Crea sito

CHE FIGURACCIA! PIERLUIGI DIACO OVVERO COME METTERE IN IMBARAZZO GLI OSPITI

Se non mette in imbarazzo un ospite al giorno, donne in particolare, non è lui o non pare contento. Incredibile! Non bastano gli ascolti di “Io e Te“, precipitati già dal secondo giorno, ma il problema ormai insostenibile è l’altrettanto insostenibile modo di fare del conduttore.

Una vicenda che reputo uno dei punti più bassi della storia della Rai. Esagero? Forse sì ma non si conduce così, non si mette in imbarazzo l’ospite. Così non si fa, per rispetto dell’ospite e del pubblico da casa. Amo la Rai e proprio perchè la amo, reputo tale vicenda una ferita.

Il colmo dei colmi è che ogni giorno il talk viene presentato come il talk del garbo, la tv del garbo, evviva il garbo. Ma dov’è il garbo? Garbo vuol dire mettere in imbarazzo Milena Vukotic, avete capito bene, e costringere Katia Ricciarelli a intervenire per salvare il salvabile?

Garbo vuol dire riprendere il malcapitato ospite di turno con un acido “Vuoi condurre tu?” Per cosa poi? Una innocente, normale e legittima interazione tra il padrone di casa e l’ospite.

Garbo è riprendere in diretta i tecnici con tanto di nome e cognome e sbraitare “datte ‘na calmata“? Per non parlare dell’anno scorso con la sfuriata a Vira Carbone per il telefonino, inizialmente giustificata e poi diventata una pubblica umiliazione e gogna per la povera Vira.

A casa mia non si chiama garbo. Si chiama maleducazione.