Crea sito

IL SEGRETO DI ANTONELLA CLERICI – SENZA PAROLE (A CURA DI MarcoLovesBrittney)

IL SEGRETO DI ANTONELLA CLERICI - SENZA PAROLE (A CURA DI MARCO) 11008762_1587058894875444_8726846925380850854_n

Ci sono conduttrici tv che d’abitudine indossano maschere o facce: non si capisce mai cosa sentono o pensano davvero. Antonella Clerici non appartiene alla categoria. Nella sua lunga carriera ha gradualmente preso confidenza con la telecamera e con i telespettatori, affermandosi come volto amico del pubblico: la conduttrice della porta accanto, una sorta di vicina di casa catodica solare, buona e accogliente. Antonella funziona perché è una donna che le telespettatrici da casa riconoscono come “una di loro”. Non si atteggia a fatalona, non cerca il consenso a tutti i costi, non calca la mano, non ammicca. Ha un che di genuinamente provinciale che ben si sposa a uno show come La Prova del Cuoco. Una fiera di sapori e colori culinari e umani nel segno della convivialità. Convivialità come condivisione. Nel ricco menù di cuochi amatoriali e chef quotati, pietanze, gare e rubriche, l’ingrediente più saporito è il clima. Un’atmosfera di colorato chiasso e familiarità, che sa tanto di ridenti feste-tavolate di paese, dove si chiacchiera di tutto e di niente tra una portata e l’altra e tra i fornelli. Antonella in questo contesto resta se stessa nella sua normalità di persona, donna, madre, sorella, figlia, compagna. Spesso racconta aneddoti personali che la riguardano in ciascuna di queste vesti. Aneddoti anche banali, proprio come talvolta è banale l’esistenza quotidiana di tutti noi. Antonella non fa la Vip che si cala nel mondo delle persone comuni. Quando in trasmissione interagisce con loro, lo fa sullo stesso piano: da persona a persona. Ha negli occhi e nelle domande che porge la curiosità di una persona che nella vita ne incrocia un’altra e cerca di conoscerla (in questo la sua erede naturale è Caterina Balivo a Detto Fatto). Chiacchierate in cui non si parla di massimi sistemi o di temi di rilevanza mondiale. Ma che, proprio nella loro confortevole sequela di ordinarietà e amenità varie, raccontano un’Italia molto più comune, bella e vera di quella tratteggiata nel panorama tv, dove l’abuso di cronaca nera e di personaggi trash ha sostituito da tempo la capacità di raccontare le persone ‘normali’.

IL SEGRETO DI ANTONELLA CLERICI - SENZA PAROLE (A CURA DI MARCO) Bv_I25RIYAAdNwZ

Antonella Clerici racconta se stessa con le parole, con gli sguardi, con i sorrisi e le malinconie. Nel suo rapporto di lealtà col pubblico resta una professionista del video, ma è una persona che – citando un proverbio anglosassone – ‘porta il cuore sulle maniche’. Se è felice, si vede. Se è triste, si nota. Se è irritata per qualcosa, si intuisce. In questo periodo lo stato climatico-umorale della Clerici segna: perturbato. Almeno in ambito professionale. Non si è sforzata di nasconderlo. Né a La Prova del Cuoco (dove si è lasciata sfuggire frasi del tipo ‘Non è un bel periodo’), né sui social (su Twitter ha accennato a lievi attacchi di panico e ha addirittura postato il suo epitaffio ideale – ovviamente senza intenti suicidi!), né nelle interviste a riviste e blog. Antonella patisce i magri risultati d’ascolto dello show di prima serata Senza Parole, al di sotto dell’obiettivo d’ascolto di Rai1 e piuttosto criticato sul web. Un flop che s’aggiunge alla flessione dello share della Prova del cuoco, ancora programma leader del mezzogiorno ma sempre più tallonato da Forum di Canale 5. Una flessione che in parte Antonella imputa pubblicamente al debole traino di A conti fatti di Elisa Isoardi, aprendo un nuovo capitolo della loro saga Eva contro Eva formato casereccio.

