GABRIEL GARKO: HO DETTO NO ALL’ONORE E RISPETTO 6. BASTA ROBE INFINITE ALLA BEAUTIFUL!

Sono passati 20 anni dalla prima stagione de “Il Bello delle Donne”, la fiction di Canale 5 che l’ha lanciato, e 15 anni dalla premiere de “L’Onore e il Rispetto”, la fiction che l’ha consacrato. Gabriel Garko è passato da un set all’altro, da un successo all’altro fino alla sua ultima apparizione come attore, la quinta stagione della saga di Tonio Fortebracci, il ruolo più famoso della sua carriera.

Intervistato dal Fatto Quotidiano, l’attore che l’anno scorso ha confessato pubblicamente la sua omosessualità pensa al privato, vorrebbe un figlio (“ci sto pensando seriamente) e sta vagliando molti copioni, in attesa del ruolo giusto che lo faccia tornare sul set, che sia cinema o una serie per il piccolo schermo. Quattro anni di stop dopo che nel 2017 calò il sipario su L’Onore e il Rispetto.

Ho deciso di tornare a recitare. Sono scaramantico, ci sono dei contatti in atto e altri lavori rallentati dal Covid. Mi hanno proposto tanti ruoli, molti dei quali li ho rifiutati, ma mai quello del gay. Che comunque farei senza problemi. Ora aspetto il personaggio giusto, voglio fare qualcosa di inedito, che spiazzi e stupisca il pubblico. Voglio fare cose completamente inaspettate. Basta scene di sesso, docce e nudo.

Garko spende belle parole sul ventennio di fiction melò Mediaset e quasi tutte scritte dalla geniale penna del compianto Teodosio Losito di cui non si sente di parlare per le note vicende giudiziarie in corso. Popolarità, soldi e successo, forse un unicum nel panorama televisivo che ha unito il gossip con le serie di Canale 5 in un mix di indubbio appeal che ha funzionato a lungo.

Un momento fortissimo della mia carriera, un piccolo tassello nella storia della tv commerciale. Abbiamo fatto fiction forti, che oggi per perbenismo e politicamente corretto non ci farebbero più fare. Poi a un certo punto mi sganciai da tutto e dissi no all’Onore e il rispetto 6. Non mi interessava fare quelle robe infinite alla Beautiful.