Crea sito

ELISA ISOARDI: HANNO PROVATO A DISTRUGGERMI, HO VISSUTO SETTIMANE DI TERRORE!

Nell’intervista esclusiva rilasciata al settimanale Oggi, Elisa Isoardi si sbottona sulla carriera e sui suoi amori. La conduttrice non nasconde il momento difficile attraversato con la cancellazione della sua «La Prova del Cuoco».

La trasmissione del mezzogiorno di Rai1 era ormai crollata al 10%, troppo poco per fare un’altra stagione.

Piango ancora se penso alla fantastica squadra con cui ho lavorato.

La Isoardi tira in ballo il direttore di Rai1 Coletta.

Adoro Coletta, ma qualche ora buia me l’ha fatta passare… silenzio assoluto: stava evidentemente maturando le sue decisioni sulla mia collocazione, ma io non mollavo, gli scrivevo messaggini informativi su quello che stavo facendo.

Settimane di terrore… addirittura!

Sono state due settimane di terrore, in cui non sapevo che fine avrei fatto. Hanno provato a distruggermi in tutti i modi, ma non ce l’hanno fatta.

Elisa racconta la partecipazione a «Ballando con le Stelle», da settembre su Rai1.

Sarà una bella sfida perché sono un po’ rigidina, anzi un vero manico di scopa.

E della relazione con Matteo Salvini, di cui, si dice, sceglieva anche i calzini.

Matteo Salvini l’ho lasciato io. (…) Non sono una tipina semplice, siamo stati entrambi ingombranti l’uno per l’altro. Serve intelligenza per starmi accanto.

50 Risposte

  1. Byron ha detto:

    A parte Diaco, tutto il resto del palinsesto estivo di Rai 1 e tutti i conduttori presenti sono stati scelti da Coletta. Lo. dicono pure loro nelle interviste. Coletta è in carica da gennaio.
    Mi spiace tu sia così disinformato.

  2. Sabato ha detto:

    Sai benissimo che il palinsesto estivo include volti e programmi ereditati dalle direzioni precedenti.
    Ribadisco che non ci sono i presupposti per continuare a parlare… resterai con le tue convinzioni, nonostante i fatti possano facilmente smentirle. Quindi anche basta! Buona serata!

  3. Byron ha detto:

    Il palinsesto estivo firmato dai 2 direttori ha già presentato vari flop o risultati modesti. Io parlo di dati effettivi e faccio sempre esempi concreti. Altri difendono a prescindere.

  4. Sabato ha detto:

    Mi arrendo! Se, anche di fronte all’evidenza, non cambi idea e insisti con la storia che la Clerici sarebbe, di fatto, autrice delle scelte di palinsesto, andando ben oltre il proprio ruolo, c’è poco di cui discutere. Quello che ha ripescato programmi di quasi 10 anni fa non sono io. Ribadisco che non ho alcun vantaggio nel difendere la Clerici; semplicemente trovo scorrette e ingenerose certe affermazioni. Buon pomeriggio!

  5. Byron ha detto:

    Coletta, che alla conferenza stampa di Sanremo fece un’ode alla Clerici sulla base della simpatia personale. Coletta, colui che sta piAzzando i volti della sua Rai3 nei programmi di Rai1, senza ritegno. La Bortone nel pomeriggio di Rai1 😂
    Un direttore imparziale!
    Se gli ascolti autunnali saranno bassi quanto quelli dei suoi palinsesti estivi ci sarà da ridere.

  6. Sabato ha detto:

    Penso si debba aspettare almeno il termine della prossima stagione per fare un bilancio sensato… Sentenze, nel mese di luglio, su direttori che di fatto non hanno ancora avuto modo di esprimersi, anche no.

  7. Byron ha detto:

    Rai 1 non è Rai 3. Sono 2 reti con mission e pubblici diversi. Favorire amici di lunga data e/o colleghi che si stimano per programmi non idonei al canale è un doppio errore.
    intanto la settimana scorsa il programma Cose Nostre è stato ttrasmesso su Rai1 alle 22 con ascolti disastrosi (5 per cento). Coletta è stato un ottimo direttore di Rai 3… Ma non afferra che Rai 1 non è il terzo canale. Nè che debba essere ridisegnato secondo i propri gusti o sinparie o amicizie. Lo stesso vale per Di Mare, che per me è un bravo giornalista ma di tv in generale capisce poco.

