere amaramente perché Guido Tersilli è esattamente come tutti i medici che abbiamo incontrato nei pronto soccorsi a cui ci siamo rivolti, se l’abbiamo fatto, e Alberto Sordi riesce a rendere l’idea con una semplicità devastante. Davvero perfetto in questo ruolo. Il promettente e neolaureato medico Guido Tersilli scopre che può guadagnare molto di più occupandosi di mutuati. All’inizio gli affari non vanno bene, ma la morte dell’anziano dottor Bui che “possiede” duemilatrecento mutuati, giova alla sua carriera: con la promessa di portarla all’altare seduce la vedova e riesce a far passare sotto le sue cure i pazienti del defunto dottor Bui. Adesso Tersilli lavora giorno e notte, è ricchissimo e può abbandonare la vedova per sposare una ragazza giovane e ricca figlia di un costruttore. Nel frattempo i suoi assistiti crescono a dismisura tanto che Tersilli non può dedicare loro che pochi minuti per visita. Sopraffatto da un collasso, finisce nello stesso ospedale1 che lo aveva visto assistente volontario agli inizi della carriera. Sentendosi minacciato dai suoi vecchi colleghi che gli vorrebbero portar via gli assistiti, prenderà una vantaggiosa decisione. È uno degli esempi più fulgidi di commedia all’italiana, perfettamente riuscita, che tratta in superficie di sanità, ma che nel profondo parla dell’italiano medio di allora (e di oggi) che obnubilato dal mito della ricchezza e del benessere è disposto a tutto pur di portare a casa qualche centesimo in più. Consigliatissimo a tutti

5 stelle.

TV8 – Ch. 8 – Il collezionista di ossa (film 1999)

Gran bel thriller che, a distanza di 20 anni dalla sua uscita, continua a non perdere colpi. Tensione alta anche se la sceneggiatura non è così solida come sembrava all’epoca. Ma i tre protagonisti sono davvero bravi (sì, anche la Jolie). L’ambientazione cupa e opprimente coinvolge, anche se col procedere il film perde colpi. In una insolita New York gotica, si svolge l’ennesimo efferato show di un serial killer. Feroce ed enigmistico, l’assassino mette a dura prova la squadra omicidi, costretta a rivolgersi a Rhyme, un suo geniale agente a riposo, inchiodato a letto da una tetraplegia causata quattro anni prima da un proiettile. Con l’unico dito di una mano dotato di sensibilità, l’uomo usa un computer che lo tiene in vita e in contatto con il mondo. Rhyme partecipa svogliatamente alle indagini fin quando entra in sintonia con una giovane agente che diventa il suo braccio operativo.

3 stelle.

Nove – Ch. 9 – Matrimonio a 4 mani (film 1995)

Una commedia caruccia che unisce “Il principe e il povero” con “Un cowboy col velo da sposa”. Il tutto per dare risalto alla coppia di gemelle che all’epoca muoveva soldi come pochi altri. È un film per tutta la famiglia e diverte anche chi non è più bambino. Amanda, una ragazzina abbandonata dai genitori, si è molto affezionata a Diane, l’assistente sociale che si è presa cura di lei e vorrebbe tanto farsi adottare, ma c’è un problema: Diane non è sposata e dunque non può diventare la “mamma” di Amanda. Rapido cambio di scena: Alyssa è la figlia di un magnate dell’industria che proprio non sopporta la nuova fidanzata di papà che, come pensa giustamente la ragazzina, mira solo ai soldi. Quando Alyssia scappa di casa incontra Amanda che, incredibile a dirsi, le somiglia come una goccia d’acqua. Detto e fatto le due si scambiano i ruoli con esiti che è facile immaginare e che sono già ben annunciati dal titolo.

2 stelle piene piene.

20 – Ch. 20 – Training Day (film 2001)

Violento, crudo, realista, con un ottimo cast. Denzel Washington su tutti riesce a dare un senso ad una stario già interessante sulla carta, in cui il ritmo e l’azione vengono supportati anche da dialoghi all’altezza. Jake Hoyt è una nuova recluta della polizia di Los Angeles. Per diventare ispettore deve sottoporsi a 24 ore di tirocinio con il sergente Alonzo Harris, un veterano della sezione antidroga che lavora da dodici anni nei quartieri più caldi della città. Alonzo, che considera Jake un pivello ingenuo e inesperto, se lo porta appresso. Poco a poco Jake comincia a capire di che pasta sia fatto Alonzo: il suo cinismo che lo spinge a cacciarsi nelle situazioni più complicate.

