Crea sito

CAMILLERI, NEL 2020 IN ARRIVO TRE INEDITI DI MONTALBANO E UN FILM-TV IN COSTUME

Oltre ai già annunciati “La rete di protezione“, “Il metodo Catalanotti” e “Salvo amato Livia mia“, ovvero i tre episodi inediti di Montalbano che vedremo in onda su Raiuno tra febbraio e marzo del 2020, si aggiunge un film-tv tratto dai romanzi storici di Andrea Camilleri.

Dopo la felice trasposizione televisiva de “La mossa del cavallo” e “La stagione della caccia”, si girerà a breve in Sicilia “La concessione del telefono“, tratto dall’omonimo romanzo del Maestro Camilleri, edito da Sellerio nel 1998.

La storia si svolge nella Sicilia di fine Ottocento tra Palermo, Montelusa e Vigata, tra il 12 giugno 1891 e il 20 agosto 1892. Ecco la trama.

Filippo Genuardi, piccolo commerciante di legnami, invia tre lettere al prefetto Vittorio Marascianno per richiedere l’installazione di una linea telefonica tra il suo magazzino e l’abitazione del suocero, ricco uomo d’affari.

Non ottenendo risposta, cerca degli “appigli” nel Palazzo rivolgendosi a Calogero (don Lollò) Longhitano, pezzo da novanta della mafia vigatese, al quale rivela il luogo in cui si nasconde il suo ex amico Sasà La Ferlita, che si era eclissato per non pagare il debito di gioco al fratello di Don Lollò e per questo era ora braccato dal mafioso.

Una serie di equivoci porteranno il Genuardi in una situazione molto pericolosa: da un lato il prefetto Marascianno, a causa di varie imprecisioni contenute nelle tre lettere ricevute e dell’atteggiamento prevenuto dei carabinieri, si convince che il Genuardi sia un agitatore socialista; dall’altro Sasà La Ferlita, grazie all’aiuto del fratello e di un altro amico, riesce più volte a scansare la cattura dei mafiosi, al punto che Don Lollò inizia a pensare che egli e Filippo Genuardi siano in combutta tra loro e con i carabinieri per incastrarlo ed arrestarlo.

Soltanto il delegato Spinoso della polizia, aiutato in parte dal questore e dal suo superiore, il commendatore Parrinello (interpretato da Sergio Vespertino, ndr), cercherà di aiutare il Genuardi, “preso a mezzo fra lo Stato e la mafia” per usare le parole del suocero.

A queste vicende pubbliche si vanno ad aggiungere quelle private del Genuardi, non propriamente virtuose: l’uomo infatti ha una tresca amorosa con la moglie del suocero. Era infatti questo il motivo della richiesta dell’impianto telefonico: contattare l’amante non appena il marito fosse assente. Ma per un equivoco il suocero scopre la verità e…

10 Risposte

  1. Tex ha detto:

    Ottima scelta grazie al traino di Montalbano il film TV farà almeno 6 milioni..
    Ha una buona trama La concessione del telefono

  2. Mario Parisi ha detto:

    Ottimo

  3. Dario S ha detto:

    Io non ho mai guardato un minuto di Montalbano e sarei la persona meno adatta a commentare. Ma devo ammettere che è bellissimo vedere che anche in Francia è molto amato. Solo dalla penna di un maestro come Camilleri poteva nascere un personaggio tanto apprezzato.

  4. Bubino ha detto:

    Un grande italiano senza dubbio.

  5. Zeus ha detto:

    Ottima scelta,il film TV sembra molto interessante !

  6. Maxino81 ha detto:

    saranno gli ultimi film o ne faranno altri nel 2021?

  7. Ceruleo ha detto:

    Sempre nel ricordo del maestro ❤️

  8. Alessandro Impellizzieri ha detto:

    Nel 2021 forse su Rai 1 “Acqua in Bocca” che sarà la prima indagine del “Commissario Montalbano” fuori dalla sua Sicilia……

  9. Alessandro Impellizzieri ha detto:

    Nel 2021 forse “Acqua in Bocca”

  10. Ital ha detto:

    Grande Camilleri ….
    Le sue opere ….sono sempre con noi ….per intrattenerci e farci riflettere …sulla natura umana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *