Crea sito

GIANCARLO MAGALLI SHOW: LE POLEMICHE CONTRO DI ME? ASSURDE! GLI AUTORI NON ESISTONO PIU’, VOLTI NUOVI? TRANNE CATTELAN NON C’E’ NIENTE… E NON PER COLPA DEI “VECCHI” CHE ANCORA LAVORANO, CON LA VOLPE CI IGNORIAMO

Sintesi dell’intervista di Andrea Di Quarto a Giancarlo Magalli (Tv Sorrisi e Canzoni)

Sulle recenti polemiche:

Polemiche sciocche. Mi hanno criticato perfino quando, durante un gioco telefonico, ho chiamato a casa una persona defunta. Hanno parlato di “gaffe di Magalli”, ma che ci posso fare io se la signora era morta? Mica l’ho ammazzata io! Altra polemica assurda (quella sui calabresi, ndr).

Al telefono non ha risposto nessuno e io ho fatto una battuta: “Saranno andati a scippare le vecchiette”. Ma neppure me lo ricordavo che il paese in questione fosse in Calabria. Alcuni giornali sono stati molto scorretti, al punto che sto valutando se querelarli.

Se gli manca il lavore come autore:

Sì, ma è un mestiere ormai estinto. Adesso si comprano i format fatti dall’estero e quelli che oggi si fanno chiamare autori in realtà sono dei traduttori.

Magalli come sostituto e “soprammobile”:

Presi il posto di Enrica Bonaccorti (Pronto, chi gioca? su Rai1, ndr) che aveva avuto un problema di salute. Gianni Boncompagni mi chiamò alle 5 del pomeriggio: “Enrica è in ospedale, domani vai in onda tu”. Non era il mio debutto assoluto, nel 1982 avevo già condotto “Illusione”, un varietà con Silvan e Donatella Rettore.

Ebbi buone critiche ma non successe nulla, non c’erano posti liberi. Quando presi il posto di Enrica, nel 1987, Baudo, Corrado e Raffaella Carrà erano andati a Mediaset. Così m’hanno preso e sono diventato… una specie di soprammobile.

Mai tentato da Mediaset?

Una volta, dopo che la Rai mi aveva fatto arabbiare. Ci fu una trattativa, ma alla fine restai a casa. Credo di essere l’unico, insieme con Renzo Arbore, a non mai fatto una “vacanza” dall’altra parte.

Mai pensato alla pensione?

Quando dicono che bisogna far largo ai giovani penso che abbiano ragione, ma poi mi chiedo dove siano queste novità. Cattelan è bravo, ma oltre a lui chi c’è? Nel 1983 la Rai fece un megaprovino. Su migliaia di candidati emersero solo 3 nomi: Chiambretti, Cecchi Paone e Fazio. Quattro anni fa l’hanno rifatto. Sa quanti ne hanno scelti? Zero.

Francamente non credo che esista uno bravo che non abbia avuto la sua occasione perchè io e Baudo occupavamo un posto in tv.

Ha fatto pace con Adriana Volpe?

Civilmente ci ignoriamo. Ha dei difetti che a lungo andare mi danno fastidio. Non sono cose gravi, ma è come il marito che russa: all’inizio la moglie ride, dopo dieci anni non lo sopporta più.

8 Risposte

  1. Tex ha detto:

    Bravo Magalli merita Rai1 l’unico giovane bravo è Ossini Cattelan non lo conosco

  2. #PEPPE ha detto:

    Magalli potrá essere anche un grande conduttore ma BASTA di buttare fango sulla Volpe
    Cmq oltre a Cattelan c’é anche Ossini,Russo,Alvin etc…

  3. fyve21 ha detto:

    E poi che cavolo c’entra l’assenza di novità? Non è che i giovani devono portare per forza la novità (novità nei programmi di Guardì?Ah,ah…)….sono anche i senior che devono capire quando è il momento di farsi da parte.

  4. fyve21 ha detto:

    Come se ci fosse solo Cattelan tra i giovani bravi…non sono assolutamente d’accordo! Secondo me non ne conosce manco di uno e ha citato l’unico che è salito agli onori delle “cronache” televisive.

    Per non parlare della totale assenza di professionalità quando parla di una collega di lavoro. Può avere le sue idee, per carità, ma a tutto c’è un limite.

  5. PierVivaCanale5 ha detto:

    Il “conduttore”più inutile della storia della TV….
    Fossi un calabrese lo avrei querelato subito.
    Poi ha una spocchia incredibile, gli vorrei ricordare l’ultimo orrore che lui ha condotto su Rai 1,quello delle nonne…

  6. Artax ha detto:

    Ma chi è sto Cattelan ma finitela di ripetere a pappagallo cose standardizzate. Basta davvero quanta pochezza

  7. Liuks ha detto:

    Con la questione di Adriana Volpe ha rotto le scatole. Basta
    Manco fosse la peste.

  8. alextv ha detto:

    Magalli è ora che se ne andasse in pensione. Continue polemiche sulla volpe che offende puntualmente in ogni intervista. I panni sporchi vanno lavati in casa. Atteggiamento vergognoso da parte di chi è stato tanti anni in televisione