Crea sito

IL CASO SERGIO SYLVESTRE E IL VIRUS PIÙ PERICOLOSO: L’IGNORANZA

Tornatene al tuo paese, ne(g)ro di merda comunista. Una frase che riassume uno dei tantissimi insulti ricevuti da Sergio Sylvestre dopo la finale di Coppa Italia.

Tanta emozione, non è la prima volta che succede, è già capitato anche all’estero in eventi simili e con cantanti di fama internazionale. E poi il pugno sinistro chiuso in solidarietà ai recenti e drammatici eventi in America.

Quindi dove sta il problema?

Nell’ignoranza. Il più pericoloso virus della società. Ripeto bene. Il più pericoloso virus. Perché solo una persona malata del virus dell’ignoranza, e dei sotto virus che hanno il nome di violenza e razzismo, può pensare e scrivere certe cose.

Emma, Elodie e Fedez (e non solo) sono scesi in campo in difesa di Sergio, specialmente dopo l’attacco di un piccolo stupido uomo, così hanno definito un noto esponente della politica. E avanti di attacchi ai tre, con le due signore naturalmente ancora più dileggiate.

Perché il corollario prevede anche l’odio della donna che per alcuni dovrebbe, in religioso silenzio, cucinare, badare ai bimbi e soddisfare il marito che torna a casa, magari dopo aver cantato allegrotto l’Inno d’Italia in spiaggia, tra una toccata al seno e una al rosario.

Ma il problema è Sergio Sylvestre.

25 Risposte

  1. Ital ha detto:

    Il problema non e’ Sergio ovviamente….e mi pare chiaro ….ma il razzismo dilagante ….anche da noi ….altro che problema americano ….
    I commenti poi del gabibbo verde …sono al livello …del peggiore …cattivo gusto …e non consoni …a chi dovrebbe governare il paese …ma adatti a raccattare i voti in ogni anfratto …

  2. Paulucci ha detto:

    E’ stato pubblicato un video delle prove dove Sergio il testo lo conosceva bene. Emozionarsi è umano.

  3. Paulucci ha detto:

    E’ stato pubblicato un video delle prove dove Sergio il testo lo conosceva bene. Emozionarsi è umano.

  4. LordMassi ha detto:

    Ma infatti l’ignorane non è chi non ha studiato, fidati che conosco decisamente più ignoranti laureati rispetto a chi ha un titolo di studio inferiore, e mi ho imparato molto di più da persone che non sono riuscite neppure a diplomarsi che da laureati.

  5. Sabato ha detto:

    Lì di solito entra in gioco la demenza senile! 😂

  6. Beppe ha detto:

    Credimi conosco laureati, ex di sinistra, affascinati da Giorgina e Matteuccio! 😑

  7. LordMassi ha detto:

    purtroppo li entra in gioco l’ignoranza

  8. LordMassi ha detto:

    Nell’articolo di Fazio lo ha definito faccia di c… ne vogliamo parlare? Stai sostenendo da 1 ora che Silvestre era inadatto, uno sconosciuto, comunista etc ne vogliamo parlare? Io esattamente quando ti avrei insultato? E per quanto mi riguarda sono Massimiliano Campone, non ho alcun problema a scrivere con il mio nome e cognome, e ci ho messo anche la faccia più volte con tanto di video. Se ti serve ti lascio anche l’indirizzo qualora fossi interessato.

  9. Beppe ha detto:

    Infatti dovremmo imparare a distinguere certi soggetti ignoranti che sfogano tutte le loro frustrazioni sui social e comprendere che rappresentano solo l’ 1%, come tu stesso dici, della popolazione…. Poi certo c’è quella parte di popolazione che in fondo non è così razzista, però vota certi soggetti perché casca nel tranello degli slogan populisti e li la percentuale di persone sale notevolmente, ahimè…

  10. Francesco Moretti ha detto:

    A differenza tua, io scrivo con nome e cognome e non ho insultato nessuno.

  11. LordMassi ha detto:

    E tutto questo mentre si stanno svolgendo da settimane manifestazioni violentissime contro il razzismo soprattutto in USA, e dopo essere passati per l’inferno della pandemia. Se questa società non riesce a migliorare nemmeno adesso non c’è speranza, ma siccome sono consapevole che i social rappresentano l’1% della società in cui viviamo, e sono il luogo d’incontro perlopiù della parte peggiore di essa, di poveracci incattiviti, rancorosi, asociali e sociopatici, continuo a sperare in un mondo migliore!

  12. Sabato ha detto:

    Il fatto che tu non lo conoscessi non lo rende automaticamente inadatto a ricevere quell’incarico, anche perché non ricordo un tuo parere contrario all’esibizione delle ugualmente “ignote” Chiara Galiazzo e Francesca Michielin, per fare due esempi.
    Ha sbagliato meno di tanti altri ed è stato criticato più di tutti, ma il problema non sono le critiche, bensì gli insulti razzisti: il fatto che tu non veda l’anomalia, il problema da condannare, la dice lunga!

  13. LordMassi ha detto:

    la figura meschina la stai facendo tu con questo commento e tutti i leoni da tastiera e odiatori che da 3 giorni insultano Sergio

  14. Lorenzo Gubello ha detto:

    Sono d’accordo.L’ignoranza è un brutto virus e chiamare anzi attaccare un ragazzo in quel modo ma anche NOOO.Dovrebbero pentirsene.

  15. LordMassi ha detto:

    Tu come chiami gli insulti negro di mer(d)a, tornatene a casa etc etc? mi pare palesemente razzismo e ignoranza. E poi cosa c’entra la preparazione? l’emozione soprattutto in un momento come questo può cogliere anche il più preparato al mondo, e non ha fatto nessuna figuraccia, la figuraccia la fanno come sempre i leoni da tastiera aridi e incattiviti figlio come dice bubino dell’ignoranza e del’odio razziale!

