Crea sito

CHE AMAREZZA! LA TV E’ TRASH O E’ L’ITALIA AD ESSERE DIVENTATA LO SPECCHIO DELLA TV?

Aldo Grasso per il Corriere – “Capita raramente che un programma tv muova pesanti accuse a un altro programma. È successo anche questo. Domenica sera, a «Non è l’Arena» su La7, Massimo Giletti ha criticato Barbara d’Urso per aver ospitato nel suo studio di «Live – Non è la d’Urso» (Canale 5, lunedì) il cantante neomelodico Tony Colombo e la consorte Tina Rispoli, saliti alla ribalta per i presunti contatti con la malavita organizzata napoletana.

Da alcune settimane, il sito di «Fanpage» propone un’interessante inchiesta su «Camorra Entertainment» dove i novelli sposi fanno la loro parte. La d’Urso non è nuova a polemiche per la disinvoltura con cui sceglie i suoi ospiti: Asia Argento e il giovane Jimmy Bennett, Pamela Prati e il fantomatico Mark Caltagirone, Adriano Panzironi, l’imprenditore che promette diete e anni di vita. L’altra sera ha scatenato un putiferio con la storia delle suore incinte (un suo cavallo di battaglia).

Ancora una vota il «salotto» si è trasformato in un cortile starnazzante: il giornalista Carmelo Abbate ha accusato la Chiesa di ogni nefandezza scatenando la reazione di Paolo Brosio e gli interventi di Flavia Vento, Serena Grandi, Manuela Villa, Suor Paola, Vladimir Luxuria e altri espertoni. È intervenuto persino Vittorio Sgarbi per ammonire la conduttrice: «Stai mettendo in scena lo sputtanamento della Chiesa». La d’Urso ha tenuto a precisare che va in chiesa e recita il rosario, se no chissà.

Attraverso i talk, la tv ha perso i freni inibitori e mai come ora è specchio fedele del Paese. L’errore che commettiamo è quello di definire spazzatura, trash, questa tv. Forse dovremmo ammettere che è il nostro Paese a essere diventato trash, siamo noi trash. Quanti nostri parlamentari avrebbero potuto essere al posto di Brosio o della Vento o di Abbate! Si sarebbero espressi esattamente come loro, avrebbero visto nella d’Urso un faro, forti della loro capacità di inscenare solo sommari di decomposizione.”

21 Risposte

  1. Sabato ha detto:

    Mi dispiace, ma continui a non cogliere il senso del mio commento. Ti rimando, se ti va, agli articoli dedicati all’episodio con D’Urso, D’Eusanio e Siffredi per la lettura dei miei commenti: lì avevo spiegato il mio punto di vista in modo più approfondito.
    Non ho scritto da nessuna parte che vorrei che esistessero “argomenti tabù” o che l’episodio incriminato dovrebbe “scandalizzarti” per il suo contenuto sessuale: ne ho fatto una questione di onestà nei confronti del telespettatore.
    Per quanto riguarda il “trattarla [la D’Urso] come viene trattata”, io rispondo solo delle mie azioni e ovviamente condanno la violenza anche quando il bersaglio della stessa è la D’Urso, di cui fra l’altro apprezzo molto alcuni aspetti.
    Non commento il tuo “lei ha un certo pubblico che deve rispecchiare quindi deve diciamo un pò sorprendersi”, ovvero il trionfo dell’ipocrisia!

  2. Vins ha detto:

    ma l’eccesso pruriginoso quale sarebbe? siffredi con la vecchia? una cosa che già aveva detto da altre parti comunque, capisco che il racconto era più profondo di come l’ha raccontato (se non sbaglio parlava proprio di una dipendenza dal sesso e dal fatto che con la vecchietta non è riuscito a fermarsi), ma è stato rocco stesso a buttarla sulla caciara, non ha spiegato tutti i motivi, anche lui sapeva che avrebbe fatto più scalpore dire quello che ha detto…ma alla fine chi se ne frega? dovrei scandalizzarmi perchè rocco siffredi e una vecchietta hanno avuto un rapporto sessuale. E’ un argomento che ti tiene compagnia nella seconda serata, che male c’è? a me non ha dato fastidio, mi da fastidio giordano con la mazza tricolore o i discorsi di del debbio quello si, ma che si parli di eccessi pruriginosi o di argomenti tabù, che ben venga. Capisco quando dici spacciati per involontari, io sono del parere che anzi si dovrebbe dire tutto apertamente ma capisco che barbara non voglia chiedere direttamente cosa rocco ha fatto con la vecchietta ma ci arrivi per vie traverse, ovvio che lei ha un certo pubblico che deve rispecchiare quindi deve diciamo un pò “sorprendersi” di queste dichiarazioni ma addirittura trattarla come viene trattata solo per questo anche no. Preferisco lei che almeno ci arriva alle cose e le dice piuttosto che altre e altri che fanno i finti buoni e non parlo oltre

