Crea sito

OFFERTA DEL 2015 PER I CANALI TEMATICI FREE DI MEDIASET. IL NEODIRETTORE MARCO COSTA NE PARLA NELLA CONFERENZA STAMPA TENUTA OGGI A MILANO

OFFERTA DEL 2015 PER I CANALI TEMATICI FREE DI MEDIASET. IL NEODIRETTORE MARCO COSTA NE PARLA NELLA CONFERENZA STAMPA TENUTA OGGI A MILANO CBf-SDpWgAAOimY

Conferenza stampa sull’offerta nel 2015 dei canali tematici free di Mediaset

Oggi, nella conferenza stampa tenutasi a Milano, alla presenza del Direttore dei canali tematici free di Mediaset, Marco Costa, si è parlato dell’attuale situazione dell’offerta televisiva delle nuove reti digitali del Biscione, dichiarando con una punta d’orgoglio che Iris, La5, Top Crime, Italia 2 e Mediaset Extra, quest’ultimo in branded block con Novela, hanno raggiunto la leadership della prima serata (con uno share del 5%) e del day time (con il 4,50%), escludendo le reti specifiche per bambini (Boing e Cartoonito) e la rete all news TgCom24.Tutto questo, riconoscendo la forza dei canali concorrenti, trasmessi gratuitamente sul digitale terrestre, rappresentati dalle otto reti tematiche della Rai e le cinque reti del gruppo internazionale Discovery.

Il Direttore Marco Costa, partendo dai doverosi ringraziamenti fatti a chi lo ha preceduto, ha dichiarato che Mediaset è ora pronta ad aumentare li grado di innovazione ed il livello dell’offerta, proponendo diverse interessanti novità entro l’anno 2015, così come dettagliato in seguito, rete per rete, in rigoroso ordine alfabetico.

Iris: la rete ha consolidato il proprio successo entrando nelle abitudini degli italiani, risultando il canale leader tra i tematici, con una programmazione di oltre 2.000 titoli all’anno ed uno share medio, in prime time, di quasi il 2%.
Tra le novità in arrivo, in occasione della festa della Liberazione del 25 aprile, è previsto il lancio di un ciclo di film dal titolo “Storie di libertà”, da domenica 19 a venerdì 24 aprile, proponendo in prime e seconda serata dodici pellicole commentate da autorevoli personalità della politica e della cultura italiana tra cui spiccano i nomi di Fausto Bertinotti, Gianpaolo Pansa e Letizia Moratti. Tra i titoli proposti ci saranno “Il mandolino del Capitano Corelli”, “Il Generale Della Rovere”, “Il delitto Matteotti” e “I piccoli maestri”
 Italia 2: la rete da sempre si rivolge ad una fetta di pubblico difficile da fidelizzare, avendo il suo target composto da uomini tra i 15 e i 30 anni.
Tra le novità in arrivo risaltano la proposta di un quiz sul campionato di calcio e un docu-reality sul mondo del pugilato, oltre alla proposta delle più importanti gare di basket, SuperBike e motocross. Una programmazione improntata su Action Adventure, docu-reality, game e sport di nicchia, che generalmente non riescono a trovare un proprio spazio nelle reti generaliste.
 La5: la rete si rivolge ad un pubblico femminile giovane ed informato e nei cinque anni di vita ha realizzato più di 40 produzioni originali, oltre a film rivolti al proprio target e prodotti a lunga serialità.
Tra le novità in arrivo è degno di nota il magazine di approfondimento “Donna Moderna”, realizzato in collaborazione con la rivista omonima ed il web. Inoltre sono previste altre produzioni (non molto originali a parere del sottoscritto) tra cui il reality “Ho sposato un gigante”, in cui si racconta, in modo anche leggero, la vita di coppia di un uomo sposato con una donna affetta da nanismo e la produzione dal titolo provvisorio “Grande anch’io”, sul racconto, anche pacchiano e dai risvolti comici, del festeggiamento dei diciotto anni, celebrati a volte in modo faraonico ed assolutamente fuori luogo, ma pur sempre autentici e frutto delle consuetudini del momento.
Mediaset Extra / Novela: la rete è un canale di servizio, che generalmente riprogramma le produzioni in onda sulle generaliste in orari e giorni differenti, affiancando anche alcune produzioni che hanno fatto la storia delle reti Mediaset che in esso vengono riproposte, oggi commentati dai protagonisti. Recentemente la rete ha accolto nel proprio palinsesto, in via sperimentale, il branded block di Novela, programmando dalle 7 alle 12 soap opera e telenovele, con alcuni titoli in prima visione tv.
Tra le novità in arrivo, come anticipato da BubinoBlog nei giorni scorsi (leggi qui), ci saranno nuovi prodotti seriali in prima visione assoluta.
Top Crime: la rete è l’ultima nata tra i canali digitali nativi di Mediaset ed è quella che da subito ha trovato i consensi del grande pubblico che l’ha portata nell’Olimpo delle tematiche, con una programmazione curata e originale che ha permesso di portare in prima serata diverse serie televisive crime ed alcuni polizieschi prelevati tra le migliori produzioni internazionali. Si è distinta anche per aver costruito sette serate diverse occupate da sette produzioni diverse, tra cui molte prime tv.
Tra le novità in arrivo sono previste 100 ore di nuove serie tv in prima visione assoluta, tra cui spiccano la serie americana “The affair”, premiata agli ultimi Golden Globe come migliore serie drammatica, “American Crime” con Felicity Huffman e “Aquarius” con David Duchovny