4 stelle.

Rai 4 – Ch. 21 – Anacleto: Agente Segreto (film 2015)

Parodia riuscitissima di un genere che sembrerebbe intoccabile. Humor nero, scene d’azione e uno sviluppo demenziale portano a ridere del tipico agente segreto hollywoodiano, facendo ridere anche chi solitamente vede il genere come sacro. Anacleto è un agente di sicurezza trentenne che non sta passando un buon momento. La fidanzata con cui stava da lungo tempo lo ha lasciato perché lo considera un uomo senza alcuna ambizione e, come se ciò non bastasse, Anacleto è anche diventato l’obiettivo principale di un gruppo di teppisti sotto la guida di Vasquez, un pericoloso criminale evaso dal carcere. Meglio di Johnny English.

3 stelle.

Iris – Ch. 22 – L’ora della furia (film 1968)

Western crepuscolare che prova a unificare il classico con le esagerazioni tipiche degli spaghetti western. Nonostante i tentativi di accattivarsi il pubblico, anche con scelte di cast ad hoc, resta moscio per quasi tutto il film, ma il finale è bellissimo e merita. Una banda di avventurieri, composta da ex militari smobilitati dopo la guerra civile, arriva in uno sperduto villaggio. Poiché lo sceriffo è temporaneamente lontano, i malviventi spadroneggiano commettendo ogni genere di soprusi e perseguitando una giovane indiana. Ma, al ritorno dello sceriffo, il paese si ribella.

2 stelle.

Rai Movie – Ch. 24 – Matrimonio all’italiana (film 1964)

Un capolavoro di De Sica. Certo, di lui resteranno sempre giustamente ricordati i film più drammatici, quel neorealismo italiano che ha portato il nostro cinema sulle vette del mondo. Ma è stato un maestro anche nella commedia. Un testo di Eduardo de Filippo che non apprezzò troppo, probabilmente per via delle interpretazioni più cinematografiche che teatrali, che sono tipiche invece delle sue messe in scena. Effettivamente Filomena Marturano a teatro è tutt’altra cosa. Ma la Loren qui è stupenda. I tempi, il ritmo, l’adattamento. Tutto bellissimo. Filumena Marturano, ex prostituta, è stata per anni la serva-amante di Domenico. Stanca di questa sua condizione, decide di farsi sposare. Per riuscirci, finge di essere in punto di morte. Lo stratagemma riesce a metà perché, accortosi dell’inganno, Domenico fa annullare le nozze. La donna allora rivela di avere tre figli, uno dei quali proprio dall’amante-padrone.

5 stelle.

Cielo – Ch. 26 – 3-Headed shark attack (film 2015)

Per salvare la vena trash e continuare ad avere la mente libera da tutto, se non aria fritta, qualcuno potrebbe guardare questa abominevole boiata. Già la prima versione, con lo squalo a due teste, era risibile. Qui lo squalo ne ha 3. come nel livello superiore di un gioco da fare sul cellulare. La Asylum come casa di produzione mi fa quasi paura. La più grande macchina di morte del mondo diventa tre volte più letale quando una mutazione trasforma un grande squalo bianco in un mostro a tre teste. La bestia affamata attacca un laboratorio di ricerca e i sopravvissuti, rifugiatisi su una nave da crociera, dovranno affrontarla con tutto ciò che hanno a disposizione. Ben presto però capiranno che uno squalo a tre teste è molto più difficile da uccidere.

Nessuna stella.

La 5 – Ch. 30 – Uno sconosciuto in casa – Stranger with my kids (film 2017)

Trhriller deboluccio che avrei però visto bene su Rai 2. Non mi sembra un prodotto da La5, ma sicuramente potrà fare bene con il suo pubblico. Karen Clark, una madre single, assume Alex, un ragazzo alla pari, per darle una mano con i suoi due piccoli figli. Non sospetta minimamente di come il giovane abbia in mente altri propositi e obiettivi da raggiungere a qualsiasi costo.

1 stella.