  3. Gluca ha detto:

    Grasso ha ragione quando afferma che il nostro Paese è trash. Siamo noi trash. Ovviamente c’è anche una fetta che non si riconosce e non si identifica col Trash.
    Trash oggi ha per me una accezione positiva. Se trash è populismo se trash è il gusto di una fetta , gran fetta del Paese. Non ha il significato di spazzatura anzi.
    Bisogna sempre guardare oltre. E nn offendere e fermarsi al significato etimologico della parola

  4. Dario S ha detto:

    La D’Urso, La Defi, quella con U&D, Del Debbio, Giordano sarebbero da cassare, brutti esempi, bruttissima tv!

  5. Ital ha detto:

    Certa tv ….non e’ trash e’ proprio brutta brutta ….
    Grasso comunque ha ….ragione da vendere ….anche perche se ci si guarda intorno ….la nostra società ….e’ quella dell’apparire , dell’io prima di tutto, gli altri chi se ne frega ….stiano a casa loro ….
    Una societa’ dove soprattutto ci si lamenta, si critica , si attacca , si millanta , si distrugge …..e perfino si ODIA …..anche per futili motivi ….
    Tutti cosi? Per fortuna NO ….ma il rischio di deterioramento dei rapporti umani, di chiusura mentale, di trionfo dell’egoismo ….e’ sempre piu dilagante …..
    La Tv ( e i vari mezzi comunicazione) potrebbe fare MOLTO come argine ….invece ….fanno sempre da specchio riflesso di questo imbarbarimento…..

  6. Atomth ha detto:

    Non è la tv che ha perso i freni inibitori. E’ la D’Urso e la rete che la gestisce ad averli persi. Questo è il pattume peggiore, altro che trash!

  7. Michael93 ha detto:

    Per fortuna però c’è una parte di Italia a cui piace la bella tv, il sano e divertente trash e si è stancata di una tv fatta di scarti e vip da discount! Io per primo! Non è un problema di trash … è un problema di tv ferma alle solite cose… e talvolta sono spazzatura PURA, oscena, evitabilissima.

  8. Gluca ha detto:

    Propongo un modo di pensare, una cultura, un certo atteggiamento che esiste. Inutile negarlo . la maggioranza del Paese è così. E si identifica in queste persone per uguaglianza di pensiero e di comportamento. Altra faccia del Paese è indignata di ciò e li considera essere primitivi.

  9. Tex ha detto:

    Grasso ha ragione solo in parte il trash non fa più ascolti

  10. Sabato ha detto:

    Non ho scritto “argomenti pruriginosi”, bensì “eccessi pruriginosi spacciati per involontari”, con chiaro riferimento al vergognoso episodio che ha visto protagonisti Rocco Siffredi e Alda D’Eusanio in un programma della D’Urso (sul quale mi sono già ampiamente espresso). Non pensare che io sia in assoluto contrario agli “argomenti pruriginosi”, intesi come temi legati al sesso: non a caso, poco tempo fa ho scritto che mi piacerebbe che tornasse in onda Loveline, un vecchio programma di MTV che si occupava di educazione sessuale con ironia ma anche serietà.

  11. Vins ha detto:

    sono d’accordo solo sulla parte delle fake news e la mala informazione, il resto proprio no, perchè non si può parlare di argomenti pruriginosi? Perchè non si può parlare di suore incinta? Perchè non si può parlare di cose che te non condividi? ognuno può parlare di quello che vuole, può sbraitare e urlare quanto vuole, non devi essere tu (parlo in generale) a dire di cosa parlare e come e quando