Queste le proposte offerte dalle 5 reti digitali native guidate da Marco Costa. Sapranno consolidare il successo ottenuto negli ultimi anni, incrementando gli ascolti?

Come sempre è interessante conoscere il parere della Community nell’area commenti.

55 Risposte

  1. ARTAX-77 ha detto:

    brutta bestia l’intolleranza mamma mia

  2. dream86 ha detto:

    sanfrank

    dico quello che penso:) anzi mi trattengo:)

  3. Sanfrank ha detto:

    Come sei cattivo 😆

  4. dream86 ha detto:

    si chiedi a sto tipo qual’è la somma degli ascolti…. anche se ad esempio potremmo farla noi per un paio di gg

    non ci parlo io co sti tipo se no lo faccio vergognare di lavorare in quell’azienda ahahah

  5. Sanfrank ha detto:

    Il paragone tra Sky e le tematiche non è molto giusto, ma rispetto la tua opinione, ovviamente.
    Se becco Marco Costa su Twitter gli faccio le tue rimostranze 😀 dicendo che deve metterle tutte le reti.

    A questo punto sono curioso di sapere il dato completo in prime time e in day time. Magari abbiamo folgorato la tastiera senza motivo 😆

  6. dream86 ha detto:

    sanfrank son d accordo eh
    era solo una mia considerazione… direi che posso farla 🙂

  7. Sanfrank ha detto:

    Ma non si sognerebbe mai nessuno di paragonare Sky con le digitali free.
    Tra l’altro il gruppo Sky ha un numero di reti enorme rispetto ai soli 5 canali digitali nativi Mediaset.
    Ti dirò di più, non sarebbe neanche esatto paragonare Sky a Mediaset (tutta) per il motivo che tu stesso hai citato e di cui spesso LordMassi parla nel Blog.
    Sky fa un discorso di “servizio” per l’abbonato, mentre Mediaset propone la sua programmazione a tutta la platea televisiva, che in modo libero sceglie cosa guardare. E quindi nel primo caso si può anche inseguire la “nicchia” (vedi in questi giorni 1992, oppure alcune splendide serie come quelle targate Netflix) avendo l’obbligo di offrire prodotti per i quali il cliente paga per vedere, nel secondo caso la programmazione è fatta per “accalappiarsi” la fetta di pubblico più vasta e dare valore alle inserzioni pubblicitarie che sono la sola risorsa. Ovviamente escluso da questo discorso la pay tv di Mediaset che insegue gli stessi intenti di Sky.

  8. dream86 ha detto:

    sanfrank

    da domani rai leader di 10 punti sul target 45 90?

  9. dream86 ha detto:

    noi non siamo pubblicitari a non non interessa la joint venture

    ripeto le regole in una competizione non si possono decidere cosi’. altrimenti vincono tutti sempre

  10. dream86 ha detto:

    il discorso di sky potrebbe sembrare una provocazione
    ma c è da dire che cmq la gente paga per non vedersi le solite cose trite e ritrite di mediaset e rai… e che il totale sky è piu’ alto del totale mediaset digitale con un bacino 1/5 non mi sembra cosi’ poco interessante come dato

  11. Sanfrank ha detto:

    dream86_Inviato il 01/04/2015 alle 20:18
    sanfrank
    rispondimi. tu ai fini non pubblicitari, perchè noi non lo siamo… se dovessi definire il gruppo leader cosa faresti? escluderesti talune reti?
    ————————-
    Dipende dal contesto. Se mi parli di GRUPPO LEADER hai nettamente ragione tu, se invece io scrivo “hanno raggiunto la leadership della prima serata (con uno share del 5%) e del day time (con il 4,50%), escludendo le reti specifiche per bambini (Boing e Cartoonito) e la rete all news TgCom24” penso che il concetto sia abbastanza chiaro che il campione di riferimento sia ben definito.

  12. Sanfrank ha detto:

    Dream, vuoi a tutti i costi farmi difendere Mediaset per poter dire che sono un “partigiano”?
    Cosa significa paragonare addirittura Sky (con gli investimenti che peraltro fa ogni anno) con le tematiche di Mediaset?
    La soddisfazione del direttore consiste nel fatto che le reti tematiche, con pochi sforzi e scarsi investimenti e molto spesso a costo zero usando risorse di magazzino, riescono nell’insieme a raggiungere lo share di una rete generalista nazionale, spesso recuperando quanto perso con la frammentazione delle digitali.
    E questo discorso vale sia per la Rai, che per Mediaset

  13. dream86 ha detto:

    sanfrank ma noi parliamo di tv! mica di altro! non puoi decidere in una competizione di cosa essere leader! rispondimi sul fatto cosa faresti se tu dovessi calcolare la leadership delle digitali!

    che poi non lo so magari è leader mediasozz cmq

  14. Sanfrank ha detto:

    Dream, 😆 per leadership di un gruppo non si intende un gruppo televisivo, ma bensì di un dato “segmento” ben definito. E nell’articolo è scritto proprio all’inizio. Tra l’altro il termine LEADERSHIP l’ho usato io nell’articolo e non lui in conferenza stampa. Ora lo mandi sul patibolo, poverino, senza sapere cos’ha fatto 😆

  15. dream86 ha detto:

    sanfrank
    rispondimi. tu ai fini non pubblicitari, perchè noi non lo siamo… se dovessi definire il gruppo leader cosa faresti? escluderesti talune reti?

  16. dream86 ha detto:

    ho precisato la cosa del rispetto e altro perchè l’altro giorno per chiedere una spiegazione educatamente su un pensiero son stato accusato di offendere.

    non vorrei comportarmi come su davide maggio sinceramente

  17. Sanfrank ha detto:

    Dream, infatti nell’articolo c’è scritto che sono escluse le reti kids e le all news

  18. dream86 ha detto:

    si sanfrank lo so che con te si puo’ confrontarsi tranquillamente. era un discorso piu’ generico quello del buonismo, non riferito a questo articolo. assolutamente

  19. dream86 ha detto:

    tra l altro la piattaforma di sky a pagamento con un bacino di 5 milioni.e non di 60, supera tutti i giorni il totale digitale mediaset digitale. per non parlare di qualita’.

    io non sarei proprio felice di questo dato

  20. Sanfrank ha detto:

    Dream, infatti stiamo parlando tranquillamente.

    Perdonami, ma dove lo vedi il buonismo, visto che nell’articolo io per primo ho attaccato le scelte poco originali di La5?

    A me personalmente, una rete clone di RealTime non piace per nulla. Rischiano di fare la brutta copia de “Il boss delle cerimonie” e de “Il nostro piccolo grande amore”. Decisamente meglio l’idea del magazine con Lucilla Agosti.

    Mi piace La5 come semi generalista con film per target, serie e programmi tv, oltre che delle rivisitazioni di programmi che vanno sulle reti principali

  21. dream86 ha detto:

    secondo me è interpretabile quella definizione

    non è che dice che la leadership si puo’ definire.. dice che puo’ essere leadership di un gruppo. tipo canale 5 leader mediaset. non che puoi decidere tu che leadership avere. altrimenti ognuno si trova la sua se va bene un gruppo. rai leader con piu di 10 punti escludendo rai 2 ( e italia 1 )? no direi che non è questo che si intende

  22. dream86 ha detto:

    sanfrank

    pero’ allora dovrebbero dire leader tra escludendo tot tot toto
    leader digitali assolutamente no perchè cosi’ è generali

  23. Sanfrank ha detto:

    Dream, perché dici che il termine leadership non è corretto?
    Dalla Treccani, ecco la definizione:

    LEADERSHIP: Funzione e attività di guida, sia con riferimento a individui od organi collegiali in quanto dirigano un gruppo o un’impresa sia, in senso politico-sociale, con riferimento a un partito o a uno Stato. Nell’ambito dei processi di socializzazione secondaria, designa il potere d’influenza riconosciuto al membro di un gruppo, capace di condizionare le decisioni degli appartenenti.

    Dunque, parlano anche solo di un gruppo, basta che sia ben definito. E in questo caso lo è.

  24. Sanfrank ha detto:

    Miss, concordo con il tuo pensiero. Recentemente hanno programmato anche la serie in prima free Golden Boy su Top Crime.
    Pur adorando Top Crime, credo che la prima scelta debba essere la tv generalista, mentre la rete digitale deve fidelizzare per genere, come hanno fatto magistralmente con i Law & order

  25. dream86 ha detto:

    sanfrank

    lo dico con educazione e rispetto sopratutto per il lavoro che fate.e mi sembra una giusta premessa. pero’ vedo in generale una sorta di buonismo pro mediaset. e ci sta per carita’… ci sta anche pensarlo. ma non è un male per forza

  26. Rosario ha detto:

    Si spero ce ne siano altre
    Concordo anch’io specie quando nelle generaliste c’è il vuoto cosmico

  27. dream86 ha detto:

    ioè le reti all news non rientrano nel computo per determinare la leadership ? cioè non vanno in onda? quindi quando fate i totali rai e mediaset li levate dal computo?

  28. dream86 ha detto:

    invece la scusa per tg flop 24?

  29. Sanfrank ha detto:

    Figurati Rosario. Spero vi sia piaciuta e vi abbia interessato 😉
    A me le reti digitali piacciono sempre tantissimo, perché intercettano una fetta precisa di pubblico, generalmente e sai cosa trovare se fai zapping

  30. dream86 ha detto:

    kapolito era appunto determinato da quello .. è normale che escludono anche quelle degli altri

    vuoi vedere che se aggiungiamo le kids piu’ le news vince la rai il totale?