  8. Sabato ha detto:

    Si possono dare diverse interpretazioni a questo dato: tu ci vedi del marcio, del tipo “Coletta favorisce gli amici”; io voglio credere nella genuina stima reciproca. Voglio credere che, avendo lavorato insieme per anni e in ruoli diversi, Coletta conosca le capacità e le potenzialità della Bortone e per questo abbia deciso di puntare su di lei per il primo pomeriggio di Rai1. Fra l’altro, se la Bortone non dovesse funzionare, la responsabilità sarà proprio di Coletta, che ha scommesso su di lei mettendoci la faccia… perché vederci del marcio? I favoritismi di cui indignarci sono ben altri, per esempio quelli che portano in video conduttori improvvisati perché graditi a una parte politica…
    Chiudo ripetendo che, in ogni caso, stavamo parlando della Clerici e non della Bortone.

  9. Byron ha detto:

    Guarda chi erano gli autori di questo programma di Rai 3 di anni fa… amicizie che partono da lontano.

    https://www.tvblog.it/post/17116/camilla-raznovich-da-stasera-di-nuovo-padrona-di-casa-del-tatami-di-raitre

  10. Sabato ha detto:

    Quindi tu hai stabilito che un direttore, che è nel campo da anni, non possa avere preferenze, basate sulla conoscenza degli artisti e delle loro capacità e quindi sulla stima? Non sono d’accordo: a me sembra tutto molto normale e da un certo punto di vista anche positivo (conosco X, so quanto vale e voglio puntare su di lui/lei, affidandogli/le questo programma).

  11. Byron ha detto:

    Le analogie coi casi Coletta Bortone Strabioli Giandotti ci sono.

  12. Sabato ha detto:

    Di Mare e Ruffo sono amici? Non lo so, ma so che Di Mare e Sottile lo sono… lo dice Sottile stesso nell’intervista!
    In ogni caso, Di Mare e Sottile non c’entrano col caso Coletta-Clerici.

  13. Byron ha detto:

    La Clerici è anche autrice dei suoi show e ha un agente molto potente. Poi le decisioni finali sui programmi spettano ai direttori di rete, ovvio.

  14. Byron ha detto:

    Una Rai 1 a tutto talk di politica e cronaca non può funzionare. 3 VID in diretta al giorno sono troppe (Daniele Bortone Matano). Bortone poi è di nicchia.
    Sanremo 2010 è lontano. COme se x citare i grandi
    successi della Cuccarini dovessimo. tornare a Paperissima e Buona Domenica. Le quotazioni scendono con gli ascolti.

  15. Byron ha detto:

    L’unico dato certo è verificato è che tutti questi programmi hanno chiuso dopo una stagione. PIÙ attestato di flop di così! Ci sono conduttrici che da 30 anni fanno lo stesso show con successo. Altre tipo Perego e ANTO cambiano sempre xkè nn funzionano abbastanza.

  16. Sabato ha detto:

    “Sulla base della simpatia personale”? Forse anche, ma ti ricordo che la Clerici ha fatto un ottimo Sanremo (2010) e ha dato prova delle sue capacità in tante altre occasioni, quindi è possibile – anzi, certo – che quella di Coletta sia stima, più che semplice e immotivata simpatia.
    Sulla Bortone non mi esprimo: penso che sia una in gamba, che ha fatto la gavetta e a cui non manca il lato “pop” (di cui è carente Matano). Andrà bene? Non lo so! Coletta ha fatto una scelta e valuterà i risultati.
    In generale, non trovo scandaloso il fatto che il direttore abbia portato sulla prima rete alcuni ex volti di Rai3 che apprezza… perché no?