  12. Vins ha detto:

    Non sono d’accordo assolutamente. Intanto riguardo al trash della nostra televisione allora non sapete quello che succede in giro nelle altre televisioni, anzi noi siamo fin troppo “soft” e con la puzza sotto al naso. Negli altri reality fanno sesso davanti le telecamere, si menano, piangono, si insultano e noi per una presunta scenata di francesca de andrè al gf parliamo di peggior trash della televisione, mai successo in anni cose così gravi e tutte le altre sciocchezze che mi tocca leggere. Non sto dicendo che gli altri Paesi siano messi peggio o meglio di noi, lungi da me ma diciamo che noi abbiamo lo “scandalo facile”! è nella nostra cultura, ci piace indignarci, ci piace parlare male di qualcosa solo per il gusto di criticare ma va bene così.
    Non voglio difendere per esempio i talk show di giordano o del debbio anzi non mi piacciono proprio e lì infatti parliamo di disinformazione, di fake news e di offesa all’intelligenza del telespettatore, lì sono d’accordo.
    Ma perchè barbara non può parlare di suore incinta? O di pedofilia all’interno della chiesa? é la chiesa intoccabile? è un argomento tabù? probabilmente si, ma perchè siamo noi che appena vediamo qualcosa di diverso subito ci scandalizziamo ma non per questo barbara d’urso non ne può parlare, c’è chi la segue e chi la seguirà, l’anno scorso i suoi programmi andavano benissimo, se il gf con baye dame e aida fa il 27% significa che al pubblico piace, critica ma piace e lo guarda. Se con la de andrè che fa le scenate fa il 22% allora è giusto che ne parli, il pubblico è intelligente, sa scegliere e non deve essere giudicato. Io personalmente non mi vergogno a dire che quando posso e quando ha argomenti che mi interessano seguo barbara così come seguo report quando fa inchieste che mi interessano così come seguo le fiction rai o mediaset che siano. Uno guarda ciò che vuole e nessuno deve permettersi di giudicare, punto. Quello che condanno io è la cattiva informazione (come giordano o del debbio) ma parlare di argomenti tabu o hot o vedere persone urlare perchè dovrebbe qualificarmi come trash (nel senso di ignorante)? Non è vero e non è giusto, punto.

  13. Alessandro Stamera ha detto:

    Il fatto che questo pubblico sia in calo mi fa sentire ottimista.

  14. Sabato ha detto:

    Vi ricordate quando, 15-20 anni fa, si parlava della presunta pericolosità dei reality?
    Quei reality non esistono più: molti hanno chiuso e i pochi sopravvissuti sono completamente cambiati. Se ripensiamo a quei programmi, oggi passerebbero per TV di qualità: erano “veri”, non c’erano eccessi, non ricorrevano a espedienti per attirare pubblico, non coinvolgevano personaggi evitabilissimi da riciclare poi in tutti i programmi della rete… era intrattenimento puro, ma “pulito”: ben venga quel tipo di trash, sinonimo di leggerezza e disimpegno!
    Da condannare è invece quella TV che manca di rispetto all’intelligenza del telespettatore, ovvero quella delle fake news, dell’“informazione” che fa propaganda, dei reality che non hanno più nulla di reale, degli eccessi pruriginosi spacciati per involontari…

  15. Sabato ha detto:

    La penso esattamente come te: ben venga il trash, quello sinonimo di leggerezza e intrattenimento puro! Da bandire totalmente è invece quella televisione che manca di rispetto all’intelligenza del telespettatore, ovvero la TV delle fake news, dei reality che non hanno più nulla di reale, dell'”informazione” che fa propaganda, degli eccessi pruriginosi spacciati per involontari…

  16. Sabato ha detto:

    Vero, ma si parla di flop molto relativi: esiste comunque una fetta di pubblico, forse non tanto grande e forse in calo, ma pur sempre presente e non così irrilevante, che premia questi programmi che, a mio avviso, vanno oltre il trash!

  17. Paulucci ha detto:

    Io non disdegno il trash, anzi se è trash divertente ben venga. Sono il primo sostenitore, ma quello che si sta vedendo in Tv ultimamente è orribile.

  18. Alessandro Stamera ha detto:

    Falso.
    Gli italiani non si sentono rappresentati da questa televisione.
    Infatti, non a caso, questi programmi stanno floppando.
    Scusate per il populismo.

  19. Gigi Gx ha detto:

    “la tv ha perso i freni inibitori e mai come ora è specchio fedele del Paese”.

    NO. L’Italia è fatta di molta gente per bene, di ottimi professionisti e di persone in grado di ragionare e comunicare senza creare immondizia mediatica. Le sceneggiate create nei tre studi della D’Urso NON sono specchio del Paese reale. E chiunque si ostini ad affermarlo è un poraccio.

  20. Paulucci ha detto:

    Credo si debba mettere un freno a questa Tv, che non è nemmeno più un trash divertente. La gente non guarda più la tv anche per questo motivo. Tornassero a fare i varietà, mancano gli showmen e le showgirl, mancano le idee, manca tutto.

  21. giannilib ha detto:

    moralisteggiate e poi copiate gli articoli infrangendo il copyright. Avete il permesso del Corriere?