  31. _MissFairy_ ha detto:

    the Affair sprecatissima su Crime
    è più un prodotto da Rete 4

  32. dream86 ha detto:

    sanfrank

    ma allora la dicitura leader non è corretta. mica la leadership si decide sui canali con un determinato target

    la leadership è tale perchè totale. non is puo’ sovvertire il il significato della parola,parliamo di ascolti e mediaset ha al suo interno boing e cartoonito. altrimenti cosa facciamo escludiamo dalla media di canale 5 i prodotti non autoprodotti da mediasozz? e daje

  33. Rosario ha detto:

    Grazie per la rubrica Sanfrank 🙂

  34. Sanfrank ha detto:

    Forse non avete letto il commento in cui scrivo che Boing e Cartoonito sono dell’editore Boing Spa, che è una joint venture tra RTI (di Mediaset) e il gruppo americano Turner.
    Dunque NON possono essere sommate se fai una brochure di tematiche free Mediaset.
    Ovviamente le hanno escluse anche dagli altri gruppi televisivi.

  35. kapolito ha detto:

    dream
    Hai visto?? Pure discovery e Rai escludono dal loro totale i canali kids e news(nel caso della Rai).
    L’offerta kids è a parte

  36. kapolito ha detto:

    Sanfrank
    Ah ok…quindi pure per gli altri editori sono esclusi i canali kids e news. Non solo mediaset

  37. Sanfrank ha detto:

    No Kapolito. Nell’immagine che ho postato nell’area commenti, se vedi bene c’è scritto “2015 Tematiche Free (no kids, no news). Dunque sono esclusi per tutti. E sono dati aggiornati al 28/03/2015 (è scritto piccolissimo)

  38. kapolito ha detto:

    Boing e Cartoonito comunque non son flop….anzi se le conteggiavano andavano oltre il 5%. Non le avranno conteggiate per altri motivi

  39. Rosario ha detto:

    Sanfrank smerda ahahahah
    Non hanno escluso canali di altri editori ma i canali propri dal conteggio….

  40. Rosario ha detto:

    Hanno escluso dal conteggio(5% in pt) boing e cartonito ah signor
    Tutto pur di scrivere qualcosa contro

    Comunque io eliminerei italia2 e mediaset extra

  41. kapolito ha detto:

    Discovery la conteggiano nel totale includendo pure i canali bambini???

  42. Sanfrank ha detto:

    Dream, credo che il senso di escludere le reti kids sia stato a causa del fatto che sono joint venture con il gruppo americano Turner e quindi non sono edite da Mediaset, ma dalla Boing Spa. Tant’è che anche nelle brochure di bilancio non sono mai comprese negli ascolti, ma sono sono citate.
    Mentre la rete all news effettivamente non c’entra nulla

  43. 1 vs 100 :( ha detto:

    Bellissima idea per italia2
    quiz sul calcio e docu reality sul pugilato
    stile ginnaste di mtv

    BoOoOm

  44. dream86 ha detto:

    kapolito

    dai la ridicolaggine di questi addetti ai lavori fa riderissimo! ma come si fa a dire siamo leader pero’ escludiamo dal computo 5 reti? ma scherziamo?

  45. dream86 ha detto:

    sempre piu’ ridicoli cioè…

    le digitali sono le uniche cose che vanno bene che bisogno c ‘è di inventarsi una leadearsip inesistente??? assurdo escludere le reti tematiche jr e tg com 24? quelle che sono ? gratis? fanno parte del gruppo fox?

    da domani allora sara’ cosi
    digitali rai leader escludendo iris.. cosi’ a buffo

  46. kapolito ha detto:

    Ahahahah….commento boom di dream 🙂

  47. dream86 ha detto:

    Leader levando le reti per bambini e quella informativa!

    No bravi! Pure io sono il più bello del mio palazzo escludendo quelli del primo e del secondo piano.

  48. Sanfrank ha detto:

  49. Sanfrank ha detto:

  50. Sanfrank ha detto:

  51. Sanfrank ha detto:

  52. Sanfrank ha detto:

  53. Sanfrank ha detto:

  54. Sanfrank ha detto:

  55. Sanfrank ha detto: