Crea sito

GERRY SCOTTI E’ IL VOLTO UMANO DI CANALE 5 IN MEZZO A TANTI, TROPPI CASI UMANI

Per i diversamente giovani, i ricordi di Canale 5, nei gloriosi e rimpianti anni ’80 e ’90, sono associati ai senatori Corrado, Mike, Sandra e Raimondo e poi alle allora nuove leve. Tra di loro c’era Gerry Scotti e c’è ancora oggi, come uno degli attuali senatori dell’ammiraglia Mediaset e della tv italiana.

Aldo Grasso, l’ultimo grande critico della tv italiana, sul Corriere ne parla così.

Gerry Scotti ha inaugurato un nuovo programma preserale che si chiama «Conto alla rovescia». Il conduttore finisce per essere una sorta di eccezione nel contesto di Canale 5. Lui è l’unico volto umano, in mezzo a tanti, troppi casi umani.

Un format originale che viene inevitabilmente personificato e costruito sulla sua personalità. Se non ci fosse lui probabilmente il programma non funzionerebbe.

Secondo la vecchia tradizione dei presentatori, da Mike Bongiorno a Raimondo Vianello, anche Gerry Scotti è uno non così invadente, non vuole essere lui il protagonista principale. Sa quando bisogna fare un passo indietro perché si è creato in quel momento un personaggio che funziona meglio del presentatore.

E poi Gerry Scotti ha una dote abbastanza rara nella televisione attuale: è affabile. E nella spazzatura dell’attuale televisione l’affabilità sembra davvero qualcosa di molto prezioso.

28 Risposte

  1. IMMA #rosyabate ha detto:

    Un grande. Nient’altro da aggiungere.

  2. Max22 ha detto:

    Purtroppo lo sbaglio di Mediaset è stato quello di affidare il preserale solo a Scotti
    Lui è bravo e simpatico come pochi, però conto alla rovescia potevano affidarlo ad un altro conduttore
    Condivisibile il pensiero di grasso

  3. Francesco ha detto:

    Onestamente non capisco queste tue crociate contro Scotti, me ne farò una ragione! Poi sarebbe un finto buono perché in Tv fa da intermediario con gli spettatori per creare un clima familiare e quando deve dire un’opinione, anche contrastante, la dice invece di sorridere, annuire e aggirare l’argomento come altri? Poi ha anche detto delle boiate colossali, così come è palese che CaR sia un insieme di scopiazzature varie, ma da qui a insinuare tutte quelle robe ce ne passa! Comunque l’hai letto l’articolo citato? Perché tanto vale citare Lercio…

  4. Francesco ha detto:

    Io non ho scritto “Forse se lo è dimenticato”; ho scritto “Forse se lo è dimenticato apposta”, è ben diverso. Continui a dire che io sostenga che sia buono, ma non è vero! Io sto dicendo tutt’altro. Poi se vieni a dirmi che Scotti non si sa relazionare con pubblico e colleghi rimango sbigottito, ma pazienza, parere soggettivo
    Buona notte!

  5. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    “Forse se lo è dimenticato” è diverso da “se lo è dimenticato apposta o no”. Che si sia dimenticato di Insinna è un dato di fatto, quindi non va bene aggiungere il forse. Che lo abbia fatto apposta o meno non lo sappiamo, ma i sospetti ci sono, in base a vecchie dichiarazioni.
    Non ho scritto che tutti i fuori onda contengono oscenità, ma sicuramente Insinna non è l’unico ad usare quel tipo di linguaggio con i suoi autori. Quello di Insinna era strategia televisiva per avere concorrenti più adatti al gioco. Sicuramente una strategia più lecita di chi manda avanti alcuni concorrenti per la storiella d’amore.
    Non giochiamo a fare le orecchie da mercante: non si tratta solo di “non citare una persona”. Scotti non è nuovo a queste scortesie. Ti consiglio di vedere l’intervista a Verissimo, così puoi sentire con le tue orecchie quello che sto sostenendo da giorni.
    Pure di Scotti sono voci che sia buono: perché di lui ti fidi e della Venier no? Non si tratta di una voce, ma tutti i colleghi che hanno lavorato con lei dicono che sia difficile.
    Sapersi relazionare con i colleghi e con il pubblico è proprio una delle qualità imprescindibili di un bravo conduttore. Allora su cosa dobbiamo misurare la sua “bontà” se non da questi piccoli gesti? D’altronde sono queste le informazioni a nostra disposizioni.
    Se definisco Scotti “finto buono” ho le mie buone ragioni. Per i miei valori lo è. Sicuramente ognuno di noi ha criteri diversi.

  6. Michael93 ha detto:

    Zio Gerry, per me è uno di quei pochi volti che riesce a darmi sicurezza….. è difficile da spiegare…. ma lui è cosi… Unico! Spero ritorni in prime time!!! E non soltanto con CVEM!!

