Crea sito

“MA SENTI QUESTA!”: GHALI ATTACCA LORETTA GOGGI E POI ESPLODE CONTRO TALE E QUALE SHOW

Un vero e proprio putiferio è scoppiato nel web dopo l’attacco di Ghali a Tale e Quale Show per l’esibizione di Sergio Muniz. Il motivo? Blackface e i commenti di Loretta Goggi.

Ma senti questa!

Così un irritato Ghali apostrofa la Goggi in una storia Instagram mentre segue il programma. Loretta aveva commentato l’esibizione di Muniz con queste parole:

Vocalmente e nei movimenti molto simile… ma di viso tu sei un po’ più carino diciamo.

Poi lo sfogo sul Blackface. Non è la prima volta che lo show di Carlo Conti finisce nel mirino per aver dipinto la pelle di nero o imitato gesti e movenze di artisti di colore.

Tale e Quale Show, non facciamo una bella figura ne con chi è meno superficiale in questo paese e nemmeno con chi ci guarda da fuori. Ci sono tante caratteristiche che si possono riprodurre ed imitare in un personaggio.

E’ la seconda volta che mi emulate in questo modo. dipingendo la faccia oltre a fare commenti usando luoghi comuni e paragoni su aspetto fisico e bellezza.

Non mi sono offeso, davvero. Ma nemmeno ho riso. Bastava l’autotune ed un bel look. Perchè il BlackFace è condannato ovunque specie in un anno come questo, in cui gli avvenimenti e le proteste sono stati alla portata di tutti.

Ghali continua e rincara la dose contro Tale e Quale:

Non c’è bisogno di fare il blackface per imitare me o altri artisti. Potrete dire che esagero, che mi devo fare una risata e che non si vuole offendere nessuno, lo capisco.

Ma per offendere qualcuno basta semplicemente essere degli ignoranti, non bisogna per forza essere cattivi o guidati dall’odio.

Si può anche essere delle brave persone e non sapere che la storia del BLACKFACE va ben oltre un semplice make up, trucco o travestimento.

Carlo Conti a settembre commentò le polemiche, non nuove contro il suo show, con queste parole:

Facciamo tutti i grandi artisti. A noi non interessa il colore della pelle o la religione. Per noi sono celebrazioni di grandi artisti. 

Mentre l’anno scorso Conti disse:

E se facciamo la Carrà, non possiamo far indossare la parrucca bionda? E io mi dovrò schiarire!

32 Risposte

  1. Dejan Bodiroga ha detto:

    Immagino che il signor Ghali l’anno prossimo non andrà all’Arena di Verona a ritirare il premio durante i Music Awards, visto che lo conduce Conti, giusto?
    Se fosse coerente non ci dovrebbe andare. Ma scommettiamo che visto che di mezzo ci stanno i dobloni, lui andrà tranquillamente, baci, abbracci e pacche sulla schiena e blackface dimenticata?

  2. Tuttotv ha detto:

    Tale e quale show è sempre stato uno show per famiglie garbato e pulito e mai nessuno si è lamentato. Arriva Ghali e spara a zero pretestuosamente adducendo motivazioni stupide e concedetemi anche irrispettose.

  3. Maxino81 ha detto:

    Tutto così esagerato, non si può parlare di blackface in questa esibizione. Diciamo che si è offeso sul giudizio della Goggi e l’ha buttata in caciara sul discorso della faccia dipinta…

  4. Sabato ha detto:

    Il confine fra la riproduzione dell’aspetto fisico e la blackface può essere sottile… ma in questo caso non è stato assolutamente oltrepassato e la polemica di Ghali mi pare eccessiva e fuori luogo!
    Detto questo – per sdrammatizzare -, Carlo Conti aveva molta più “blackface” di Muniz! 😅

  5. Laby ha detto:

    È proprio così

  6. Sabato ha detto:

    Fammi qualche esempio concreto! Esattamente a cosa ti riferisci? Fausto Leali? Bettarini?
    Io penso si possa generalizzare e che ogni caso vada analizzato a sé. Condannare certe espressioni e certi atteggiamenti, andati in onda nel contesto di un importante reality, non significa essere politicamente corretti, bensì essere rispettosi e al passo coi tempi e con la sensibilità che, per fortuna, abbiamo sviluppato decennio dopo decennio

  7. Laby ha detto:

    Si che delusione

  8. Grad ha detto:

    A Ghali, che te serve un po’ di pubblicità?

  9. Fafo ha detto:

    Polemica sterile, inutile e che si dimenticherà in poche ore, come tutte quelle dei social

  10. Alessandro Stamera ha detto:

    Sui social ci sono personaggi sicuramente più intelligenti che cercano di combattere il razzismo senza però esagerare nel verso opposto.
    Quando ci fu il BLM negli USA il cast della rubrica di youtube “Facce di Nerd” ha parlato delle conseguenze di ciò a livello cinematografico senza offendere nessuno e senza essere politicamente corretti in modo ipocrita.
    A volte basta sforzarsi un minimo per trovare contenuti stimolanti intellettualmente.

