Crea sito

GIGI D’ALESSIO: THE VOICE SENIOR UNISCE TALENTO E UMILTÀ, ALTRO CHE CERTI GIOVANI SPOCCHIOSI

“Era stato definito il programma dei vecchi…”. Gigi D’Alessio si toglie un po’ di sassolini dalle scarpe e parla della sua esperienza a The Voice Senior, il grande successo del venerdì sera di Rai1 presentato da Antonella Clerici.

D’Alessio condivide il ruolo di giudice con Loredana Bertè, Clementino, Al Bano e la figlia Jasmine. Siamo arrivati al rush finale della versione over 60 di The Voice. Un doppio appuntamento: venerdì la semifinale e domenica sera il gran finale della prima stagione. Visto il riscontro, The Voice Senior tornerà infatti il prossimo anno per la gioia di oltre 4 milioni di telespettatori.

Intervistato da Repubblica, il cantante sottolinea che The Voice Senior “ha fatto conoscere persone vere, al di là della voce. Quando uno ti dice: Cantavo per paura quando all’alba consegnavo il pane, ha detto tutto”.

Il talent musicale è una bella trasmissione, non parlano solo l’auditel e il riscontro dei social ma, sottolinea Gigi D’Alessio, “c’era tanto pregiudizio e il pregiudizio ammazza tutti. Era stato definito il programma dei vecchi, invece ha colpito al cuore e i concorrenti hanno avuto il loro momento di gloria: un bel dono. Hanno talento ma sono umili. Vedi certi giovani senza talento che hanno una spocchia…”.

Si passa a parlare dell’età anagrafica. Alcuni commentatori dei dati d’ascolto tendono a considerare di serie B il pubblico over, rasentando negli estremisti un vero odio per gli anziani (ageismo), così come alcuni politici hanno fatto passare l’idea che tanto di Covid muoiono i vecchi.

Come dire, non servono più. E D’Alessio puntualizza: “È passata l’idea: Muore uno di 80 anni, sti cavoli. Ma come si fa? Speriamo di arrivarci: come ci sentiremmo nel momento in cui lo dicessero a noi?“.

Torniamo a The Voice Senior, premiato per un altro motivo. La naturalezza. “Il pubblico si accorge se le cose sono finte o costruite” sottolinea Gigi che rimarca il desiderio di normalità. “Questo è un programma normale, la voglia di normalità vince. Ha qualcosa di speciale, se no rischiavamo di fare un altro tipo di programma”.

E una lode a Vanessa Incontrada, emblema di normalità. “Lei dice mi sudano i baffi e si mette allo stesso livello di chi guarda, la senti vicina. Il problema è quando in tv vogliono fare le superstar“.

4 Risposte

  1. Gianpaola Mossa ha detto:

    Ma perchè il padre di Giorgia non aveva avuto successo? Ricordo che all’inizio della sua carriera, Giorgia veniva definita figlia di … .

  2. Guasty ha detto:

    Semifinale e finale nel giro di 2 giorni? Meh…

  3. R101 ha detto:

    Ha ragione su tutto!!
    Bel personaggio il Gigi Nazionale, competente, preparato, alla mano e combattivo!
    👍🏻💪🏻🤩

  4. Sabato ha detto:

    Ben detto! A The Voice Senior persone pulite, passioni vere e belle storie di vita!