  17. Byron ha detto:

    Io non ho cambiato nulla: per me resta ‘programma propoSto da Clerici e autori” comr ho scritto (indipendentemente da chi lo. AbbiA ideato). Sei tu che le tenti tutte per trovare scuse a dei dati oggettivi sui risultati mediocri della Clerici. ParLI dei suoi successi di anni fa, ma sono anni lontani.

  18. Sabato ha detto:

    A conferma di quanto dicevo, arrivano fresche fresche le parole di Coletta: “La mia decisione su La Prova Del Cuoco è stata quella di intervenire sulla situazione difficile riguardante gli ascolti. In quella fascia, bisognava intervenire e ho scelto Antonella Clerici. Con Elisa, stiamo ragionando su un suo rientro in conduzione, dopo Ballando, con un programma settimanale in onda su Rai1“.
    Ovvero: LPDC è in crisi d’ascolto e io, Coletta, decido che va chiusa; bisogna occupare quello slot con qualcosa di nuovo e io, Coletta, decido di proporre un rientro in questa fascia alla Clerici; la Clerici accetta la mia proposta.

  19. Byron ha detto:

    Tutti i programmi di prima serata della Clerici sono stati scelti, voluti, scritti, adattati da lei. Ma di cosa stiamo parlando? Vuoi far passare il concetto che si è trovata costretta a fare show che non voleva? Ah ah ah ah ah 🤣
    Nemmeno lei è arrivata a tanta fantasia per giustificare i risultati deboli. Al massimo si è lamentata delle collocazioni in palinsesto (e l’hanno accontentata) e di non avere divi stranieri o supervip (e l’hanno accontentata spendendo per John Travolta e Richard Gere, Verdone e Littizzetto, più le giurie non certe economiche di Sanremo Young)
    Il problema di Antonella è che imputa i deboli risultati sempre ad altri, mai a lei stessa o uno staff di autori poco brillante.

    https://www.leggo.it/spettacoli/televisione/antonella_clerici_punita_rai_pagare_accuse_foto-1096699.html

  20. Sabato ha detto:

    Ecco, già sei passato da “Senza Parole è stato ideato e proposto dalla Clerici… che ha avuto libertà di azione e di sperimentare… che dovrebbe rivedere il suo staff di autori e il suo approccio alla conduzione…” a “ok non lo ha ideato ma ne è stata autrice” (non ho le prove ma credo che non fosse nemmeno autrice). “Ostaggio della produzione” no di certo, però capisci che già si ridimensionano le responsabilità. Questo per dire ciò che penso, ovvero che la Clerici sia stata molto generosa con la Rai, talvolta rimettendoci in quanto spesso gestita male e usata per progetti poco promettenti (che altri conduttori più furbi avrebbero rifiutato). Non penso che Antonella debba pagare anche per la cattiva gestione da parte della Rai: è una grande artista, come dimostrato a LPDC, a Sanremo, al Treno Dei Desideri, al Ristorante e in tante altre occasioni; deve solo essere impiegata nel modo giusto. Il nuovo programma del mezzogiorno e The Voice Senior mi danno fiducia in questo senso? Sinceramente no, ma spero che Coletta riesca a sfruttare questa importante risorsa Rai meglio di chi lo ha preceduto.

  21. Sabato ha detto:

    Ho specificato il titolo corretto perché non volevo ti confondessi con il programma di Signorini. Non mi “appiglio”: se permetti, sei tu che stai andando indietro di un decennio per dimostrare la tua tesi… Fra l’altro riportando scorrettezze, come il fatto che la Clerici fosse ideatrice di Senza Parole.
    Dolci Dopo Il Tiggì è stato un programma (a costo zero!) che ha fatto quello che ha potuto da settembre a marzo, mi pare di ricordare crescendo negli ascolti. Era chiaramente un riempitivo in assenza di idee migliori e budget accettabili.
    La Clerici ha portato avanti a lungo – e con successo – La Prova Del Cuoco. Per il resto, si è dedicata a tanti esperimenti diversi, alcuni dei quali poco promettenti, ottenendo ascolti a volte alti e a volte bassi: il mio “capita” è riferito al fatto che gli esperimenti possono andare male e chi rischia può fallire. Altri conduttori presentano gli stessi programmi da anni e anni: puntare sull’usato sicuro è una strategia che funziona, ma io apprezzo il coraggio.
    Quello che deve essere chiaro è che non ho alcun interesse a difendere la Clerici. Semplicemente trovo scorrette e ingenerose alcune accuse e le smentisco volentieri riportando numeri e fatti verificabili.