  11. Alessandro Stamera ha detto:

    Ma la cosa bella, è che in quel film la pratica della blackface viene condannata.
    Nel film, c’è un personaggio nero che critica Downey Jr. per il modo esagerato, stucchevole e stereotipato con cui fa finta di dimostrarsi tollerante nei confronti delle persone di colore.
    Cioè, non siamo più nemmeno capaci di capire quali messaggi voglia trasmetterci un film comico satirico adesso.

  12. Beppe ha detto:

    I social stanno rovinando le relazioni interpersonali e di conseguenza…. Il mondo! 🙄

  13. Beppe ha detto:

    Perché Downey Jr. Interpretava un “nero”…. Siamo davvero alla frutta! Il politically correct andrebbe usato nelle buone maniere non per uccidere la satira!

  14. Michael93 ha detto:

    Ghali… ma chi sei? Nasconditi va

  15. Renato Pirellone ha detto:

    Io vado oltre razzismo blackface et similia dicendo che a me tutto sto political correct x cui ormai in tv e nei reality non si puo’ dir nulla che esplode il web mi ha rotto i cogl….

  16. Alessandro Stamera ha detto:

    Per non parlare di Cirilli spacciato per asiatico quando imitò Psy.

  17. tex ha detto:

    Ghali non conosce il gioco se uno è di colore è normale che cercano di scurire la pelle.

  18. Beppe ha detto:

    Tra l’altro quando imitarono ad esempio Edith Piaf le fecero un incarnato “bianchissimo”…. Ci fosse stato qualche “bianco” che se la sia presa! Diciamo che parlare di certe cose fa tendenza e raccoglie consensi e like fra gli ignoranti!

  19. Alessandro Stamera ha detto:

    Ultimamente ho sentito criticare perfino la satira contro la blackface del film Tropic Thunder, venendo accusata essa stessa di blackface. Siamo al delirio.

  20. Emilio la Rosa ha detto:

    Se sei nero e ti devono imitare anche fisicamente si devono tingere di nero dove sta il.problema mi sa che il.problema del nero ce l’ hai tu in primis.e più degli altri!

  21. Beppe ha detto:

    Ma infatti…. Poi nella blackface truccavano le labbra con la cipria bianca! Questi parlano ma di spettacolo e avanspettacolo non sanno un cacchio…. e il bello che sono personaggi dello “spettacolo”! 🤦‍♂️

  22. Beppe ha detto:

    Ahahahahh 🤣

  23. Beppe ha detto:

    Eh certo….. Se gli dà tanto fastidio essere imitato con un color “marroncino” (mica era “nero” o “black” come dice lui!), vuol dire che i problemi con le persone di un colore diverso dal suo li avrà lui!
    Quando imitano Jlo, ad esempio, la imitano con un incarnato “latino-ispanico” e non mi pare che Ghali sia intervenuto per gridare al razzismo, in quell’occasione!

  24. Dejan Bodiroga ha detto:

    Ma che non rompesse Ghali…

  25. Alessandro Stamera ha detto:

    A ‘sto giro dovremmo criticare pure Conti perché si abbronza.

  26. Alessandro Stamera ha detto:

    La blackface è una pratica che veniva usata nell’ambito dell’avanspettacolo per umiliare le persone di colore o per impedire loro di recitare.
    A Tale e quale show lo scopo è imitare fedelmente i concorrenti, non di prenderli in giro, ergo non è una blackface ma un semplice trucco di scena.
    Ghali e Barbiexanax dovrebbero farsene una ragione.
    A mio parere, Tale e quale show è un programma criticabilissimo, ma non per questo motivo.

  27. Padre Alessio Gaudino ha detto:

    Ridicolo. Si è offeso, perché hanno detto che Muniz è più bello. Poi la solita cialtronata del dipingere il volto

  28. Alextv ha detto:

    Grande Ghali sono d’accordo con lui

  29. LordMassi ha detto:

    Da Ghali non me lo sarei mai aspettato, mettere in mezzo il blackface che è tutta un’altra cosa, è una dimostrazione di ignoranza tale che da un artista dal suo background ripeto non mi aspetto MAI!

  30. Arci #NonOggi ha detto:

    Bene, non imitassero più Ghali

  31. Laby ha detto:

    Il blackface è tutta altra cosa, forse è lui che non l’ha capita.

  32. Laby ha detto:

    Io capisco tutto e rispetto le sensibilità di tutt*, quindi se Ghali si è sentito toccato anche se dice di non essere offeso, non ho motivi per non credergli e lo rispetto. Però appunto non capisco perché offendersi. È come se Amadeus si offendesse perché lo imitano con un nasone. O la Carrà con i capelli biondi. Sono caratteristiche, belle o meno, che ti rappresentano. Volerci vedere per forza del male… O forse Ghali vuole dirci che avrebbero dovuto chiamare un concorrente moro o nordafricano per imitare lui?