Spike – Ch. 49 – I cacciatori di tesori – La leggenda perduta (film 2015)

Nel 1988 tre mojin si ritirano dall’attività di cacciatori di tombe e si trasferiscono a New York. Mentre Bayi e Shirley sono romanticamente coinvolti e Kaixuan ritiene che la vita negli States costi più di quanto credeva, i tre sono costretti a ritornare sui loro passi e a investigare sulla morte di Ding Sitian, primo amore di Bayi e Kaixuan, morta nel 1969. tanta azione e tante le promesse. Tutte non rispettate. Sulla carta un film interessante. Poi lo guardi e vorresti andare tu alla ricerca. Del regista e dello sceneggiatore. Per non farli lavorare mai più.

Nessuna stella.

Italia 2 – Ch. 66 – Chinese Zodiac (film 2012)

Jackie Chan, di cui non sono un ammiratore, salva dal nulla questa commedia d’azioene. Sia come interprete che come regista. Nell’imponente Palazzo d’Estate di Pechino, nel 1860 gli eserciti francese e britannico si appropriarono di dodici preziose teste di statue rappresentanti gli animali dello zodiaco cinese. In epoca moderna, il cacciatore di tesori Asian Hawk viene incaricato assieme alla sua squadra di recuperare quelle statue. Questa missione farà vivere ad Asian e ai suoi svariate avventure in giro per il mondo.

1 stella e mezzo.

Italia 7 Gold – Ch. diverso in base ai segnali regionali – I due capitani (film 1955)

Western sentimentale che si mantiene discreto grazie a delle più che buone interpretazioni e ad una fotografia e a paesaggi stupendi. Troppa retorica e moralismo abbassano il giudizio. Nel 1803 gli Stati Uniti comprano la Louisiana e agli ufficiali Clark e Lewis ne viene affidata l’esplorazione. Nella loro missione i due soldati si imbattono in una tribù di indiani in guerra con quella degli Scioanes, la sorella del cui capo è loro prigioniera. Di lei si innamora, ricambiato, Clark il quale decide di portarla con sé a Washington per sposarla. Ma l’indiana capisce subito che quello non è il suo mondo. Rudolph Maté, già operatore per Dreyer, Lubitsch e Hitchcock, è considerato uno dei più interessanti registi di B-movie. Questo western è uno dei suoi prodotti più riusciti, nonostante la componente sentimentale risulti un po’ forzata.

2 stelle.

La seconda serata regala capolavori e film cult.

Rete 4 – Ch. 4 – Puerto Escondido (film 1992) – Sicuramente da Gabriele Salvatores, dopo l’Oscar di Mediterraneo, ci si aspettava davvero tanto. E non è colpa sua, almeno non del tutto. E non è colpa del cast che è eccezionale. Con un Diego Abatantuono che fa dimenticare il terrunciello a cui ci aveva abituato per tutti gli anni ’80, suo malgrado. Il film però resta solo simpatico. Troppi buchi nella sceneggiatura che si riempiono con le bolle di sapone. 2 stelle e mezzo.

La7 – Ch. 7 – Romanzo di un giovane povero (film 1995) – Alberto Sordi, nel suo penultimo film, ha ancora tanto da dire e lo fa vedere anche in questo film in cui si salva solo lui. Anche se ad essere premiata per l’interpretazione fu Isabella Ferrari. Sembra uno di quei gialli francesi di serie B. non fosse per gli interpreti starebbe bene su Giallo, tra i film di uno dei loro cicli. 2 stelle.

Rai 4 – Ch. 21 – Grimsby – Attenti a quell’altro (film2016)

sicuramente un film non per tutti. Come ci ha già abituati Sasha Baron Cohen nei suoi lavori precedenti. Troppo estremo, troppo grottesco. E per questo mi piace. È portare all’esasperazione ciò che si racconta. Giocare con gli stereotipi e mostrarli al loro peggio, che rende tutto quasi perfetto nella demenzialità. Nobby, un dolce ma stupido hooligan inglese, ha tutto ciò che un uomo può desiderare, inclusi 9 bambini e la più bella ragazza dell’Inghilterra del nord-est. C’è però una cosa che gli manca: il fratello Sebastian, separato da lui quando erano bambini. Dopo 28 anni di lontananza, Nobby riesce a riunirsi con Sebastian, senza sapere di avere di fronte il più letale degli assassini del MI6. In fuga e ingiustamente accusato, Sebastian si renderà presto conto che per salvare il mondo da un attacco terroristico globale avrà bisogno dell’aiuto di Nobby, dimostrando come dietro a ogni grande spia vi sia un fratello imbarazzante.

4 stelle.

Iris – Ch. 22 – Il mistero del falco (1941)

Pietra miliare del Noir. Una delle migliori opere prime di sempre, che regala al pubblico un grande John Huston. Ambiguo e romantico, con un grande cast. Probabilmente vederlo a quasi 80 anni dalla registrazione metterà in evidenza i limiti. Ma se dopo 80 anni riesce ancora a mantenere suspense e ambiguità, vuol dire che è solido e potente come film. Una bella ragazza si reca dall’investigatore privato Sam Spade per incaricarlo di svolgere un’indagine. Il poliziotto accetta e si trova coinvolto in una vicenda in cui un gruppo di avventurieri è impegnato in una lotta senza quartiere per impossessarsi di un’antica “preda” di inestimabile valore.

5 stelle.

Rai Movie – Ch. 24 – Ieri, oggi, domani (film 1963)

Tre episodi scritti da Eduardo de Filippo, Alberto Moravia e Cesare Zavattini. E già questo dovrebbe bastare a far capire che siamo davanti a qualcosa che, se non è capolavoro, ci si avvicina. Certo, il tutto è una produzione che gira intorno alla coppia perfetta del nostro cinema “Loren-Mastroianni” e per questo ha qualche limite nella scrittura. Limiti ben coperti dalla regia di De Sica, che con questi due mostri sacri aveva comunque ben poco da fare. E si è portato a casa l’Oscar come miglior film straniero. Adelina vende sigarette di contrabbando, a Napoli. Per evitare il carcere, a cui sarebbe destinata dopo le molte denunce, si fa sempre trovare incinta. Finché un incidente interrompe una gestazione. Anna, ricca signora milanese, ha un flirt con un uomo di modeste condizioni, ma il censo viene prima di ogni altra cosa. Mara è una squillo, per la quale rischia di perdere la testa un seminarista.

5 stelle.

Cielo – Ch. 26 – Sex – Una commedia sentimentalmente scorretta (film 2010) – Vorrebbe rifare un po’ Almodovar, ma è un film moralista e stucchevole. Buono solo per far esibire davanti al loro pubblico le stelline, molte già spente, del panorama televisivo spagnolo. Nessuna stella.

La 5 – Ch. 30 – Il doppio volto della follia (film 2012) – Film per la TV, altro prodotto che vedo meglio per un’altra emittente televisiva. Evidentemente la rete rosa di Mediaset vuole cambiare target di riferimento e lo fa poco per volta. La storia raccontata è meno monotona del solito. Ma non vuol dire che sia originale. 1 stella e mezzo.

Italia 7 Gold – Ch. diverso in base ai segnali regionali – Da uomo a uomo (film 1967)

Spaghetti Western solido e di buona fattura in cui tutto funziona correttamente. Attori fantastici, musiche che restano nella memoria, trama che coinvolge lo spettatore senza farlo mai annoiare o distrarre. Cinque banditi assaltano una casa colonica: quattro di questi uccidono e violentano la famiglia, il quinto riesce a mettere in salvo il piccolo Bill. Divenuto grande, Bill si mette alla ricerca dei colpevoli per vendicarsi, ma dovrà dividere la sua opera proprio con Ryan, il quinto bandito, anch’esso desideroso di vendicarsi della ferocia degli ex compagni.

4 stelle.

Sante Longo

Laureato in cultura teatrale e scienze dello spettacolo, appassionato di cinema e teatro, ma anche di televisione e musica

4 Risposte

  1. Ital ha detto:

    Esatto ….😉

  2. Sante Indignato Longo ha detto:

    Doppio mastroianni e doppio de sica

  3. Ital ha detto:

    Doppia Loren …con due film “storici” e molto belli ….
    Inoltre interessanti ancha ….il medico della mutua , il colleziinista di ossa e il mistero del falco
    …questultimo per la serie in bianco e nero e meglio ….

  4. Ital ha detto:

    Dilemma di una notte di mezza estate ….
    Ma il medico della mutua …. andrà in onda stasera su La 7 dopo innumerevoli mancate emissioni ?
    Io qualche dubbio ce lho ancora ….😂😂😂