  7. Francesco ha detto:

    “Togliamo pure il forse, perché se ne è dimenticato: volente o nolente” che vorresti dire? Non ha molto senso questa frase, dire che forse se ne è dimenticato apposta contiene già nel suo significato quello che scrivi tu; dimenticarsi di qualcosa, in questo contesto, è una “colpa” solo se volente
    Tu mi dici che tutti fuori onda dicono cose oscene, io ti dico che tutti sfruttano i concorrenti per fare ascolti, perché se neghi questo fatico davvero ad andare avanti con serietà. “Abbassare la dose di trash non è un’impresa ardua”, non è che abbassa il trash, fa una tv praticamente da Rai 1, visto che i suoi programmi, piacciano o meno, non sono più trash di Insinna o Amadeus. Non mi pare di aver mai detto “Scotti brava persona”, ho detto che tu non sei nessuno per dire che non lo sia, e soprattutto per spacciarlo per verità oggettiva. Non hai mai sentito Insinna offendere e insultare colleghi o rivali, quindi deduco che hai sentito Scotti, quando esattamente? Perché se non citare in un discorso generale lo consideri un insulto…
    Mara Venier, per quanto mi riguarda, è una strepitosa conduttrice e una bravissima persona, per quello che vedo in Tv. Poi il resto sono voci, forse vere, di cui non mi interessa e che non sono verità assolute. Poi dire “carattere difficile da gestire” e “finto buono” è ben diverso

  8. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    Togliamo pure il forse, perché se ne è dimenticato: volente o nolente.
    Ripeto ancora una volta: non conosciamo i VIP nel privato per poter dire chi è buono e chi non lo è. Insinna sui social viene disegnato come il diavolo in persona, solo per quel fuori onda quando altri conduttori osannati dicono di peggio a telecamere spente (alcuni pure a telecamere accese). Delle opere di bene fatte da Scotti mi interessa ben poco: buon per lui. Ma qui stiamo parlando di “essere buoni e rispettosi” nei confronti del pubblico e dei colleghi. Questo significa essere un conduttore per tutte le famiglie.
    Tiri in ballo Insinna, quando Nicolò – il campione di Caduta Libera – parlò a TvTalk di sfruttamento della sua storia d’amore da parte di Scotti e degli autori. È strategia televisiva, come lo era quella di Insinna, solo che quest’ultimo ha usato un linguaggio diverso perché si trovava in un contesto privato e tale doveva rimanere.
    Insinna non l’ho mai sentito insultare od offendere dei colleghi o l’azienda rivale. Comunque, il confronto non c’entra nulla: ogni persona è sé e risponde delle proprie azioni.

    Attenzione: sei passato da “Scotti brava persona” a “Scotti porta una bella tv rispetto ai suoi colleghi di Canale 5”. Anche Mara porta una bella tv, ma chi ci ha lavorato rivela che ha un bel carattere, difficile da gestire. Come vedi una qualità non implica l’altra. Abbassare la dose di trash su Canale 5 non è un’impresa così ardua, soprattutto se gli altri programmi in onda sono Uomini e Donne e Live/Pomeriggio5.

  9. Francesco ha detto:

    Sono d’accordo sulla questione fuori onda, però quelli sono fatti, non il “forse si è dimenticato apposta di citare Insinna”. Sono sicuro che tu abbia fonti certe che ti dicono che Insinna scende in campo di persona per le cose che contano, ma continuo a non comprendere perché tu dia per scontato che Scotti non faccia lo stesso. Non mi pare neanche di leggere che Scotti sia un santo, si sta dicendo che in una tv al degrado più totale com’è Mediaset, Scotti continua a portare una bella Tv, o forse tu preferisci la D’Urso😂

  10. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    Insinna ha pagato più del dovuto quel fuori onda che tale doveva essere. Se dovessimo andare a prendere i fuori onda di tutti i programmi, verrebbero fuori delle frasi raccapriccianti.
    Nessuno osanna Insinna come “buono e bravo conduttore”. Eppure la sua bontà la dimostra concretamente con i fatti, le uniche cose che contano, e non con le parole.
    Non potranno mai sapere chi è veramente buono in assoluto perché non esiste una persona completamente buona. Non credo nemmeno che Scotti sia il più santo dei conduttori (Mediaset, Rai o chicchessia), come è stato scritto. Sto dicendo che tenta di mascherare altre sue indoli che vengono fuori comunque.

  11. Francesco ha detto:

    Però scusami ma ti contraddici. Affermi “non potremo mai sapere chi è veramente buono”, poi scrivi “quando non lo si è (buoni) nemmeno al 40%”; ovviamente ti riferisci a Scotti, mi pare evidente il tuo riferimento a lui. Comunque sia io citavo Insinna perché noto che ogni giorno sentenzi sul grado di bontà di Scotti e non hai mai neanche accennato a Insinna, nonostante abbia commesso errori ben più gravi di Scotti, seppur sempre situazioni isolate che non possono dirci chi è o chi non è Insinna

  12. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    Come fa lui a parlare male dei suoi colleghi? Come fa a dire frasi populiste da demagogo? Come fa ad offendere il pubblico, ritenendolo talmente stupido da non capire i giochi di “Conto alla rovescia”? Giochi che sono scopiazzati da altri programmi e non più difficili di molti altri quiz che abbiamo visto in tv.

