Crea sito

FICTION NEWS: 4 PROGETTI NELLA GRANDE ALLEANZA TRA RAI, FRANCE TV E ZDF

Rai News – L’alleanza tra i tre grandi broadcaster pubblici dell’Europa continentale, Rai (Italia), France Tv (Francia) e Zdf (Germania), celebra il suo primo compleanno nella città in cui venne annunciata: a Lille, in Francia, ed ancora una volta durante il “Festival Séries Mania”, in programma da oggi al 30 marzo.

Sarà l’occasione per presentare i primi progetti di serie comuni. La collaborazione ha come obiettivo principale quello di co-produrre e sviluppare serie televisive innovative e di qualità, basate sulla cultura e sui valori europei e che possano competere a livello globale e recuperare il pubblico più giovane e quello più sofisticato.

“In quest’anno l’alleanza ha avuto modo di cementarsi in un comune, ambizioso obiettivo – dice Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction – quello di iniziare a creare una comune alternativa europea ai nuovi player globali. Sono orgogliosa del risultato raggiunto e dei progetti che sono stati varati in questo arco di tempo, progetti che pensiamo sappiano allo stesso tempo parlare ai nostri rispettivi pubblici e guardare al mondo. Le basi di questa unione sono da ricercare nella natura pubblica dei rispettivi broadcaster. Questa natura si sostanzia nella condivisione dei valori che da sempre contraddistinguono l’emittenza pubblica. I valori della solidarietà, dell’inclusione, della diffusione della conoscenza. Valori che permeano le scelte editoriali e che le indirizzano verso progetti che posseggono un’anima e che perciò sono in grado non solo di intrattenere, ma anche di stimolare alla riflessione”.

Confermate per quest’anno le riprese di “Leonardo”, la serie biografica dedicata al grande e poliedrico genio italiano. Il progetto in otto episodi da 50′ svela il mistero di uno dei personaggi più affascinanti ed enigmatici della storia. Cosa muoveva la sua infinita immaginazione? Qual è il travaglio che sta dietro le sue più grandi creazioni? Chi era la donna misteriosa che ha ispirato il suo capolavoro perduto, Leda e il Cigno, ma di cui quasi non resta traccia nella storia? Attraverso una struttura di detection in ogni episodio si racconterà la storia umana dietro all’opera e ci si avvicinerà al segreto della sua anima e della sua creazione.

Nella serie mistery “Sopravvissuti” (12×50′), le cui riprese dovrebbero iniziare all’inizio del 2020, la barca a vela “Arianna” parte da un piccolo porto della Liguria e viene distrutta da una violenta tempesta. La nave e il suo equipaggio vengono dichiarati scomparsi. Dopo un anno il relitto viene recuperato, con sette persone a bordo. Come saranno accolti da chi non ha smesso di aspettarli, ma anche da chi forse si è rifatto una vita? Come li ha cambiati quello che è accaduto? E cos’è successo agli altri? Sembra che i sopravvissuti nascondano un terribile segreto.

Le riprese della serie di avventura “Il giro del mondo in 80giorni“, tratto dal romanzo di Jules Verne (1873), dovrebbero iniziare nell’autunno del 2019. Anche in questo caso 8 episodi da 50′ che ripercorrono con modernità un classico per famiglie con Hugh Bonville nei panni di Sir Phileas Fogg, che in seguito ad una scommessa decide di attraversare il mondo in soli 80 giorni, accompagnato dal suo maggiordomo Passepartout (Ahmed Sylla) e dall’ambiziosa giornalista Abigail Fix, che spera in uno scoop.

Già questo aprile, invece, iniziano le riprese della serie di spionaggio “Mirage“. Nella cornice di Abu Dhabi, il thriller racconta la storia di un esperto di sicurezza per i sistemi nucleari, preso di mira dalla Cia.

20 Risposte

  1. Max ha detto:

    sono curioso della fiction sopravvissuti, bellissima trama, sembra davvero un ottimo mistery

    4 fiction interessanti, belle anche le altre

  2. Tex ha detto:

    Molto interessante Sopravvissuti ma c’è il rischio di “osare” troppo e di allontanare il pubblico con lo spionaggio genere non da TV generalista

  3. fedosky ha detto:

    Guardando il cast de “il giro del mondo…”potrebbe essere rifiutato dal pubblico di Raiuno.Hugh Bonville io lo adoro,perché adoro Downtown Abbey ma non credo che sia conosciutissimo dalla nostra platea da tv generalista.
    Chi sono gli attori italiani bravi che sanno recitare in inglese?

