Crea sito

FICTION CLUB #NEROAMETÀ QUINTA PUNTATA IN PRIMA VISIONE ASSOLUTA SU RAIUNO

Vanno in onda questa sera due nuovi episodi di Nero a metà. Claudio Amendola torna su Rai1 con la sua carica di umanità e di umorismo – talvolta cinico, talvolta affettuoso che ne ha fatto da sempre un simbolo della sua città. In tv porta la storia di Carlo Guerrieri, un personaggio che unisce la grinta stropicciata e dolente dei detective d’altri tempi con le contraddizioni comiche e drammatiche degli italiani di oggi. Nero a metà, coproduzione Rai Fiction – Cattleya in collaborazione con Netflix, è un poliziesco metropolitano che si inserisce nel solco del genere crime-poliziesco per reinterpretarlo in chiave tutta italiana, portando sullo schermo il ritmo e la vitalità della Roma di oggi in tutta la sua ricchezza e diversità. Una serie moderna anche nel formato, che propone 12 gialli da 50 minuti, in cui il meccanismo a orologeria, tipico dei gialli, fa emergere la complessità delle scelte morali e si intreccia con le complicate vicende personali dei nostri protagonisti.

Al centro della storia due poliziotti che più diversi non si può: Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) e Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz). Li dividono il carattere, gli studi, la provenienza e un altro, trascurabile, particolare… il colore della pelle. Carlo all’Esquilino ci è nato e ci vive da sempre. Anche se adesso a dire il vero – fra tutti quei volti esotici che affollano i dintorni di Piazza Vittorio – ormai si sente straniero a casa sua. Malik invece è nero, ma italiano di adozione: è cresciuto in una famiglia italiana, ha studiato qui, Roma è casa sua adesso.

Le differenze fra i due però non finiscono qui: Carlo è un po’ ciancicato e viene dalla strada, è un bravo poliziotto ma a causa del suo carattere testardo e ribelle non ha fatto la carriera che meritava. Malik di anni ne ha sì e no 30 ed è fresco di accademia (anzi: era proprio il primo del suo corso), perfettino, modaiolo, gli piacciono i gingilli elettronici che al contrario Carlo detesta.

È chiaro che due così non possono andare d’accordo, ma il caso (e il dirigente del commissariato) vuole che siano costretti a lavorare insieme. Caso dopo caso il loro modo di indagare si completa e si integra: diventano una fantastica coppia ‘operativa’, spalleggiata da una squadra affiatata e da un giovane medico legale: Alba (Rosa Diletta Rossi), la figlia che Carlo ha cresciuto da solo, senza una moglie, scomparsa misteriosamente un giorno di tanti anni fa. Una giovane donna che sta prendendo la propria strada, sia professionale che personale. Alba sta andando a convivere con il fidanzato Riccardo (Giulio Cristini): un momento delicato per padre e figlia, che rischia di essere messo ulteriormente in crisi dalla possibile attrazione fra lei e quello sciupafemmine di Malik.

Non che Carlo non abbia i suoi problemi sentimentali, ci mancherebbe: da anni ha una relazione con Cristina (Alessia Barela), la sposatissima proprietaria dell’edicola sotto casa sua, ma quando si tratta di sua figlia Carlo non guarda in faccia nessuno. Per proteggerla, farebbe di tutto.

Tra gli altri personaggi del commissariato Rione Monti troviamo Mario Muzo (Fortunato Cerlino), migliore amico di Carlo e sovrintendente capo, la poliziotta incinta Cinzia Repola (Margherita Vicario), l’impacciato agente Marco Cantabella (Alessandro Sperduti) e il dirigente Elia Santagata (Roberto Citran), alle soglie del pensionamento. Arricchisce poi il cast Angela Finocchiaro negli insoliti panni della professoressa Giovanna Di Castro, genio della medicina legale nonché mentore di Alba, e Antonia Liskova, la nuova dirigente del Commissariato. Un ingresso in scena, il suo, che potrebbe cambiare le carte in tavola per tutta la squadra. Nel passato di Carlo, infatti, si nascondono molti segreti, e uno di essi riemerge e rischia di sconvolgere per sempre la vita sua e di Alba. Regia di Marco Pontecorvo (Pa-ra-da, Le mille una notte, L’oro di Scampia, Ragion di Stato, Lampedusa).

TRAMA DI NERO A METÀ QUINTA PUNTATA

Episodio 9 – Il filmato di un uomo brutalmente assassinato viene inviato in contemporanea a due donne. Cosa ci sarà dietro? Alba scopre un segreto legato alla scomparsa di sua madre, mentre Carlo non riesce a digerire che Malik stia con sua figlia. La relazione con Alba rende sempre più difficile a Malik indagare sul caso Bosca. Tra Repola e Cantabella invece c’è sempre più affinità…

Episodio 10 – Carlo e Malik indagano sulla morte del giovane rampollo di una ricca famiglia romana ritrovato sulla riva del Tevere. Carlo prova a nicucire il rapporto con Cristina, mentre finalmente riesce a trovare un nuovo tassello da aggiungere al caso Bosca. Malik deve prendere una decisione lavorativa molto difficile.

TABELLA DATI AUDITEL DI “NERO A METÀ

Facendo click sulle singole righe degli episodi sarà possibile – alternativamente – recuperare l’episodio da RaiPlay oppure andare nella pagina del Fiction Club dedicata allo specifico episodio.

NERO A METÀ · RAI1 · ITALIA · PRIMA TV
Episodio Sinossi Data Audience Share
L’apparenza inganna p.1 numeros-1-100x100 lun 19/11/2018 6.013.000 25,34%
L’apparenza inganna p.2 numeros-1-100x100 lun 19/11/2018 6.013.000 25,34%
Una volta di troppo numeros-3-100x100 lun 26/11/2018 5.850.000 22,52%
Una notte senza stelle numeros-4-100x100 lun 26/11/2018 5.089.000 24,42%
Sorelle numeros-5-100x100 lun 03/12/2018 5.411.000 23,27%
Per amore numeros-6-100x100 lun 03/12/2018 5.411.000 23,27%
Una canzone per te numeros-7-100x100 lun 10/12/2018 5.565.000 21,79%
Una famiglia tranquilla numeros-8-100x100 lun 10/12/2018 4.951.000 23,50%
Viva gli sposi numeros-9-100x100
gio 13/12/2018 4.932.000 19,89%
Le verità nascoste numeros-10-100x100 gio 13/12/2018  4.585.000 22,59%

Non resta che dare appuntamento a questa sera, subito dopo “I Soliti Ignoti”, in prima serata su RaiUno, per assistere al quinto appuntamento della serie “Nero a metà“ che seguiremo su BubinoBlog con tutte le nostre rubriche dedicate alle fiction, augurando ai lettori una buona visione!!

Fonti: Ufficio Stampa (Foto e testi) – Claudio Iannone (Foto)