MATRIX: NICOLA PORRO E PIERO CHIAMBRETTI IN UN TANDEM INEDITO – ANTICIPAZIONI E NOVITÀ

MATRIX: NICOLA PORRO E PIERO CHIAMBRETTI IN UN TANDEM INEDITO - ANTICIPAZIONI E NOVITÀ

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione della nuova edizione di Matrix, lo storico programma di approfondimento giornalistico, che si occuperà di politica, costume e spettacolo, condotto dall’inedita accoppiata Nicola Porro Piero Chiambretti. Quest’anno il programma si presenterà al pubblico in una veste completamente rinnovata, a partire dallo studio fino alla conduzione ma soprattutto per quanto riguarda le due serate: due diverse declinazioni del talk terranno banco nella seconda serata di Canale5 a partire dal 21 settembre.

A quanto pare, la nuova scenografia è stata ideata completamente da Chiambretti. Porro ammette:  “Questo studio sarà molto importante per questo programma. Immergiamo le nostre due declinazioni di Matrix all’interno dello stesso studio. Matrix sarà un programma sostanzialmente d’informazione. Lo studio sarà quel qualcosa in più ma il nostro obiettivo è quello di informare con il nostro stile. L’attualità ogni giorno ci racconta qualcosa e lo faremo con serietà. Cerchiamo semplicemente di svolgere il nostro mestiere di giornalisti. Ci sarà Greta Mauro che si occuperà della rete. Cercheremo sempre un lato diverso rispetto a quello che si vede in tv, un punto di vista laterale, non politicamente scorretto. Quest’anno avremo una rubrica ispirata al libro Big Data, quello che io definisco il sondaggio 4.0, in tempo reale, per la prima volta”.

Per quanto riguarda le collocazioni, ha parlato il direttore Scheri: “Partiamo con mercoledì e venerdì. Poi ci sarà un secondo appuntamento di Porro, dalla seconda settimana. Chiambretti ci sarà da ottobre. Una puntata di Porro potrebbe andare in onda martedì o mercoledì, il palinsesto di Canale5 è mobile”. Una puntata durerà 90-100 minuti, ma: “l’orario di partenza dipenderà dal prime time di Canale5. L’obiettivo è rispettare l’orario di partenza”.

Pierino specifica: “Cercheremo di fare cose diverse, il venerdì lo abbiamo immaginato come un supplemento che ci allontana dalla cronaca nera o politica di cui si occuperà Porro. La prima puntata avremo il parrucchiere della Bignardi! Le immagini che si vedranno in studio saranno delle istantanee che racconteranno la realtà. A quell’ora bisogna essere precisi perché c’è la mannaia del sonno. Gli schermi vanno utilizzati secondo le caratteristiche che la tv ci ha insegnato in questi anni. Riguardo il mio ruolo, io faccio parte della struttura di intrattenimento, lavoro nella struttura di news prestato dalla struttura di intrattenimento. Sono in una terra di nessuno. Se ci dovesse essere un fatto tragico di venerdì, ci sarà spazio a Porro e non al sottoscritto. Il venerdì, questo studio, cambierà. Spariranno la pedana e le poltrone e ci sarà un grande tavolo. La leggerezza del programma sarà determinata dagli argomenti. Canale5 è un pubblico di donne che ama il colore rosa. Porro si dovrebbe travestire da Barbara D’Urso! Spero che l’attualità ci dia spunti per fare intrattenimento e giornalismo brillante”.

Porro: “A Matrix voglio mantenere nette le due posizioni contrapposte. Il mio stile è quello di rendere le cose comprensibili. Non voglio la caciara in studio. Io non la so gestire. Sei persone che fanno una grande bagarre non riesco a gestirla. A casa ci si deve identificare”. Riusciranno tutte queste novità a riportare in auge il format ideato ormai più di 10 anni fa da Enrico Mentana?