Crea sito

MICHELE SANTORO IN PRIMA SERATA SU LA7: “UN VECCHIO REDUCE, APPESANTITO, RISENTITO”

Michele Santoro torna in tv dopo una lunga assenza. Lunedì è stato ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo mentre questa sera, in prima serata su La7, Enrico Mentana gli ha preparato una serata ad hoc dal titolo “Speciale Mafia. La Ricerca della Verità”. L’occasione è l’uscita del nuovo libro di Santoro “Nient’altro che la verità”.

Aldo Grasso, dalle pagine del Corriere, boccia la prima tappa del rientro in tv. Dalla Gruber c’erano ospiti, oltre a Santoro, Gad Lerner. “Lerner si tiene meglio, la Resistenza lo scalda. Santoro invece è parso un po’ appesantito, molto risentito”, sottolinea il critico.

Non contento, la firma del Corriere rincara la dose. “Sembrava che il tempo si fosse fermato, che due vecchi reduci di «Lotta continua» e «Servire il popolo» si stessero riscaldando attorno al falò dei ricordi, dei rimpianti e del mancato cambio di paradigma”.

Poi la stilettata finale, ricordando che ad altri colleghi sono stati aumentati i programmi, mentre Santoro non ha più un suo talk show. “Se mai dovrebbe chiedersi perché alla sua amica Lucia Annunziata hanno raddoppiato la presenza in video e a lui niente”.

Critiche ingenerose, ma torniamo allo speciale di La7. Una serata dedicata ai passi avanti per tentare di chiarire aspetti ancora oscuri della stagione dell’attacco allo Stato di Cosa Nostra, anche alla luce delle rivelazioni di un mafioso che ha già scontato 22 anni di carcere.

Maurizio Avola ha deciso di parlare con Michele Santoro dei suoi delitti di mafia, culminati nella partecipazione alla strage di via D’Amelio, in cui insieme alla sua scorta fu ucciso il giudice Borsellino. Mafia e antimafia, politica e potere, informazione e depistaggi.

Una serata di grande valenza giornalista nella tradizione di La7. Michele Santoro, dalle 21.15, è il protagonista dello speciale con Enrico Mentana, Andrea Purgatori, Carla Del Ponte, Antonio Di Pietro, Fiammetta Borsellino, documenti, servizi e testimonianze.