  22. Byron ha detto:

    Va bene, non lo ha ideato la Clerici ma ne è stata autrice ed esecutrice. Mica era ostaggio della prodizione, suvvia!

  23. Byron ha detto:

    notte/terra non cambia molto. Sempre flop fu. E se ti devi appigliare a questo per legittimare la tua strenua difesa dei flop della Clerici dal 2013 in poi.. (Poi se i programmi che non funzionano sono tanti non si può parlare di un semplice ‘beh capita’, se capita spesso e infatti questi programmi non hanno avuto seconde edizioni. Aggiungo alla lista anche Dolci dopo il Tiggi, maldestro tentativo di emulare Bake Off . Non arrivò neanche a fine stagione.

  24. Sabato ha detto:

    La Notte Dei Cuochi non esiste. La Clerici ha condotto La Terra Dei Cuochi, altro programma di Ambra, nel lontano 2013 (dobbiamo davvero tornare così indietro pur di dimostrare una presunta incapacità della Clerici?). Il programma non andò bene: media di 3,4 milioni e del 14,4% di share (6 puntate). Quando si fa qualcosa di nuovo, capita di fallire.
    La Notte Degli Chef fu condotto da Signorini su Canale5 nel 2011: media di 2,9 milioni e del 15,2% di share (solo 3 puntate, in calo progressivo).

  25. Sabato ha detto:

    Ristabiliamo un po’ di verità. “Senza Parole” è stato un programma targato Ambra, ideato da Filippo Cipriano, con la regia di Sergio Colabona. Sono disponibili online interviste in cui la Clerici dichiara: “Questo programma è un’idea originale del capo progetto Filippo Cipriano, programma a cui sta lavorando da alcuni anni insieme a un gruppo di autori. Sarà prodotto da Ambra di Marco Bassetti, una persona questa a cui devo molto, avendomi voluta a La Prova Del Cuoco”. Quindi non è stato ideato e proposto dalla Clerici come affermi tu; le è stato proposto e c’ha lavorato con entusiasmo.
    Sul presunto tentativo di copiare C’è Posta, alla domanda “Qualcuno adombra la possibilità che Senza parole assomigli a C’è posta per te, cosa rispondi?”, Antonella replicava: “Siamo tutti figli di Stranamore [e di Carramba, aggiungo io]. Tutti questi programmi raccontano storie, che possono essere anche simili, è il modo di raccontarle che è diverso”. Aggiungo che Senza Parole era in diretta e includeva imponenti performance artistiche, mentre C’è Posta (programma che amo) è registrato anche mesi prima e montato a dovere.
    Capitolo ascolti. Il programma chiuse con una media di 3,2 milioni e del 14,6% di share, quindi ascolti deludenti ma, anche in questo caso, nessun flop conclamato. Un esperimento può andare bene o male; questo, giustamente, non è stato ripetuto. La concorrenza era difficile: Canale5 proponeva Amici, che nel 2015 era ancora molto forte (superava i 4,5 milioni e sfiorava il 25% di share). Al contrario, il genere emotainment è sempre stato complicato: Così Lontani Così Vicini, La Porta Dei Sogni e altri programmi Rai non hanno funzionato!

  26. Grad ha detto:

    C’è poco da dire, la Isoardi non da quell’aria di naturalezza e familiarità come la Clerici.
    Sicuramente non ha aiutato la scelta di stravolgere la PDC 2 anni fa (scelta sua?) ma non la vedo comunque adatta ad una conduzione solitaria. L’appoggio di Lippi l’aiutava a risultare meno distaccata, a questo punto potrebbero pensare ad una ViD con lei e qualcuno più “soft” (un Greco?)

