Crea sito

INFORMAZIONE RAI – LA RIVOLUZIONE TARGATA CARLO VERDELLI

INFORMAZIONE RAI – LA RIVOLUZIONE TARGATA CARLO VERDELLI

Tiggì completamente rivisitati. Ogni testata avrà una mission editoriale differente. Taglio delle edizioni superflue. RaiNews24 tramite dirette con i notiziari generalisti. Sono alcuni degli step della nuova informazione Rai, che è in fase di progettazione per mano dell’amministratore delegato Antonio Campo Dall’Orto e del direttore editoriale per l’offerta informativa, Carlo Verdelli. Il progetto è ancora segreto, ma si sanno alcuni dettagli significativi.

LONTANI I TEMPI DI TELEKABUL

Uno dei princìpi fondamentali che l’ex direttore della Gazzetta Dello Sport vorrebbe applicare ai telegiornali di Viale Mazzini è quello di una distinzione netta delle linee editoriali. Anziché format identici, prodotti giornalistici che corrispondano all’identità delle reti che li ospitano. Che cosa vedremo, in futuro, vedendo un notiziario Rai? Si noterà un Tg1 istituzionale, con tratti di modernità. Cambieranno la modalità di narrazione, scalette rivisitate, accorgimenti tecnici importanti. Il Tg2 rivolgerà sempre più la propria attenzione verso un pubblico giovane, con un interesse particolare a costume, mode e società, gli stili di vita. Il Tg3, invece, si occuperà delle grandi cronache del Paese e dal territorio. Di fatto vedremo il notiziario di Rai3 con uno stampo nazional – popolare. Così facendo, viene archiviato lo stile Curzi ma viene riproposto una linea editoriale molto simile a quella adottata da Biagio Agnes. Sarà rafforzata ulteriormente la collaborazione con la Testata Giornalistica Regionale.

MENO CONDUTTORI E L’ASTINENZA DAL VIDEO

Altro elemento fondamentale della nuova informazione Rai sarà il taglio delle edizioni superflue dei telegiornali. Il Tg1 potrebbe rinunciare all’edizione della notte, i cui costi sono molto importanti e la maggior parte delle riprese sono tratte dal notiziario delle 20. Non è da escludere una conferma di tale spazio informativo. Il Tg2 saluterebbe l’edizione delle ore 18.20, che viaggia al 2,3% di share. Il Tg3, invece, si trova ad un bivio: rinunciare al tiggì delle 12.00 o a quello delle 14.20. Restano un’incognita le edizioni di mezzasera e della notte dei vari notiziari, nel corso dei giorni festivi. Di conseguenza, qualche conduttore dovrà lasciare a malincuore il video.

IL RUOLO FONDAMENTALE DI RAINEWS24

Come detto in sede di presentazione, nella nuova conformazione delle news Rai, l’all news RaiNews24, diretta da Antonio Di Bella, giocherà un ruolo di primo piano. In sostanza, la testata guidata dall’ex direttore del Tg3 sarà il tramite diretto dell’informazione di Viale Mazzini con brevi flash concentrati sulle tre reti generaliste. Di fatto, spariranno i famosi 7 microfoni in contemporanea: gli inviati saranno 2 (uno in rappresentanza del Tg1, l’altro per RaiNews24).

totonominetgrai

(il trio Varetto-Gruber-Annunziata, dato in pole rispettivamente per Tg1, Tg2 e Tg3)

L’IDENTIKIT TECNICO DEI NUOVI DIRETTORI

Per quanto concerne le nomine dei nuovi direttori dei tiggì, ci vorrà tempo. “Qualche tempo”, ha sottolineato l’Ad, Campo Dall’Orto. Il trio al femminile che sarebbe in pole per Tg1, Tg2 e Tg3 (Varetto – Gruber – Annunziata), emerso negli ultimi giorni, non sarebbe al vaglio di Viale Mazzini. Quel che certo è che Carlo Verdelli non ha ancora preso una decisione definitiva sui futuri direttori dei telegiornali della Rai. Inoltre, chiunque verrà nominato, dovrà adattarsi al progetto voluto dalla direzione editoriale. I responsabili dei notiziari risponderanno direttamente allo stesso Verdelli.

11 Risposte

  1. Phaeton ha detto:

    Un’operazione in stile Mediaset, creare un’agenzia che faccia dei servizi, sicuramente un guadagno economico ma ne andrà dell’originalità dei prodotti. E’ vero che ci sono alcune edizioni e alcuni approfondimenti superflui, ma si potrebbe fare altro, altrimenti come per mediaset si andrebbero a ridurre a sole due edizioni. Il problema delle edizioni della notte per il tg1 in particolare è che va in onda a notte veramente fonda all’1, è ovvio che a quell’ora non la veda nessuno o pochi, bisognerebbe trovare degli orari fissi.
    Le edizioni del mattino del TG1 non le eliminerei, ma le farei tutte senza sigla e senza saluti, in continuità con unomattina e soprattutto darei degli aggiornamenti su nuove notizie, viceversa edizione vera quella delle 8 in onda dallo studio principale del tg1!

  2. fabio ha detto:

    Grazie Modica, le tue considerazioni sono buone!

  3. Modica ha detto:

    Bravo Fabio 😉 io abolirei le edizioni del mattino del tg1, affiderei la fascia dalle 6 alle 7 a RaiNews,leverei il tg1 del pomeriggio, il tg2 insieme e quello delle 18:20 e le news della notte in simulcast con RaiNews, via il tg3 delle 12 e le edizione della notte sul modello americano senza I conduttori

  4. alextv ha detto:

    Il tg della notte è molto costoso e praticamente vengono riproposti i servizi delle 20. Ciò che succede in parte al tg5 notturno. Al posto del Tg1 notte secondo me può essere ripristinato il tg1 di mezza sera alle 23:25 da 10 minuti.

  5. max31 ha detto:

    perchè togliere il tg1 della notte? quelle brevi ok per esempio le edizioni pomeridiane che sono inutili

  6. Liuks ha detto:

    Del tg1 toglerei
    L’edizione delle 1
    7.30 e 9.00 e 16.30

    Del tg2 il tg2 insieme e farei edizione di 10 minuti al mattino

    Del tg3 boh nessuna

  7. fabio ha detto:

    AlexTv: le tue considerazioni sono corrette! Liuks: io cambierei la guida del Tg3, mentre confermerei gli altri due.

  8. alextv ha detto:

    Per Tg3 via edizioni delle 14:25 e linea notte sostituite da Rai news. Con l abolizione del Tg pomeridiano si allungherebbe il Tgr fino alle 14:35 con un edizione completa ed esaustiva

  9. alextv ha detto:

    Per Tg2 via tg2 insieme sostituito da un edizione flash di 10 minuti e via la notturna sostituita da Rai news. Alle 18:20 seppur battuta sempre da Studio aperto può anche restare perché comunque edizione storica e complementare a quella delle 20:30

  10. alextv ha detto:

    Innanzitutto giusto piazzare delle breaking news in stile tgcom al posto di inutili notiziari delle 3 reti.
    Per il tg1 toglierei le edizioni delle 7:30/9:00/9:55/16:30/Notte sostituite da Rai news.

  11. Liuks ha detto:

    Al tg1 andrebbero tolte le 5/6 ediZioni del mattino e tenerne 2 massimo 3. Perché togliere quella della notte?

    Per il resto io confermerei il direttore del tg1 e tg2. Perché cambiarli??

    L’edizione delle 18.20 del tg2 può benissimo rimanere