IL SEGRETO DI ANTONELLA CLERICI - SENZA PAROLE (A CURA DI MARCO) CDMWam2WIAAGyGm

Senza Parole ha delle attenuanti. E’ piazzato in palinsesto al sabato contro un talent fortissimo, amatissimo e pubblicizzatissimo come Amici di Maria ‘La Sanguinaria’ De Filippi. Anche nello scontro imprevisto contro la telenovela hit Il Segreto (l’LSD del pubblico over) il fiasco era prevedibile. E’ anche vero che mai come in questa stagione lo zoccolo duro di Rai1 si sia accorto dell’esistenza del telecomando, imparando a fare zapping e decretando sonori flop come Forte Forte Forte della Carrà e Notti sul ghiaccio della Carlucci. Tuttavia Senza Parole non decolla proprio per il prodotto stesso. Un programma di emotainment che sembra scritto in modo da evitare di essere considerato un plagio di people show celeberrimi come Carràmba che sorpresa e C’è posta per te, ma che di base li ricorda pur con meccanismi sostitutivi e innesti inediti. Manca però la forza dirompente dei predecessori e l’attitudine giusta che le rispettive conduttrici possedevano e che alla Clerici manca, nonostante la buona volontà. In questo contesto appare spaesata, trattenuta, come se sentisse il peso di rendere empatiche le storie raccontate e camminasse sul campo minato di un programma troppo impostato per risultare scorrevole. Un programma imbrigliato da troppe sovrastrutture che bloccano prima di tutto la conduttrice.

IL SEGRETO DI ANTONELLA CLERICI - SENZA PAROLE (A CURA DI MARCO) la-prova-del-cuoco-antonella-clerici

Senza Parole non è uno show malvagio: il problema è che sa di già visto da lontano un chilometro e quindi diventa noioso, superfluo, emozionante solo per caso e mai in toto. Il segreto del successo dellaClerici è la sua naturalezza. La Prova del cuoco in daytime e il festoso Ti lascio una canzone le hanno consentito di esprimersi al meglio, liberamente. Senza parole in qualche modo è un vestito che non le dona, perché troppo stretto e fuori moda. I telespettatori comunque continuano a voler bene ad Antonella e le daranno altre possibilità. Perché lei resta “una di loro”.

28 Risposte

  1. Sanfrank ha detto:

    P.S.: Buon onomastico a te e a tutti i Marco di BubinoBlog

  2. Sanfrank ha detto:

    Marco, hai visto quanti complimenti hai avuto?
    Complimenti ancora. È scritto molto bene.

  3. MarcoLovesBrittney ha detto:

    Grazie a tutti gli altri che hanno commentato e thanks ancora per gli auguri da onomastico, che ricambio agli altri Marco 🙂

    Franco2bis

    Nella ‘normalità’ ci può star dentro anche un piccolo e sano godimento se una collega che non ti va a genio floppa. Anche a tutti noi nella vita capita di provare moderato piacere se qualcuno che ci sta sulle scatole fallisce. Per dire… alla Clerici il flop della Carrà non credo sia dispiaciuto troppo, a giudicare da un suo retweet di quel periodo. Ma di certo è ben lontana dal rappresentare una figura cattiva, avida e meschina. Nel contesto dello spettacolo (cmq un mondo di egocentrici) davvero è una mosca bianca. E davvero riesce a relazionarsi in tv alle persone comuni con una naturalezza che poche hanno. Poi i gusti sono gusti, e se non ti piace sei liberissimo di non sopportarla come altri di esserle affezionati.

  4. ERMESY1993 ha detto:

    Complimenti marco!! Sempre analisi interessanti e che condivido in pieno

  5. BoyBad ha detto:

    A me personalmente non fa impazzire, ma è anche normale visto che nell’ articolo è ben descritto il target di persone a cui si rivolge, nonostante ciò si vede che ha una sua personalità ben definita e un suo stile. Ultimamente mi è capitato di leggere più spesso alcune sue dichiarazioni, e devo dire la trovo meno falsa di quanto la ritenevo.

    Nel mondo dello spettacolo per resistere c’è bisogno anche di una buona dose di stronzaggine, che è diverso dall’ essere cattivi e meschini. C’è poi ovviamente chi si trasforma in cattivo e meschino, ma non mi sembra sia il caso della Clerici, che sicuramente a suo tempo ha saputo farsi valere per non essere sopraffatta da altri.

