Crea sito

GEORGIA LUZI: QUELLA VOLTA CHE UN COLLEGA DALL’EGO SPROPOSITATO MI LANCIÒ UNA SEDIA

Georgia Luzi decide dopo anni di sfogarsi e di svelare un fatto vergognoso, gravissimo, accaduto in un programma che conduceva. Non ci sono parole da aggiungere ma solo leggere.

C’è chi sceglie il silenzio.
E chi decide di esporsi.
E ad entrambi va il mio rispetto.

Nella mia vita lavorativa ci sono stati periodi in cui ho accettato e subìto parole (e non solo) che forse avrei dovuto combattere ancor più energicamente di quanto abbia fatto. Anche se 1 metro e 60 di “bionditudine” non avrebbe spaventato nessuno.

In quel momento…ho scelto di non “denunciare” almeno pubblicamente (ho continuato a lottare ogni giorno in silenzio, la testa non l’ho mai piegata). Sapevo a cosa sarei andata incontro e ho avuta paura.

Paura di perdere il lavoro,di non essere creduta, di essere donna in un mondo di uomini. Perchè alle donne che scelgono di dire di “no” vengono fatte le pulci, ne vengono contestati i tempi e i modi (“come mai hai scelto di parlarne adesso e non prima?” “Ma non lo sai che i panni sporchi si lavano in casa???”) e così da vittime passiamo a carnefici.

Queste persone sono le stesse che giustificano la propria condotta (meschina) con il “troppo amore” che mettono nelle cose che fanno. Il troppo amore…(un po’ come quelli che ti picchiano perché ti amano troppo). Quindi, quelli educati e perbene per far capire quanto ci tengono al proprio lavoro, devono insultare qualcuno.

Quindi, vale tutto?! Eh no.

Minacce, urla, parolacce non valgono. Arroganza, presunzione, violenza verbale,non valgono.
E allora mi viene in mente quando un “collega” mi lanciò una sedia.

E solo per aver espresso il mio parere. Fortunatamente il “caro collega” aveva sì un ego spropositato, ma anche una mira scarsissima.

Mi ribellai… e nel tempo ho pagato le conseguenze anche di quello.

Ancora oggi dà fastidio e fa paura che una donna abbia una testa pensante, abbia un’opinione e le sia data anche la libertà di poterla esprimere.

Non permettete a nessuno di dirvi cosa potete o non potete dire, abbiate coraggio e siate gentili. Il loro “potere” è nulla di fronte alla vostra fierezza.

E invece delle lacrime di coccodrillo, basterebbe portare rispetto. Perché siamo tutti UGUALI.

P.s. ora direte che sto a rosicà in quanto attualmente non sto lavorando ad un programma; lo aggiungerò alla lista dei motivi per cui rimanere in silenzio.

11 Risposte

  1. Luigi Pietrobono ha detto:

    Fermiamoci un attimo, mettiamo le carte in tavola:
    – Cuccarini non confermata a VID scrive lettera contro “l’ego sfrenato” di un collega di lavoro. Matano?
    – Matano viene difeso dalle colleghe tg1
    – Diaco difende Cuccarini con “lite furiosa” con Matano.
    – Diaco giustifica le sue azioni per il troppo amore per il lavoro.
    – Luzi accusa collega dall’ego spropositato di avergli tirato sedia per “troppo amore”.
    …..
    Squadra A
    Diaco, Cuccarini (agente Presta)
    Squadra B
    Matano, Luzi (ex agente Presta)
    ….
    Appuntamento alla prossima puntata.

  2. Sabato ha detto:

    Ho letto da qualche parte che Coletta avrebbe dovuto confermarlo perché già ingaggiato per l’estate dalla De Santis… Spero sia così

  3. giu ha detto:

    Solidarietà piena e stima a Georgia Luzi ottima professionista che merita il rientro a prescindere da questo racconto che denuncia la gravità e la meschinità di certi atteggiamenti di chi si vanta di fare tv del garbo. Non capisco Coletta cosa ci veda in questo programma e nel suo conduttore che ogni giorno macchia l’immagine e la qualità della rete che dirige, la prima del servizio pubblico.

  4. A Condurre comincia tu! ha detto:

    Solidarietà alla Luzi.

  5. Ammerde ha detto:

    Chapeau alla Luzi che ha parlato.
    Non esistono solo le molestie sessuali: quelle di prepotenza, prevaricazione e… altro che “troppo amore” sono all’ordine del giorno e le subiscono tante donne.
    Che se si ribellano si trovano contro tutto il mondo maschile, unitissimo nel difendere il proprio diritto a testosteronizzare il dissenso e l’esercizio del potere, e purtroppo anche delle donne che non vedono l’ora di cogliere un’occasione, qualunque essa sia, per segnare un punto (agli occhi dei maschi) contro la donna che non sa stare al suo posto, prima unica essenziale virtù che le si richiede, molto prima di talento, impegno e risultati.
    E questo oltre a essere ingiusto inibisce molte voci, che potrebbero dare molto, ma si trovano zittite da un microfono che urla mentre loro parlano.

    Se la Cuccarini avesse sollevato il velo di omertà che c’è su questa cosa, avrebbe fatto davvero una cosa da servizio pubblico.

  6. Ammerde ha detto:

    Chapeau alla Luzi che ha parlato.
    Non esistono solo le molestie sessuali: quelle di prepotenza, prevaricazione e… altro che “troppo amore” sono all’ordine del giorno e le subiscono tante donne.
    Che se si ribellano si trovano contro tutto il mondo maschile, unitissimo nel difendere il proprio diritto a testosteronizzare il dissenso e l’esercizio del potere, e purtroppo anche delle donne che non vedono l’ora di cogliere un’occasione, qualunque essa sia, per segnare un punto (agli occhi dei maschi) contro la donna che non sa stare al suo posto, prima unica essenziale virtù che le si richiede, molto prima di talento, impegno e risultati.
    E questo oltre a essere ingiusto inibisce molte voci, che potrebbero dare molto, ma si trovano zittite da un microfono che urla mentre loro parlano.

    Se la Cuccarini avesse sollevato il velo di omertà che c’è su questa cosa, avrebbe fatto davvero una cosa da servizio pubblico.

  7. Rete4ever ha detto:

    Credo che dovrebbe essere il pubblico a scegliere, esprimere il NON gradimento,di un programma o di un conduttore in una democrazia dovrebbe avere un peso
    IO & te è un brutto programma e Diaco un conduttore incapace,quindi CHIUSO

  8. Elisa ha detto:

    Mi astengo.

  9. Fafo ha detto:

    per me qui siamo proprio alivelli di patologia..se fosse vero è una persona che ha bisogno di cure…

  10. Mark88(gta) ha detto:

    Sul personaggio ormai non voglio infierire ma la domanda è alla base : chi ha confermato un programma flop in entrambe le versioni ( estivo ed invernale )?
    Chi permette a questo scempio di andare in onda ? Le repliche di un qualsiasi programma avrebbero fatto di più .
    Un programma brutto , con un’ atmosfera funebre, imbarazzante, triste , che trasmette ansia dopo un periodo difficile per tutti . Vi ricordo che gli anziani non sono mica scemi , anche a mia nonna ( 87 anni) questo programma fa schifo e rimpiange la Balivo( parole sue ) . Questo non è intrattenimento , è una condanna per chi sta a casa .

  11. Markos ha detto:

    Mamma mia…che episodio di basso livello