Crea sito

ENRICO RUGGERI ATTACCA IL DIRETTORE DI RAI1 E RICORDA CHE LUI “SBANCÒ L’AUDITEL”

Con il flop del primo appuntamento di “A Grande Richiesta”, il nuovo varietà del sabato sera cha ha debuttato con 2.282.000 telespettatori e il 10,19%, si sono alzate molte polemiche. Per gli ascolti (Rai1 è stata triplicata da Canale 5 con la Posta a 6 milioni e il 28%), per la confezione del programma e per la conduzione. Due bravi attori come Veronica Pivetti e Paolo Conticini ma forse poco portati alla conduzione di un varietà classico.

Il direttore di Rai1 si è difeso in Vigilanza Rai parlando di pochissimo tempo a disposizione per preparare questo speciale dedicato a San Valentino. Gli altri speciali avranno invece un cantante come protagonista, sono stati preparati con calma e come conduttori vedremo alcuni grandi volti Rai come Flavio Insinna che domani presenterà lo speciale “Minaccia Bionda” su Patty Pravo. Il sabato successivo vedremo Carlo Conti festeggiare i Ricchi e Poveri.

Enrico Ruggeri, che la scorsa stagione ha condotto con Bianca Guaccero gli speciali musicali “Una Storia da Cantare”, ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalle scarpe, probabilmente deluso per non aver visto riproposto lo show.

Per amore di verità e di giustizia (anche se nessuno ne parlerà) Rai1 fa flop con appalti esterni. Mentre Teresa De Santis con produzione interna sbancò l’Auditel.

Gli fa eco Luciano Nobili di Italia Viva, dopo le uscite del collega di partito e membro della Vigilanza Rai Michele Anzaldi.

Proprio così. Come fece notare @Michele_Anzaldi. Una volta che una produzione interna Rai riesce a coniugare così bene qualità (la musica dei cantautori in prima serata al sabato) e quantità (ascolti lusinghieri contro la corazzata De Filippi), viene cancellata. Un vero peccato.

Una Storia da Cantare” è andato in onda con due cicli la scorsa stagione in quel di Rai1. Il primo, in autunno, ha ottenuto una media di 3.697.000 con il 18,82%. Quello primaverile è calato a 2.941.000 con il 14,40%.