Crea sito

#IORESTOACASA, LETTURE PER PREPARARSI ALLA TV CHE VERRÀ: DOC – NELLE TUE MANI

Cosa leggere? Segnalazioni quotidiane di libri che hanno ispirato serie tv
in arrivo (o in preparazione) nei prossimi mesi

Chi segue Don Matteo, lo conoscerà questa sera. Il dottor Andrea Fanti. in un particolare crossover, ne raccoglierà infatti il testimone e terrà compagnia ai telespettatori nei prossimi quattro giovedì (l’emergenza di questi giorni ha impedito di ultimare le riprese ma RaiUno ha deciso di mandare comunque in onda i primi otto episodi).

Doc – Nelle tue mani racconta del primario di un ospedale che finisce in coma in seguito a un trauma cerebrale. Quando si risveglia, ha rimosso dalla memoria i suoi ultimi dodici anni di vita. Si è dimenticato di colleghi, amici, persino dei figli. Solo in ospedale si sente a casa: lì partirà la sua rinascita.

È Luca Argentero a prestare il volto al dottor Fanti. Nel cast, diretto da Jan Maria Michelini, ci sono anche Giovanni Scifoni (neuropsichiatra infantile nonché miglior amico di Fanti), Sara Lazzaro (la ex moglie), Matilde Gioli e Gianmarco Saurino (i colleghi), Simona Tabasco, Pierpaolo Spollon, Alberto Malanchino e Raffaele Esposito.

Il soggetto, come sottolineano anche i promo, trae spunto da una vicenda realmente accaduta. Pierdante Piccioni, primario di Pronto soccorso a Lodi, nel 2013 finisce in coma dopo un incidente. Si risveglia e il suo ultimo ricordo è il momento in cui esce dalla scuola dove ha appena accompagnato il figlio Tommaso, nel giorno dell’ottavo compleanno. Per lui tutto è fermo al 25 ottobre 2001. Si rimette a studiare, riconquista un posto da primario e oggi Piccioni lavora per aiutare i malati usciti dalla fase acuta, per non farli sentire abbandonati come ha provato lui. Apre a Lodi un’unità nuova, di Integrazione Ospedale Territorio e Appropriatezza della Cronicità. E in questi giorni sta seguendo i pazienti in remissione dal Covid-19.

Il medico ha raccontato la sua storia in due libri, “Meno dodici” e “Pronto soccorso”, scritti insieme a Pierangelo Sapegno. È stata la Lux Vide ad acquistarne i diritti trasformandoli nella fiction in onda dal prossimo giovedì. Per chi volesse recuperarli, di seguito la sinossi di “Meno dodici”:

L’ultimo giorno di maggio del 2013, Pierdante Piccioni, primario all’ospedale di Lodi, finisce fuori strada con la macchina sulla tangenziale di Pavia. Lo ricoverano in coma, ma quando si risveglia, poche ore dopo, il suo ultimo ricordo è il momento in cui sta uscendo dalla scuola dove ha appena accompagnato il figlio Tommaso, nel giorno dell’ottavo compleanno. Precisamente il 25 ottobre 2001, dodici anni prima della realtà che sta vivendo. A causa di una lesione alla corteccia cerebrale, dodici anni della sua vita sono stati inghiottiti in un buco nero, riportandolo indietro nel tempo, quando in Italia c’era la lira e la crisi economica pareva lontana, persino impensabile, mentre la rivoluzione digitale che sta cambiando il mondo era appena agli albori e nessuno parlava di post su Facebook o video su YouTube. All’improvviso Pierdante Piccioni è diventato un alieno, incapace di riconoscere le sue cose, le sue abitudini, addirittura se stesso in quel volto invecchiato che gli restituisce lo specchio e in cui a stento ritrova la propria immagine. Attorno a lui tutto è cambiato: i figli non sono più due bambini di otto e undici anni, ma due maschi adulti, con la barba e gli esami all’università, mentre la moglie sembra un’altra donna, con le rughe e i capelli corti che hanno cambiato colore. Come potrà riprendersi la propria vita? Nelle pagine del suo diario, in questo viaggio incredibile fra due esistenze parallele che non riuscirà mai a riallacciare completamente, Piccioni racconta non solo l’angoscia di un uomo costretto a guardare la realtà con gli occhi di un estraneo, come fosse un marziano, ma la lunga e faticosa riconquista della propria identità, delle relazioni con i familiari e con i colleghi, di tutto il tempo perduto che non riavrà più indietro”.

1 Risposta

  1. cry ha detto:

    non sapevo che pure questa fosse tratta da un romanzo