  16. Francesco Moretti ha detto:

    Ho scritto ‘ignoto ai più’, io stesso che a causa di mia moglie ho seguito molte edizioni di Amici lo ricordavo appena. Era pagato per cantare l’inno, non lo ha fatto bene e per di più ha chiuso la sua performance in maniera ridicola.

  17. Francesco Moretti ha detto:

    Giustissimo. Io non voto ormai da diversi anni e considero Salvini una sorta di influencer, neppure un politico. Eppure ciò non mi impedisce di pensare che Sylvestre abbia fatto una figura meschina

  18. Sabato ha detto:

    Il fatto che tu non abbia interpretazioni alternative alla scarsa preparazione, come l’emozione o un problema di audio, già la dice lunga. E il fatto che tu sminuisca gli insulti razzisti, considerandoli come la normale conseguenza di un errore nel corso di un’esibizione canora, la dice ancora più lunga!
    Sul “come tanti altri è stato fatto a fette” avrei delle riserve: non ricordo tale violenza contro chi, prima di lui, ha commesso errori cantando l’inno nazionale.

  19. Arsenio Lupin ha detto:

    Ma perche’ su ogni cosa dovete mettere di mezzo l’ignoranza il papeete il razzismo e salvini?Sergio sylvestre si doveva preparare meglio e ha fatto una figuraccia e come tanti altri e’ stato fatto a fette dai social come capita a tanti personaggi che fanno figuracce e gaffe stop

  20. Sabato ha detto:

    Sergio ha esitato, interrompendo la propria esibizione per un paio di secondi, su “le porga la chioma”: questo significherebbe “non conoscere l’inno nazionale”? Non prendi proprio in considerazione interpretazioni alternative, quali l’emozione o i problemi dell’audio in uno stadio vuoto in cui la voce rimbomba?
    Sergio non è né il primo né l’ultimo a sbagliare l’Inno: succede puntualmente anche in America, è un specie di format, di maledizione! Su Youtube non si contano i video dei grandi artisti che steccano o sbagliano le parole dell’Inno, da Mariah Carey a Christina Aguilera, passando per Fergie e Steven Tyler.
    Non ho simpatie particolari per Sergio, ma non penso fosse meno titolato di Chiara Galiazzo, Emma Marrone o Francesca Michielin a cantare l’Inno di Mameli: Sergio lavora in Italia dal 2012, quando da Los Angeles si è trasferito a Lecce per amore, amore per l’Italia. Nel 2016 ha vinto Amici e nel 2017 ha partecipato a Sanremo. Quindi, perché parli di “tizio ignoto” e di “colpa di chi lo ha ingaggiato”?

  21. Sabato ha detto:

    Io penso che, prima di esprimere un’opinione, si debba sempre accertare i fatti. Cosa che non ha fatto, per esempio, Daniele Capezzone, il quale ha twittato:
    Sergio Sylvestre, destinato a diventare idolo delle sardine ha:
    -saltato molte parole dell’inno nazionale
    -alzato un pugno chiuso
    -gridato minacciosamente: “No justice, no peace”.
    Già che c’era poteva recarsi a sfregiare un po’ di statue

    Ma sono davvero andate così le cose? No: Sergio non ha “saltato molte parole”, ha solo esitato su “le porga la chioma”. Era emozionato o aveva “studiato” poco? Propenderei per la prima ipotesi, ma intanto smentiamo la versione di Capezzone, che non trova riscontro.
    Parliamo ora del pugno chiuso. Molti, sui social, hanno scritto che Sergio avrebbe cantato con il pugno sinistro alzato: “per fare propaganda politica”, dicono. In realtà, Sergio ha solo alzato il braccio (quello libero: l’altro reggeva il microfono) nell’ultimo secondo di esibizione, per “interpretare” con un gesto il “Sì!” urlato con cui si chiude il nostro inno. Se cerchiamo esibizioni analoghe (altre finali di Coppa Italia), possiamo vedere che Malika Ayane, Emma e altri hanno chiuso la loro performance con lo stesso gesto: mano destra che regge il microfono e braccio sinistro alzato sul finale. È un gesto naturale… perché fare queste strumentalizzazioni politiche di basso livello?
    Infine, “No justice, no peace”. Mi spiace che Capezzone consideri “minaccioso” uno slogan contro il razzismo: io sogno un mondo in cui l’antirazzismo e altri valori siano condivisi e non espressione di una parte politica!
    Che dire, infine, del commento finale di Capezzone? “Sergio poteva recarsi a sfregiare un po’ di statue“, dice. Quindi Capezzone ha stabilito che Sylvestre, in quanto nero, condivide gli aspetti più volenti delle proteste, come gli atti vandalici… Siamo al trionfo del pregiudizio!

  22. Francesco Moretti ha detto:

    Ignoranza è la parola giusta, ma è da indirizzare a questo tizio, fino a 48 ore fa ignoto ai più, che ha dimostrato di non conoscere l’inno nazionale, oltretutto chiudendo la sua ridicola esibizione col vergognoso pugno alzato (con sullo sfondo le facce imbarazzatissime di Gravina e De Siervo). Ma dopotutto la colpa non è di tale Sylvestre, ma di chi lo ha ingaggiato per allestire il ridicolo show.

  23. Alessandro Stamera ha detto:

    GRAZIE

  24. Dario L ha detto:

    Concordo in pieno bubino

  25. GP9️⃣⚽⚽⚽⚽🏁🏁🏁🏁 ha detto:

    GRANDE Bubino