  4. fedosky ha detto:

    Sarebbe da Raidue.

  5. Veu ha detto:

    Gabriella Pession sa recitare in inglese, così pure Valentina Bellè, Stefania Rocca e Miriam Leone.
    Di uomini Alessio Boni, Lino Guanciale e Guido Caprino.

  6. Veu ha detto:

    Probabile.

  7. fedosky ha detto:

    Ma è scialba nella recitazione!la reggo solo ne l Allieva, perché adoro i libri della Gazzola.

  8. Veu ha detto:

    Ottima notizia.
    Il Giro del Mondo in 80 Giorni potrebbe essere una grande fiction, speriamo non sbaglino cast.
    Leonardo idem, serve un buon cast (sopratutto sugli italiani).
    Sopravvissuti pare tanto Lost a dire il vero, non so se è da Raiuno, ma più da Raidue.
    Mirage è una spy story.

    All’elenco manca La Città Eterna, il thriller ambientato nella Roma della Dolce Vita ma che si sa che lo faranno.

    Tenete presente che sono previste ben 25 coproduzioni.

  9. fedosky ha detto:

    Ne i medici ricordo Preziosi, Martari,la Mastronardi,Martari e pure Bova!!

  10. Veu ha detto:

    a me piace ma non reggo L’Allieva invece ahahahah.
    Comunque all’estero è l’attrice italiana più famosa.
    Ma tanto tranquilla che in queste coproduzioni mica mettono protagonisti degli italiani, la protagonista sarà una straniera di sicuro, che vedremo una volta e poi mai più come la Syvonne dei Medici che non si sa dove l’hanno pescata.

  11. andreatv99 ha detto:

    Leonardo e Sopravvissuti perfetti per Rai1
    Mirage ottimo per Rai2
    Il giro del mondo in 80 giorni adatto a Rai3

  12. Saruzzo ha detto:

    Wow, quante novità che bollono in pentola?!

  13. Sono Arcipieno ha detto:

    Mi incuriosisce molto Leonardo.
    Occhio alle coproduzione. Da una parte è ammirabile la ricerca di un prodotto internazionale, dall’altra abbiamo visto come questo fatichi in Italia.

  14. fedosky ha detto:

    I francesi sono stati astuti ad inserire Amhed Sylla: bel colpo.Spero che la Rai non risponda con una Mastronardi

  15. Veu ha detto:

    Leone, Buscemi, Bellè, Cervi, Preziosi, Sperduti, Martari, Mastronardi, Caprino, Felberbaum, Ruffino, Bova, ecc. Tutti recitavano in inglese.
    Ma pure Scarano e Boni recitano in inglese.
    Di attrici che conosce benissimo l’inglese c’è pure Barbora Bobulova, ingiustamente dimenticata dalla fiction, ma pure Megan Montaner (sa ben 4 lingue: spagnolo, inglese, italiano e cinese) e di attori Gabriel Garko.

  16. Veu ha detto:

    devono fare un mix tra protagonisti stranieri e italiani, e degli stranieri che mettano volti noti facilmente riconoscibili.
    Una volta non c’erano problemi con le coproduzioni, c’erano sempre nomi straboom anche negli stranieri, solo oggi mettono stranieri pescati chissà dove e che non hanno mai sostenuto il ruolo di protagonisti (vedesi Sharman e la Syvonne per citarne due a caso).

  17. lastefy ha detto:

    Come ho già scritto in precedenza secondo me la Rai ficcherà Guanciale in una di queste,ho questa sensazione,pur di garantirsi uno share decente e richiamare pubblico

  18. lastefy ha detto:

    Ma penso che anche in questi casi gli italiani avranno ruoli secondari

  19. Harold ha detto:

    Sembrano una più bella dell’altra in particolare mi incuriosiscono moltissimo Mirage, Sopravvissuti e il giro del mondo in 80 giorni

  20. lastefy ha detto:

    in una nuova intervista Guanciale afferma che sarà impegnato in due co-produzioni internazionali
    https://www.instagram.com/p/BvcHRQgghYd/