Crea sito

“MEGLIO SFIGATI MA SANI”, SIGNORINI SI SFOGA: SE AVESSI FIGLI TOGLIEREI SOCIAL E CELLULARI

Alfonso Signorini è inarrestabile. Dopo le uscite sulla concorrenza della Rai e Ilary Blasi – che potete recuperare qui – si passa al rapporto tra i giovani e i social. Le polemiche su TikTok, lo scambiare la vita virtuale con la vita reale, le restrizioni e la didattica a distanza che non aiutano. Cosa fare? Alfonso Signorini non ha dubbi.

Quando ero un ragazzino i miei genitori mi raccomandavano sempre di non rivolgere la parola agli sconosciuti, quando dovevo andare da solo da qualche parte. Oggi si parla solo con quelli e nessuno può essere sicuro di parlare con una determinata persona, in un mondo che ha fatto fortuna proprio grazie allo scambio di identità.

Il conduttore del Grande Fratello Vip e direttore di Chi, proprio dalle pagine del suo settimanale, specifica che se fosse padre non userebbe una linea morbida. Ecco come prosegue il suo ragionamento che appare più come uno sfogo.

Ai miei figli non darei nessun cellulare, proibirei i social, niente di niente. Lo so, sarei impopolare. Correrei il rischio di sentirmi rimproverare dai miei figli che si sentirebbero “sfigati” nei confronti dei loro amici e compagni. Chissenefrega. Meglio un figlio sfigato, ma sano, capace di relazionarsi con la realtà. E non alludo certo alla realtà virtuale.

7 Risposte

  1. Maxino81 ha detto:

    non condivido la sua opinione, ma poi detto da lui rende ancora peggio….

  2. Alessio12 ha detto:

    Su questo non mi sento di dargli torto. Su questo

  3. renda valentino ha detto:

    Gente che nel 2021 ancora celebra Elisabetta Gregoraci come modello esemplare di italiano che ce l’ha fatta (se non ti piace rosichi) che parla di giovani e valori sani.

  4. Roberto ha detto:

    Certo, lui è l’ultimo che può dare il buon esempio, dato che propone una tv spazzatura, che ha ben pochi valori da trasmettere ai giovani.
    Sono d’accordo sul proibire l’uso dei cellulari e dei social ai bambini.

  5. Byron ha detto:

    Meno male che non è padre. Farebbe la figura dell’incoerente tra ciò che predica e un tipo di tv/giornalismo che spesso dà spazio a personaggi che sono l’emblema del mondo superficiale che non vorrebbe dare come esempio ai figli.

  6. Beppe ha detto:

    Su questo non si può che convenire con Alfonzino…. fosse per me, col cavolo che alla comunione un bambino riceverebbe come regalo un cellulare!

  7. Oliver “ team Panicucci” ha detto:

    Alfonso sai cosa conta nella vita, quello che riesci a trasmettere…
    I figli non hanno bisogno di proibizionismo ma di educazione, valori, senso civico, rispetto altrui e sani principi che solo dei bravi educatori possono dare. Mi dissocio da ci dice che parte del problema sia dovuto al mondo dei social e dai modelli tramessi dalla tv, perché i giovani hanno bisogno di tutto l’importante è che non siano lasciati da soli nel loro percorso di crescita…
    E concludo, tu razzoli bene ma al dunque…