  27. Byron ha detto:

    Programmi come Senza Parole e La notte dei cuochi (tentativi maldestri di copiare C’è posta e Masterchef) sono stati ideati e proposti da Clerici e autori. idem Sanremo Young. Non erano format esistenti come Standing Ovation e Portobello. La Clerici ha avuto molta più libertà di azione e di sperimentare in Rai di tanti altri. Se i risultati sono stati banali, ripeto, forse dovrebbe rivedere il suo staff di autori e anche il suo approccio alla conduzionw. Il fatto che molti suoi show non siano andati oltre una o due edizioni è un chiaro sintomo che qualcosa continua a non funzionare.

  28. Sabato ha detto:

    “Vuoi far passare il concetto che si è trovata costretta a fare show che non voleva”: sai leggere? Ho scritto: “La Clerici ha sbagliato ad accettare certe conduzioni (ha peccato di aziendalismo!), ma la colpa è, a monte, di chi ha pensato di mandare in onda certi programmi discutibili”. Traduco: la Clerici ha accettato i programmi che le sono stati proposti e quindi ha la sua fetta di responsabilità, ma che tali programmi siano stati “scelti e voluti” da lei è impensabile, in quanto non compete a lei la scelta dei programmi. Avrà avuto voce in capitolo? Poteva rifiutare? Certo (poi magari sarebbe passata per capricciosa…). Ma non penso proprio – per fare un esempio – che si sia svegliata una mattina con l’idea di rispolverare Portobello e abbia imposto questa idea alla Rai, che poteva solo accettare passivamente. Il fatto che poi lei, su quei programmi, ci abbia lavorato con convinzione e impegno, scrivendoli ed adattandoli alla propria personalità, penso sia solo un merito: Antonella è una conduttrice che prende a cuore i progetti che le vengono affidati e ci lavora con passione ed entusiasmo anche se poco promettenti!

  29. Byron ha detto:

    Se una conduttrice viene pagata circa 2 milioni di euro a stagione da una tv pubblica (Tra l’altro molto più di Milly e di altri) DEVE fare risultati che siano un po’ più di modesti e dignitosi, non credi? Per non parlare dei costi delle sue trasmissioni, degli ospiti internazionali, etc. E non mi tirare fuori anche qui la scusa che lei come Fazio fa cultura e tv di servizio, perché non può reggere.
    Io non sono contento di pagare il canone per stipendiare vip strapagati che fanno programmi bruttini, ripetitivi e che neanche fanno ascolto, mentre loro incassano milioni e poi celebrano le loro magioni sontuose in posa su Instagram. Sono felice se un vip viene pagato il giusto, fa un buon lavoro, buoni programmi aggiornati e anche ascolti.

  30. Byron ha detto:

    A prescindere dai risultati della Isoardi, non esiste solo la Clerici o il cooking show per impostare un nuovo mezzogiorno tv. Se poi parliamo della Clerici pure la sua PdC era calata parecchio negli anni. Al di lá di tifoserie e ascolti, il gioco di Potere è un tema diverso.
    Poi una conduttrice che viene pagata 4 volte più di un’altra fa guadagnare così tanto se ottiene 2 punti di Share in più?

  31. LordMassi ha detto:

    È evidente che si disconosono alcune semplici regole della TV, ne abbiamo parlato più volte proprio qui su buninoblog con ben 2 post sulla questione, la fascia delle 12 è importante perché traina io. Tg1 delle tredici la PDC della isoardi è risultata un flop calando troppo, ergo i pubblicitari hanno espressamente richiesto il ritorno di un volto forte per risollevarla. Sul discorso del cambio di rotta di Antonella rispetto a quanto dichiarato 2 anni fa, beh in due anni cambiano molte cose nn ci vedo nulla di anormale se anche lei abbia cambiato idea.

  32. Ital ha detto:

    Puoi avere tutte le competenze che vuoi ( ma Ossini e Quaranta …che hanno fatto gli stessi programmi suoi sono piu preparati e professionali) …ma se in video fai solo il tuo compitino …
    Nonostante abbia un curriculum di tutto rispetto e condotto tanti programmi …non attira il pubblico ….se ne faccia una ragione ….