  13. Enzo91 ha detto:

    Comdivido in pieno l’analisi di Grasso.
    Scotti è una nota preziosa in una C5 alla deriva.

  14. Enzo91 ha detto:

    Ma come si fa a parlare male di Gerri Scotti non lo so … ci vuole coraggio

  15. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    Il giudizio su Scotti prescinde da quello su altre persone. Non potremo mai sapere chi è veramente buono perché non li conosciamo nel privato. Sicuramente il vero Scotti non corrisponde all’immagine che si è voluto disegnare negli anni, non corrisponde a quello che pensano in molti e non corrisponde a quello che ha scritto Grasso.
    Nessuno è buono al 100%. Basta non fingere di esserlo al 70% quando non lo si è nemmeno al 40%.

  16. Ital ha detto:

    Bisogna avere il binocolo otturato …per non riconoscerlo ….
    Per fortuna …questo blog …sa riconoscere la buona tv ….al di la’ del logo , e dei gusti personali …legittimi dello staff …

  17. Ital ha detto:

    Grasso …ha solo confermato …quello che pensiamo in molti ….volto affabile e familiare, sa ben gestire il quiz e …come pochi sanno ,
    …adattandolo alla propria persona ….
    Ha pregi e difetti come tutti noi …di certo e’ uno dei pochi volti spendibili e di successo…di una tv sempre piu spazzatura …come dice il critico tv …cosa non da poco di questi tempi ….

  18. Francesco ha detto:

    I fuorionda di Insinna come li giudichi? Lui è un “vero buono”? (E io guardo l’eredità eh!)

  19. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    L’articolo è scritto male, il blogger che l’ha scritto non vincerà il Premio Pulitzer, ma le dichiarazioni e i fatti riportati sono veri e sono quelli che conosciamo tutti.
    L’intervista a Verissimo l’ho sentita con le mie orecchie e su certe cose non transigo: ha costruito il personaggio del bravo conduttore, ma ogni tanto lancia questi attacchi che mostrano la sua vera identità, la sua personalità a chi vuole intendere.

  20. Il binocolone di Amadeus ha detto:

    Definire il quiz di Scotti un format originale fa già ridere. Chissà qual è stato l’ultimo programma condotto da Scotti che ha visto Aldo Grasso: lo show dei record? Ghghghgh.
    Scotti persona falsissima che davanti alla tv indossa la maschera del buono conduttore: non gli perdonerò mai quello che ha fatto in passato contro la Clerici-TLUC (allego un vecchio articolo: https://www.google.it/amp/s/www.tvblog.it/amp/post/17580/io-canto-di-gerry-scotti-di-ti-lascio-una-canzone-voleva-rubare-pure-il-titolo-nella-prima-puntata-marco-carta-karima-renga-al-bano-amendola-e-la-muti)
    e non gli perderò nemmeno le recenti dichiarazioni contro la Rai e il canone Rai, da vero populista di bassa lega. Per non parlare della scortesia nei confronti di Insinna, dimenticandosi casualmente di citarlo, peggio di Barbara D’Urso. O quando diede la colpa al pubblico, troppo stupido, se non capisce i suoi giochi.
    Giù la maschera!

  21. Atomth ha detto:

    Esatto!

  22. Mauro ha detto:

    Gerry è una persona per bene, ma davvero. Ha una carriera da far invidia, tantissimi successi alle spalle e tutt’ora, in più è amato sia dai bambini che dagli anziani…Si meriterebbe la conduzione di Sanremo per consacrare un grande artista.

  23. Paulucci ha detto:

    Sono d’accordo. Un bel show tipo The Tonight show di Jimmy Fallon

  24. Paulucci ha detto:

    Gerry merita di condurre Sanremo, che sia Rai o Mediaset poco importa, lo merita perché è giusto che abbia anche lui un riconoscimento dopo anni e anni di carriera.

  25. Saruzzo ha detto:

    Gerry è la zia Mara di Canale5.

  26. Atomth ha detto:

    Gerry é una persona di famiglia. É come Vianello, Corrado, Mike e Frizzi. Per me il miglior conduttore italiano. Anche nella puntata del MCShow dedicato a Mike ha dimostrato di saperci fare. Tenterei quasi quasi, un programma tipo David Letterman durante la seconda serata. Tra sketch, risate, interviste e divertimento, sarebbe perfetto.

  27. Gigi Gx ha detto:

    “Un format originale che viene inevitabilmente personificato e costruito sulla sua personalità. Se non ci fosse lui probabilmente il programma non funzionerebbe.”

    Ehm… Non direi proprio.

  28. Matteo Belli ha detto:

    parole sante. Bellissimo pezzo