Crea sito

LE ULTIME DALLA RAI: FABIO FAZIO VERSO IL RITORNO A RAI3. E SULLE NOMINE ESTIVE…

Quella di ieri sembrava essere una domenica “normale” sotto il cielo del pianeta televisivo italiano e invece, verso metà pomeriggio, arriva la sorpresa più inaspettata. A sganciare la bomba è il portale Tvblog, che rivela il primo colpaccio della gestione Franco Di Mare alla guida di Rai3, ovvero il ritorno di Fabio Fazio (nella foto).

Dopo aver concluso l’esperienza col suo Che Tempo Che Fa su Rai2, il 55enne presentatore savonese tornerà col suo format che sulla terza rete ha trovato il suo maggior riscontro in termini di successo dalla sua fondazione nel lontano 2003, ben 17 anni fa. Tuttavia l’offerta del neo direttore di Rai3 a Fazio non è limitata solo a CTCF ma è a più ampio raggio.

Tvblog infatti rivela come nell’accordo siano presenti anche collaborazioni tra Fazio e la terza rete per quanto riguarda la creazione di nuovi format televisivi (il progetto è attualmente in fase di realizzazione ma il tutto è ancora top secret) che potrebbero ampliare il pacchetto editoriale di Rai3 nel futuro.

A GIUGNO (IL 16/06?) LA RESA DEI CONTI SUL FRONTE NOMINE… TRA NUOVE DIREZIONI E VICEDIREZIONI?

Se sul fronte palinsesti per la Rai sono ore frenetiche visto che il 1° luglio è in programma la presentazione dei nuovi palinsesti autunnali, su quello delle nomine la tensione sale anche di più (come da tradizione).

Secondo quanto riportato da Marco Antonellis su AffariItaliani.it, il Cda che avrà luogo il prossimo giugno (si parla del 16 come giorno papabile) dovrebbe essere con tanta carne al fuoco. In primo piano – a quanto si apprende – potrebbero esserci le vicedirezioni di rete e alcune legate ai telegiornali (e non si esclude qualche nuovo cambio della guardia in alcune testate di settore). Ecco cosa starebbe bollendo in pentola a Viale Mazzini.

ANDREA VIANELLO IN RAMPA DI LANCIO PER RAISPORT O RAINEWS24: Uno dei nomi maggiormente “sponsorizzati” in queste ore – continua Antonellis – è quello di Andrea Vianello, che potrebbe essere utilizzato come jolly nella partita – si sussurra da fonti vicine al Nazareno – per la direzione di Rai Sport (l’attuale direttore Auro Bulbarelli è in uscita) o, in alternativa, quella di RaiNews24 (nel caso in cui Di Bella dovesse trasferirsi negli States o se venisse chiamato alla presidenza della Rai), posto a cui sono interessati anche Luca Mazzà (ex direttore del Tg3 e del Giornale Radio Rai) e Andrea Montanari (attuale responsabile del Centro Studi Rai e già direttore del Giornale Radio Rai e del Tg1).

QUOTE ROSA PER LE VICEDIREZIONI DI TG1 E TG2? Uno dei piatti prelibati di questa tornata di nomine sono anche le vicedirezioni dei telegiornali. Le testate protagoniste saranno con ogni probabilità Tg1 e Tg2 (mentre per il nuovo Tg3 diretto da Mario Orfeo bisognerà attendere la presentazione del piano editoriale nelle prossime settimane), che dovranno mettere mano ai vicedirettori poiché in scadenza a giugno. Per il Tg1 salgono le quotazioni di Natalia Augias, così come al Tg2 quelle di Ilaria Capitani, Tuttavia la partita è aperta.

CARLO FONTANA, “L’EQUILIBRATORE” ALLA CONDIREZIONE DELLA TGR: Un occhio di riguardo in questa nuova partita di nomine l’avrà quasi sicuramente anche la TGR, dove sta crescendo in questi giorni la candidatura di Carlo Fontana, atttuale caporedattore centrale del Tgr Lazio, quale nuovo condirettore della testata (subentrando a Roberto Pacchetti) al fianco del direttore Alessandro Casarin. Se tale mossa dovesse andare a segno (secondo Affari Italiani sarebbe voluta dal PD per un riequilibrio visto che i vertici sarebbero “sponsorizzati” dalla Lega), si aprirebbe anche una seconda partita molto importante, ovvera quella del nuovo caporedattore del Tgr Lazio, viste le elezioni del 2021 per il Campidoglio.

LAVORI IN CORSO PER LE VICEDIREZIONI DI RETE: La situazione per quanto concerne i palinsesti è ancora tutta da divenire così come quella delle vicedirezioni di rete. A Rai1, Stefano Coletta ha già portato a casa già dal suo insediamento l’arrivo del “fedelissimo” Giovanni Anversa (con delega all’informazione) ma poco si sa sul resto delle scelte top (su tutti quelle legate all’intrattenimento, macrocategoria da cui dipende anche eventi come il Festival di Sanremo).

A Rai2, Ludovico Di Meo si vocifera possa portare a casa uno tra Paolo Corsini e – secondo Tvblog – Milo Infante (con in palio la vicedirezione con delega all’informazione) mentre a Rai3 – riferisce sempre Tvblog – Franco Di Mare avrebbe già contattato Rosa Pastore, ex vicedirettrice di Rai1 con delega a pianificazione e mezzi (sostituita da qualche mese da Paola Sciommeri).

2 Risposte

  1. Ital ha detto:

    Ammiro Fazio ….altri avrebbero sbattuto la porta e lasciato la tv pubblica …..
    Invece Fabietto…nonostante i bastoni tra le ruote della politica ….rimane in Rai ….torna a Rai 3 e si mette a disposizione per format nuovi da sperimentare …..
    Io auspico comunque che Coletta si ricordi ….che può essere una risorsa anche per Rai 1 con qualche show musicale o una eventuale ripresa di Rischiatutto….

  2. Sabato ha detto:

    Che Tempo Che Fa è un programma da ammiraglia, ma, se non è possibile un suo ritorno a Rai1, allora Rai3 è la soluzione migliore! Sarà un gradito ritorno a casa!
    La terza rete Rai ha ospitato il talk di Fazio per 14 anni e Franco Di Mare saprà trovargli una collocazione migliore di quella avuta su Rai2: a Freccero va riconosciuto il merito di aver offerto spazio a Fazio quando questo è stato allontanato per motivi politici dalla prima rete, ma l’ex direttore ha “incastrato” il talk in uno slot davvero scomodo, a cavallo del Tg2 e col “fiato sul collo” della Domenica Sportiva…