Crea sito

CHE DIO CI AIUTI 6: SUOR ANGELA E SUOR COSTANZA RIAPRONO IL CONVENTO DEGLI ANGELI

La grande sera è finalmente giunta. Torna su Rai1 “Che Dio ci aiuti”. Col nuovo anno il Convento degli Angeli trasloca ad Assisi dove ritroveremo Suor Angela e tutti gli ospiti del convitto, ma anche nuovi protagonisti, ritorni, colpi di scena per un racconto coinvolgente capace di affrontare con tatto e leggerezza anche le tematiche più difficili.

La sesta stagione di “Che Di ci aiuti” si compone di 10 serate, in onda in prima visione assoluta su Rai1 da giovedì 7 gennaio 2021. Nel cast oltre ad Elena Sofia Ricci (Suor Angela) ritroviamo Valeria Fabrizi nel ruolo di Suor Costanza, poi Francesca Chillemi (Azzurra Leonardi), Gianmarco Saurino (Nico), Diana Del Bufalo (Monica), Simonetta Columbu (Ginevra) Pierpaolo Spollon (Emiliano),  Erasmo Genzini (Erasmo), Luigi Diberti (Primo), Irene Ferri (Elisa), Isabella Mottinelli (Carolina), Christian Monaldi (Edoardo), Olimpia Noviello (Penelope) e Damiano Cuccuru (Mattia).


Assisi è la città in cui suor Angela è cresciuta, dove ha trovato la vocazione e dove vive ancora oggi suo padre, Primo, con cui non ha più rapporti da anni. Ed è proprio la protagonista che questa volta deve far i conti con il suo passato, con un segreto, una ferita nascosta nella sua anima, ma ancora aperta. Non manca suor Costanza, che dovrebbe farsi da parte per lasciare spazio alla nuova Madre Superiora del convento, ma che fa di tutto per dimostrarsi ancora utile. Azzurra, che ha appeso al chiodo le sue scarpe Chanel per portare al collo il Crocefisso, ora è una novizia. Ci sono Nico e Ginevra, che stanno per sposarsi, ma anche Monica Giulietti, la ex di Nico. Poi c’è Carolina una ragazza misteriosa e cinica, che dà non poco filo da torcere a Suor Costanza.

Al convento arriva anche Penelope, una bambina che ha perso entrambi i genitori in un incidente e da allora non ha più parlato. Una bambina con un cuore prezioso, in particolare per Azzurra. Ma è soprattutto l’arrivo di Erasmo a sconvolgere l’esistenza di suor Angela (e non solo), ed è anche la sfida che Ginevra aspettava e l’occasione per lei di mettersi alla prova. Erasmo ha ventotto anni, molti tatuaggi e la faccia tenera e sfrontata di chi non ha niente da perdere perché niente ha mai avuto, nemmeno l’amore di una famiglia. Il giovane uomo è stato abbandonato in orfanotrofio appena nato ed è cresciuto da solo tra case-famiglia, genitori affidatari e periodi in riformatorio.

Anche Carolina è una new entry, ha 20 anni, anche se sente di averne molti di più. Sa sempre quello che vuole e come fare per ottenerlo: la vita l’ha costretta ad imparare presto a cavarsela da sola. Carismatica e opportunista, Carolina nasconde un grande segreto. Dietro quei modi scontrosi c’è una ragazza fragile, che non si fida di nessuno e ha paura di essere ferita.

Poi c‘è Penny, ha otto anni ed è muta, con grandi occhi che ti guardano, sorrisi che pian piano le riaffiorano sul viso. Muta, con un lungo percorso da fare prima di tornare ad essere la bambina felice ed allegra che era. Prima di tornare a parlare e dire: ti voglio bene. Ha smesso di farlo il giorno in cui i suoi genitori sono morti in un incidente d’auto. Lei si è svegliata in ospedale ed era sola. È Azzurra, che si prepara alla cerimonia di inizio del suo noviziato, a far arrivare Penny nella casa-famiglia vicino al convento, nell’attesa che per lei si trovi una nuova famiglia, ma forse non è ancora pronta a rinunciare alla sua vecchia vita.

Situazioni e storie che ruotano tutte intorno a suor Angela che, tornata dopo molti anni nella sua città natale, scopre di soffrire di una perdita di memoria. Un passato che viene risvegliato dall’arrivo di Erasmo in convento.  Mentre Suor Costanza cerca di spronare Monica a reagire alla sua apatia, Azzurra cerca di smuovere Penny, ancora chiusa e introversa. Suor Angela, intanto, raccoglie tutto il suo coraggio e va a parlare con il padre che non vede da quando era ragazza ma scopre che le sta nascondendo qualcosa…