Crea sito

CARLO CONTI PRESENTA TOP DIECI: ECCO COME SARA’ IL NUOVO SHOW DI RAIUNO

Carlo Conti riaccende i grandi show di Raiuno, come recita il promo che circola in tv, con “Top Dieci”, in onda da venerdì 12 giugno (ma la partenza potrebbe slittare per la Coppa Italia).

Il 12 giugno debutterò su Rai 1 con Top 10, nello stesso studio della Corrida, in onda per quattro venerdì in prima serata. Un programma su cui stavamo lavorando da tempo. Ma il direttore di rete voleva dare un segnale di una Rai 1 accesa, quindi lo abbiamo riadattato per mandarlo in onda subito, anche senza le persone in studio, che avrebbero fatto parte dello show, e con meno ospiti. Sarà una gara fra due squadre composte da tre personaggi famosi ciascuna che si divertono a giocare parlando del nostro Paese negli ultimi 60 anni, trattando di musica, cine- ma, curiosità.

Giocheremo con le classifiche: ad esempio, i 10 dischi più venduti dell’85, gli elettrodomestici più diffusi negli anni 60, i nomi femminili più diffusi nel 2016, i calciatori con più rigori del 1977, i film più visti del 1999. È un pretesto per fare spettacolo, per giocare con la memoria e per incuriosire e far giocare da casa. Anche gli ospiti, due a puntata, entrano nel meccanismo delle classifiche. L’ospite verrà intervistato sulle cinque canzoni o momenti o luoghi da lui preferiti. E poi ci sarà una classifica da indovinare legata all’ospite. Il tutto, accompagnato da straordinari filmati di repertorio. Insomma, con molte difficoltà, la televisione sta riaccendendo i riflettori in cerca di una nuova normalità.

Così il popolare volto dell’ammiraglia Rai intervistato dal portale online San Francesco in occasione del lancio di “Con il cuore: nel nome di Francesco” che andrà in onda martedì 9 giugno, sempre su Raiuno, condotto con Gianni Morandi da Assisi.

Abbiamo pensato di fare una cosa diversa, più intima, più francescana, più raccolta per fare raccolta. Pensando a quel prato verde, davanti alla basilica, ci è venuto in mente subito Gianni Morandi. Ci sarà lui con la sua band, senza pubblico, e ci inventeremo in diretta questo programma. Il tutto nella chiave della gioia e della speranza di cui è simbolo la sigla, che sarà la sua Un mondo d’amore. Saremo in collegamento con la mensa dell’Opera San Francesco di Milano e con la mensa dell’Antoniano di Bologna, e avremo diverse testimonianze, fra cui quella di un viceparroco che prima faceva il medico, il quale è ritornato in corsia per l’emergenza ed ora è ritornato in parrocchia. Insomma, la trasmissione quest’anno avrà un fascino particolare. L’importante era farla.

10 Risposte

  1. Beppe ha detto:

    Dall’entusiasmo iniziale, comincio a passare per lo sconforto! Avevo capito che si trattasse di un quiz a premi con concorrenti veri. Secondo me potevano benissimo far partecipare dei concorrenti di tutte le regioni visto che per il 12 giugno sarà tutto aperto (magari in questi mesi potevano fare i provini via skype o via whatsapp). Comunque mi auguro ci siano classifiche che riguardano anche gli ultimi 10 anni della nostra storia

  2. Elisa ha detto:

    Strano. Be’, vedremo come va. A me comunque l’idea non dispiace.

  3. Rowling in the deep ha detto:

    Lo avrei accettato se fosse stato un format messo su in questo periodo di emergenza.
    Tuttavia pare che era nel cassetto già da tempo come format da proporre in garanzia 😳

  4. Elisa ha detto:

    Potevano fare lo stesso format, però incentrato su argomenti contemporanei.

  5. Rowling in the deep ha detto:

    Mah…
    Potevano sperimentare qualcosa di più trasversale e non il solito programma sulla memoria per il pubblico adulto.

  6. Elisa ha detto:

    Anche se fosse scritto “top 10” ci sarebbe una sola pronuncia, quella dettata dal conduttore durante il programma. Se fosse “top ten”, direbbero tutti “top ten”, anche i novantenni con la terza elementare.

  7. Lorelfo ha detto:

    Top Dieci non si può sentire

  8. Andrea Loscafo ha detto:

    i più giovani staranno a guardare il venerdi sera top dieci !?

  9. Arci DevoFareNomiECognomi ha detto:

    Concordo

  10. Pierfrancesco Montecucco ha detto:

    perché non chiamarlo “Top10”? così i più giovani lo chiamano “Top Ten” i più anziani “Top Dieci”.
    suona proprio male