    Mi sorprende sempre che nei post della Clerici spuntino sempre fuori dursiani che fanno confronti con la D’Urso, la soffrono un po’

  6. Nuzzler ha detto:

    *tra le poche a salvarsi

  7. Nuzzler ha detto:

    Franco
    In quel mondo lì, cattiveria e meschinità sono all’ordine del giorno.
    In tutto questo “bel” quadretto, è indubbio che la Clerici sia tra le pocjra salvarsi, perché onestamente traspare altro. E se siamo in molti a condividerlo, vuol dire che c’è veramente più di qualcuno che sarà molto peggio.
    Poi se ciò che traspare è ciò che è davvero anche nella sua vita quotidiana, non ci è dato né dovuto saperlo. Certamente ciò che si percepisce non è falsità.

  8. Franco2bis ha detto:

    L’accostamento alla Balivo è blasfemo. Io spero che Caterina sia l’erede naturale di qualcuno un po’ meglio.

  9. Franco2bis ha detto:

    In tutta quella “normalità”, in tutto quell'”essere se stessa” c’è anche parecchia cattiveria, avidità e mille piccole meschinità. Come fate a non vederle?
    Io non la riconosco come una di noi.

  10. Nuzzler ha detto:

    Gran bell’articolo ed oltremodo condivisibile!
    Bravo Marco e auguri! 😉

  11. marco de santis ha detto:

    Bell’articolo ed auguri a tutti gli omonimi!

  12. Beppe ha detto:

    Bravo Marco è auguri per il tuo onomastico!
    Condivido l’analisi di antonellina!

  13. MatteoQuaglia01 ha detto:

    Benvenuto 🙂

  14. MarcoLovesBrittney ha detto:

    Ciao a tutti e grazie per il benvenuto e gli apprezzamenti 🙂

    Mi fa molto piacere aver scritto per BubinoBlog!

    Buon 25 aprile e ricambio gli auguri a MarKos, da Marco a Marco.

  15. max31 ha detto:

    Bell’articolo,mi dispiace per la clerici ma i momenti no ci sono purtroppo

    comunque continua a piacermi molto,si rifarà prestissimo

  16. Salvo ha detto:

    Mi dispiace tanto, Senza Parole è un bel programma, meritava risultati migliori…e poi la Clerici è perfetta per i people show, ricordo il suo stupendo treno dei desideri come se fosse ieri

  17. Sanfrank ha detto:

    A me la Clerici piace molto. Poi è sempre molto disponibile, anche sui social forum.
    Mi auguro che il periodo no passi presto

  18. Liuks ha detto:

    Ottimo articolo e benvenuto marco

    Detto questo che ci azzecca la d’urso? Fosse lei in sta situazione l’avreste difesa e giistificata come successe anni fa

  19. MATTEO2 ha detto:

    certo alla clerici può capitare un annata mediocre!
    ma quando è capitata alla d’urso, apriti cielo!
    detto questo, bell’articolo!
    penso sia uno dei volti rai più validi!

  20. PierVivaCanale5 ha detto:

    Può capitare un annata mediocre, ma la Clerici resta una delle migliori,simpatiche e autentiche conduttrici che abbia la Rai…Mille volte Antonella che quella falsona della Carlucci

  21. ¡MarKos! ha detto:

    Appoggio pienamente Marco.
    Un’analisi lucida e perfetta della personalità di Antonella. Direi anche oggettiva.

    Spero lo legga anche lei, magari trovandosi d’accordo con ciò che è scritto.

    Complimenti Marco e tanti auguri per oggi 😀

  22. Rosario ha detto:

    Bell’articolo Marco. Complimenti 😉

  23. bamba ha detto:

    Wow! Benvenuto Marco 😉

  24. _MissFairy_ ha detto:

    la Clerici è incappata in un’annata no può capitare poi quando le cose non girano non girano

  25. Sanfrank ha detto:

    Se Presta avesse soldi da spendere, li spenderebbe per la moglie. CREDICI!!

  26. Sanfrank ha detto:

    Cosa avresti voluto scrivere tu, invece. Fallo nei commenti e non pensate sempre a sciocche dietrologie.

  27. ss ha detto:

    Quanto vi ha dato Prestino per scrivere questo articolo?

  28. Sanfrank ha detto:

    Bel post. Complimenti a Marco!!