  33. Sabato ha detto:

    Quello che dico è che ascolti dignitosi è una cosa, flop è un’altra; questo solo per ridimensionare certe affermazioni e certi titoli (“regina dei flop”) che le sono stati dati.
    Dico anche che gli ascolti dignitosi non sono così scontati quando la Rai ti chiede di condurre un’improbabile riproposizione di Portobello o un’ennesima edizione di un programma con bambini canterini. La Clerici ha sbagliato ad accettare certe conduzioni (ha peccato di aziendalismo!), ma la colpa è, a monte, di chi ha pensato di mandare in onda certi programmi discutibili.

  34. Sabato ha detto:

    Penso che la Clerici non abbia avanzato alcuna pretesa: avrà fatto una proposta che non è andata in porto, tant’è che farà il programma da uno studio televisivo.
    Per quanto riguarda gli ultimi programmi della Clerici, mi sono già espresso in precedenza. Detto brevemente, penso che, essendo una grande aziendalista, abbia accettato conduzioni che non avrebbe dovuto accettare in quanto poco convincenti già sulla carta; detto questo, definirla “regina dei flop”, come fanno alcuni, è scorretto, in quanto la Clerici ha portato a casa risultati dignitosi anche con il programma più improponibile che le è stato affidato. Ha pagato, restando in panchina, le ultime scelte poco azzeccate; ora ha tutto il diritto di tornare in video con un proprio programma, essendo un grande artista che ha dato tanto alla Rai e che può dare ancora molto.

  35. Byron ha detto:

    Il progetto del bosco non era fattibile per gli alti costi di produzione, nè sarebbe stato corretto pretendere che autori, troupe, cuochi facessero i pendolari con Arquata Scriva per soddisfare le necessità di una conduttrice che vuole il lavoro e la vita familiare insieme(Tra l’altro pagata 10 volte più di loro, dimmi tu se sarebbe stato giusto per loro passare le giornate in treno).
    Di certo i vertici Rai preferiscono puntare su Clerici che su Isoardi. Ma continuare a far passare Antonella come la donna boom di ascolti è bugiardo. Oltre al calo della sua PdC, tanti show di prima serata non hanno funzionato (Portobello, Senza parole, La notte dei cuochi, Sanremo Young, Standing ovation). Mara Venier e Milly Carlucci hanno successo peraltro contro concorrenza forte. Antonella da anni rende meno, eppure per ragioni di simpatia sembra che i media fingano che lei sia ancora ai livelli dell’apice di PdC e Ti lascio una canzone.

  36. Sabato ha detto:

    Quella è chiaramente una sciocchezza, anche perché la Isoardi ha debuttato in Rai grazie a Del Noce, ben prima di conoscere Salvini. E comunque io tutto questo accanimento contro la Isoardi non lo vedo: chi sosterrebbe che lavora solo grazie a Salvini? Chi la giudicherebbe, ancora oggi, per quella relazione, ormai finita da un pezzo? Ma soprattutto: chi “ha provato a distruggerla in ogni modo”?

  37. Sabato ha detto:

    La Clerici avrà proposto il format dalla sua casa di campagna quando i vertici le avranno ventilato la possibilità di tornare in quella fascia… Di certo non ha stabilito lei la chiusura de LPDC e la sostituzione della Isoardi con lei stessa!
    Per quanto riguarda la scelta della Clerici di due anni fa, posso dire che condivido la sua decisione di non abbandonare il progetto quando, anche a causa delle misure imposte dalla pandemia, l’idea di registrare a casa sua, in Piemonte, si è rivelata irrealizzabile. Il primo giugno 2018 la Clerici ha lasciato il suo programma storico per dedicarsi alla famiglia, rinunciando così a un impegno quotidiano a Roma. In questi due anni sono cambiate tante cose e non vedo perché Antonella, a settembre 2020, non dovrebbe tornare in video (da Milano)…

  38. Ital ha detto:

    Francamente….non avevamo bisogno di lei …per dei riscontri …

  39. Byron ha detto:

    La Clerici si è proposta per fare La casa nel bosco da casa sua. Non vi berrete mica che è un’idea partita dai vertici Rai?
    Tra l’altro 2 anni fa era stata lei a lasciare PdC dicendo di nn voler più fare quotidiani. Dopo i flop in prima serata e il riposo forzato, eccola tornare in cucina. Legittimo che Rai 1 punti più su di lei che sulla Isoardi, ma non facciamola passare per Biancaneve.

