CANONE RAI VIA DALLA BOLLETTA LUCE, LO CHIEDE L’EUROPA: “ONERE IMPROPRIO”

Canone Rai, ritorno al passato? Via dalle bollette della luce e si torna a pagarlo a parte? L’allora premier Matteo Renzi aveva introdotto la novità del canone in bolletta per tentare di porre un freno all’evasione fuori controllo con una media nel 2015 pari al 30% a livello nazionale con diverse aree del Paese addirittura sopra il 50% e il record negativo nel 90% nel casertano, riferiva Il Sole 24 Ore. Ora si potrebbe tornare indietro, o almeno toglierlo dalla bolletta elettrica. Ce lo chiede l’Unione Europea.

Il disegno di legge in questione è quello sulla concorrenza. Un testo il cui scopo è quello di eliminare molte delle incrostazioni che frenano l’economia italiana. Il provvedimento è atteso in consiglio dei ministri giovedì. E potrebbe contenere alcune novità di rilievo, soprattutto per i consumatori. Tra le norme al vaglio, per esempio, ce n’è anche una per escludere il canone della Rai dalla bolletta elettrica“. Così riferisce Il Messaggero riferendosi all’impegno preso con l’Europa sul Recovery Plan.

Nel contratto inviato a Bruxelles e che costituisce il pilastro sul quale si reggono gli oltre 200 miliardi di prestiti e sovvenzioni che l’Italia riceverà nei prossimi anni, si specifica in merito ai venditori di elettricità lo stop al “raccogliere tramite le bollette somme che non sono direttamente correlate con l’energia“. Il canone non è l’unico onere improprio che grava sulle bollette. Ci sono infatti altre le voci non propriamente correlate all’energia. C’è tempo fino a fine 2022 per l’adozione definitiva del provvedimento.