Crea sito

NERO A METÀ 2: CHI HA HACKERATO I CELLULARI DI MUZO E OLGA? NUSCO È IN GRAVE PERICOLO…

Quarto appuntamento stasera, lunedì 28 settembre alle 21.25 su Rai1, con la seconda stagione di “Nero a metà” e nuovi casi da risolvere per l’ispettore Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) e il suo vice Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz).

Nell’episodio “Quanto è difficile cambiare” i due poliziotti si troveranno ad investigare sulla morte di un’assistente sociale. La donna viene ritrovata morta nel suo garage e il primo sospettato è l’ex partner che un tempo la picchiava e che la sera dell’omicidio era a casa sua. Indagando sul caso, Muzo inizia a fare i conti con il senso di colpa per la morte di Olga. Cristina trova la richiesta di trasferimento di Marta presso il dipartimento di Carlo e decide di mettere suo marito di fronte a una scelta difficile. Alba parte per la Svizzera desiderosa di incontrare sua madre e Malik senza dirle nulla la segue.

A seguire “Un gioco pericoloso”. L’episodio si apre con la morte di un uomo, deceduto per avvelenamento nel letto in cui ha passato la notte con una sua cliente. I sospetti si concentrano su di lei, ma le indagini conducono presto a qualcuno della sua cerchia familiare. Marta è andata a Napoli per seguire una pista sull’omicidio di suo figlio senza però dire nulla a Carlo. Lui lo viene a sapere e le mette alle costole Cantabella. Il capo della polizia postale Nusco continua ad analizzare i cellulari di Olga e Paolo e scopre che sono stati hackerati insieme a quelli di Muzo e Marta. Inizia ad avere paura e senza avvisare nessuno si dà alla fuga, ma viene accoltellato nel suo garage. Carlo, deluso per il comportamento di Marta, decide di non accettare il suo trasferimento e proprio mentre è a casa sua lo raggiunge una telefonata di Nusco che, gravemente ferito, chiede aiuto.


“Nero a metà” è una coproduzione Rai Fiction – Cattleya in collaborazione con Netflix, con Claudio Amendola, Miguel Gobbo Diaz, Fortunato Cerlino, Rosa Diletta Rossi, Alessandro Sperduti, Margherita Vicario, Eugenio Franceschini, Alessia Barela, Antonia Liskova, Claudia Vismara e con la partecipazione di Angela Finocchiaro e Nicole Grimaudo. La regia è di Marco Pontecorvo.