  40. giu ha detto:

    Forza Elisa, sempre con te!

  41. Fafo ha detto:

    Ha confermato che salvino è stupido

  42. Ital ha detto:

    I melodrammi non si addicono a Elisa ….e alla sua gran fortunata carriera ….
    La verità e’ che e’ una buona comprimaria , una discreta intrattenitrice ….ma non buca il video ….non ha il carisma, la statura e l’esperienza per essere una vera star della tv ….
    Si accontenti ….e infine …in questi tempi bui per il covid …parlare di terrore per la sua “carriera” tv mi pare alquanto esagerato ….

  43. Voce sexy (cit) del blog ha detto:

    Un conto è farla lavorare. Un conto dire che sta lì perché ben voluta da Salvini e comunque non giudicarla per il proprio operato ma per le sue relazioni…

  44. Sabato ha detto:

    La Clerici non ha soffiato LPDC alla Isoardi (se mai il contrario!). Antonella torna in onda a mezzogiorno perché qualcuno ben sopra di lei ha pensato 1) che LPDC fosse da chiudere e 2) che quella fosse la collocazione giusta per il rientro di Antonella.

  45. Sabato ha detto:

    Elisa è stata una valida supplente della Clerici quando questa era in maternità, ma non ha funzionato quando ha preso definitivamente le redini del programma, stravolgendolo: al pubblico, la nuova Prova Del Cuoco, non è piaciuta! Chiaramente la colpa è della Isoardi solo in parte.
    Detto questo, la trovo eccessiva quando parla di “ore buie” e di “settimane di terrore” e quando accusa qualcuno (chi? faccia nomi e cognomi!) di aver “cercato di distruggerla in tutti i modi“… La Isoardi lavora molto da anni, godendo fra l’altro di opportunità tutt’altro che scontate per una conduttrice relativamente “giovane” come lei, e continuerà a lavorare nei prossimi mesi, quindi non capisco i toni drammatici

  46. Lorenzo Gubello ha detto:

    Mia opinione:
    -Secondo me se non era influenzata dalla storia con Salvini,poteva essere amata come conduttrice .Eh invece no

  47. Byron ha detto:

    Ho rivalutato la Isoardi. Nonostante gli attacchi che ha ricevuto ed il modo in cui la Clerici le ha soffiato la PdC ha reagito con compostezza.

  48. Sabato ha detto:

    Sarà che odio le mezze insinuazioni, ma “hanno provato a distruggerla” CHI??? Se ha qualcosa da denunciare, faccia nomi e cognomi!
    Per quanto riguarda la storia con Salvini, non penso che la Isoardi ne abbia risentito granché, visto che ha sempre lavorato (e continuerà a farlo anche senza Prova Del Cuoco)!

  49. Voce sexy (cit) del blog ha detto:

    La figura della Isoardi è molto complessa:
    – Indiscutibilmente ha competenze enogastronomiche che la Clerici sogna
    – Per anni è stata proposta alle 11 con un format che cambiava in continuazione nome
    – E’ riapprodata alla PdC stravolgendo il programma (colpa sua e/o del capostruttura) e rendendolo troppo tecnico: la giuria di quest’anno sprizzava simpatia da tutti i pori
    – Dice che hanno provato a distruggerla e ha ragione: sono passati 2 anni e ancora non le “perdonano” il fidanzamento con Salvini
    – Dagli ultimi due punti è scaturita una spirale per cui ho visto un’Elisa sempre agitata alla conduzione
    – Il programma CheckUp nella mattina del weekend mi sa tanto di contentino…