Crea sito

MAURIZIO COSTANZO NON SI PERDE LINEA VERDE E LINEA BLU: “HO IMPARATO A CONOSCERE L’ITALIA”

Maurizio Costanzo tesse le lodi delle trasmissioni che portano il pubblico a scoprire le bellezze d’Italia e del mondo tra arte, tradizioni, natura, cucina e storia. “Quel che conosco dei piccoli paesi d’Italia o delle grandi località all’estero, lo devo ai programmi televisivi che promuovono il turismo”. Così il popolare giornalista e conduttore al settimanale Chi.

Costanzo si sofferma su Linea Verde e Linea Blu, due seguitissimi appuntamenti di Rai1. “Guardo regolarmente Linea Verde, sia quando è condotto da Marcello Masi e Daniela Ferolla (e con la partecipazione di Federica De Denaro) sia quando invece è condotto da Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli. Grazie a loro ho imparato, e imparo, a conoscere l’Italia e con me penso che anche altri telespettatori condividano il mio ringraziamento”.

E continua parlando di Linea Blu, un altro programma che coniuga ascolti, qualità del prodotto e promozione del territorio. “C’è anche Linea Blu, alla conduzione c’è la brava giornalista, che credo sia attualmente presidente del Wwf Italia, Donatella Bianchi. Grazie a Linea Blu ho visto e ho imparato a conoscere la vita dei fondali marini, con delle specie di pesci che non avevo mai avuto occasione di vedere”.

Costanzo apprezza inoltre Geo che fa “ottimi risultati di ascolto”, Il Mondo Insieme “condotto dalla brava Licia Colò”, Kilimangiaro (“senza togliere niente a nessuno, la Raznovich è sicuramente brava”) e le trasmissioni di Alberto Angela. Infine, il ricordo di chi non è più in onda. La Domenica del Villaggio e il capostipite, Sereno Variabile con Osvaldo Bevilacqua, trasmesso dal 1978 al 2019 ed entrato nel Guinness dei Primati.