Crea sito

PARTONO OGGI – SPECIALE FICTIONERÒ
I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA, IN PRIMA ASSOLUTA SU RAIUNO

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

Questa sera, in prime time su RaiUno, parte la mini fiction in due serate “I fantasmi di Portopalo“, una coproduzione Rai Fiction – PICOMEDIA – IBLAFILM, prodotta da Roberto Sessa e diretta da Alessandro Angelini, liberamente tratta dall’omonimo libro di Giovanni Maria Bellu. L’appassionante ed emozionante racconto di una vicenda realmente accaduta rimasta per troppo tempo sepolta in fondo al Mediterraneo in un film in due puntate, con soggetto scritto da Giuseppe Fiorello, Paolo Logli e Alessandro Pondi che firmano anche la sceneggiatura insieme a Salvatore Basile e Alessandro Angelini. Il cast artistico della fiction annovera, tra gli altri, Giuseppe Fiorello, Giuseppe Battiston, Roberta Caronia, Bagya Lankapura, Angela Curri, Domenico Centamore, Saro Minardi, Maurizio Prollo, Mario Patanè, Fulvio Emanuele, Alessandro Warnakula, Marco Aiello, Greta D’Antonio, Giampiero Ciccò, Ivan Giambirtone, Lollo Franco, Stefania Montorsi e Adriano Chiaramida.

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

“Per anni ho inseguito questa storia, per anni mi sono posto l’obiettivo di far conoscere al pubblico questa storia sepolta in fondo al mare e dimenticata per troppo tempo dalle istituzioni”. Giuseppe Fiorello racconta così le emozioni che lo hanno spinto a fare sua questa avventurosa e drammatica storia “di mare, di uomini e di anime”. Una storia vera che lo vedrà protagonista in prima serata su Rai Uno lunedì 20 e martedì 21 febbraio. L’attore siciliano torna al pubblico del piccolo schermo con una nuova miniserie dal grande valore civile che riaccende i riflettori su uno dei più grandi naufragi della nostra storia recente avvenuto nel Mediterraneo: quello del giorno di Natale del 1996. Una tragedia che ha visto inabissare una carretta del mare stipata di migranti al largo di Portopalo. Centinaia tra donne, uomini, ragazzi e bambini morti nel tentativo di avverare il sogno di una vita migliore su quella terra di Sicilia che forse hanno potuto scorgere solo in lontananza. Una vicenda dai pesanti risvolti umani rimasta celata per molto tempo e riemersa solo grazie alla denuncia di uomini che con il loro coraggio hanno voluto restituire la dignità dovuta a tutte quelle vittime rimaste senza nome e senza tomba, se non il mare che li ha strappati alla vita e tenuti con sé..

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

 Trama di I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA 

Tutto ha inizio la mattina del 24 dicembre 1996 con l’avvistamento di un naufrago in mezzo al mare, un adolescente dai tratti indiani che Saro Ferro salva al rientro di una battuta di pesca nel mare in tempesta. Il ragazzo non ricorda nulla di sé, non parla l’italiano e non vuole comunicare. Questo è l’annuncio della tragedia che sta per abbattersi su Portopalo, e che prende forma nei giorni successivi quando nella rete di uno dei pescatori, Antonio, si impiglia un cadavere. Il padrone della barca fa quello che deve fare e consegna il cadavere alla Capitaneria di Porto, col risultato che gli viene sequestrato il peschereccio come corpo del reato. Nei giorni successivi anche altri pescatori, tra cui Saro, trovano dei cadaveri nelle reti. La quantità di ripescaggi sono tali che stavolta il rischio è alto, la pesca dell’intera flotta potrebbe essere bloccata: sarebbe la fine per l’economia di Portopalo. All’unanimità i pescatori decidono di non rischiare, di rigettare i cadaveri in mare e di non farne parola con nessuno. Anche Saro si allinea con la maggioranza, anche se mastica amaro, si sente a disagio. Anche perché quel ragazzo senza nome che Saro ha ripescato e che ora vive come clandestino nelle campagne, dopo essere scappato dall’ospedale, in qualche modo dà un volto a quei poverini che sono morti in mare. Per Saro è difficile non pensare che quei corpi, che tra loro chiamano in codice “tonni”, sono in realtà delle persone umane che hanno avuto sentimenti, sogni e progetti. Per lui tacere significa soprattutto proteggere la sua famiglia, perché se non si pesca si affoga nei debiti. E lui ha tre figli: Gaetano, il piccolino, e due un po’ più grandi, Meri ed Emanuele. E anche una moglie, Lucia, che fa la professoressa alle medie e che sogna una vita tranquilla e senza troppi intoppi. Nel frattempo i media diffondono la notizia che alcuni profughi approdati in Grecia hanno parlato di un naufragio nel canale di Sicilia, che ha coinvolto quasi 300 persone. Un naufragio mai confermato né dalle autorità marittime né dalle istituzioni. Passano cinque anni, e la notizia non è mai trapelata. È rimasta un segreto dei pescatori, che non ne hanno mai più parlato, nemmeno tra loro. Ma per Saro è diverso. In quei cinque anni si è preso cura di quel ragazzo indiano che è stato ribattezzato Fortunato, e che lavora al molo. Fortunato continua a non ricordare nulla del suo passato, o almeno così dice, ha imparato ad esprimersi in italiano e a vivere con poco. Ma un giorno le reti della barca di Saro s’incagliano, tirando su un pezzo di albero di una nave e degli indumenti nei quali c’è una carta d’identità. Appena Fortunato lo vede è come se quel documento squarciasse un velo nella sua immobilità, lo ricollegasse ad un passato che gli fa paura. Saro fa di tutto per farlo parlare, ma il ragazzo si rifiuta, vuole essere lasciato in pace. Saro consegna tutto alla capitaneria di porto, probabilmente si tratta di resti del naufragio di cinque anni prima… ma capisce che di quella faccenda i militari non hanno memoria e lo sconsigliano di preoccuparsene. Forse perché è colpito dall’afflizione di Fortunato, forse perché ha l’occasione di lenire il senso di colpa che non l’ha lasciato in pace per cinque anni, Saro decide di andare avanti, costi quel che costi. In occasione del viaggio a Roma per accompagnare sua figlia Meri ad un provino, che la ragazza si è guadagnata vincendo un concorso di bellezza, Saro riesce ad entrare in contatto con un giornalista di Repubblica, Giacomo Sanna: c’è un relitto fantasma sul fondo del Canale di Sicilia a diciannove miglia dalle coste di Portopalo. Su quella nave sono morte quasi 300 persone. È certo di quel che dice ed è convinto di sapere dove si trova il relitto. Ma Saro non trova un’accoglienza entusiastica in Sanna: per lui il pescatore potrebbe essere un mitomane e prima di credergli vuole verificare personalmente tutta la storia. E solo quando, attraverso il suo domestico indiano, Sanna scopre che quel documento apparteneva ad un giovane tamil, capisce che potrebbe essere davvero legato alla nave fantasma sulla quale effettivamente viaggiavano parecchi tamil. Fortunato di quel viaggio comincia a ricordare piccoli e brevi frammenti incongruenti. E dentro di sé non sa neanche più se vuole ricordare. In fondo dopo cinque anni la sua vita è qui, ed anche se non è totalmente integrato nella comunità, ha un lavoro una casa e una rete di affetti con la famiglia di Saro. Ma è un dato di fatto che avere ripescato quel tesserino gli ha spalancato davanti il pozzo dei ricordi e dei sentimenti, e lentamente capisce che non può più negarsi al passato che sta riemergendo inesorabile. Cominciano a venire a galla nomi, facce, luoghi. Cose sconcertanti. Violenza, sangue, dolore. Intanto Sanna parte per Portopalo, dove prima di tutto si convince fino in fondo che Saro è in buonafede e poi, spacciandosi per un giornalista che si occupa di turismo, indaga sulla storia che gli ha raccontato Saro, scoprendo un mondo di reticenze. Quando Sanna viene minacciato da un losco individuo del posto, capisce che la storia è vera e decide di scrivere il suo pezzo, ma sceglie di omettere il nome del suo principale testimone, Saro. Per esperienza, il giornalista sa che sta raccontando una verità scomoda e che quelli che potrebbero pagare il prezzo maggiore sono Saro e la sua famiglia. Quando esce l’articolo, infatti, i portopalesi ci mettono un attimo a capire chi ha parlato, infrangendo il sottaciuto patto di silenzio. Improvvisamente la comunità cambia atteggiamento nei confronti di Saro e della sua famiglia. I Ferro vengono emarginati, e né i Salemi né il parroco si distinguono, mettendo il carico all’ostilità generale. Una notte, qualcuno molla al largo il peschereccio di Saro, che è la loro fonte di sostentamento e per il quale hanno sulle spalle un mutuo pesantissimo. Se affondasse sarebbe la fine, e Saro, aiutato solo da Fortunato, affronta la tempesta a bordo di un gommone nell’intenzione disperata di ritrovare la barca..

[line]

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

Segue la tabella (che ci accompagnerà anche domani) della fiction “I fantasmi di Portopalo” che, oggi e domani, andrà completandosi con i dati Auditel degli episodi trasmessi su RaiUno, fino all’ultima puntata che seguiremo con l’immancabile rubrica dei “Titoli di coda”.

I fantasmi di Portopalo · RaiUno · Prima Visione TV
Episodio Sinossi Data Audience Share
Primo Episodio numero-1 20/02/2017 6.454.000 24,63%

Con la presente tabella, oltre a consultare il riscontro di pubblico ottenuto grazie ai dati Auditel in essa contenuti, avrete l’opportunità di rivedere ogni appuntamento e la relativa sinossi dell’episodio, semplicemente cliccando sulle righe che la compongono, che vi consentiranno di essere reindirizzati sul portale Rai Play e vedere così la replica della puntata che Vi interessa recuperare. Inoltre nella colonna “Sinossi”, cliccando sul simbolo numerico che identifica ogni serata, sarete indirizzati sul post di Bubino Blog che contiene ogni puntata, dando l’opportunità al lettore di rivedere la trama dell’episodio.

[line]

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

Non resta che dare appuntamento a questa sera, subito dopo “Affari Tuoi”, per assistere al primo appuntamento della miniserie prodotta da RaiFiction, PICOMEDIA e IBLAFILM, “I fantasmi di Portopalo“, che seguiremo con tutte le nostre rubriche dedicate alle fiction.

Buona visione … con BubinoBlog!!

SPECIALE FICTIONERÒ I FANTASMI DI PORTOPALO PRIMA PUNTATA

 

76 Risposte

  1. Sanfrank ha detto:

    Ital alla fine ho mangiato una buona pizza. Tornando all’argomento, zia Pina rimane il mio idolo for ever and ever e, altro che over, lei è target commerciale e gli over siamo noi hihihihihih
    Sulla scelta dell’aressata, propongo la seconda stagione di “Non è stato mio figlio”: voglio sentirlo ululare, autodoppiarsi male e fare flop con gli ascolti buahahhaahahahahaah

  2. zeus ha detto:

    Notte Max, Ital e a tutti!!

  3. ital ha detto:

    Buonanotte Micene, Zeus e… a tutti gli altri !
    Anche al mitico Frank ….e mi raccomando non fare indigestione con le cozze e i molluschi dell’ Isola ….
    Ih ih ih ….

  4. ital ha detto:

    Non so ….forse una spiegazione ci sarà …
    Ah ah ah
    Ma a me proprio non piacciono per niente questi due e quindi le Hillate o Garkate …se posso le evito …..

  5. Micenedisagitter ha detto:

    Notte a tuttiiii

  6. Micenedisagitter ha detto:

    Si Ital assolutamente.

    Due che hanno fatto numeri importanti senza alcuna spiegazione logica ihihih

  7. ital ha detto:

    Ciao Max !

  8. ital ha detto:

    Micene
    Ti riferivi a Hill e Garko ?

  9. max31 ha detto:

    Speriamo bene

    Notte Zeus, Micene e a tutti!! A domani!!

  10. ital ha detto:

    Con la Ares ….e’ una cattiveria bella e buona di Frank
    Ah ah ah …
    Ma un ruolo leggero e frivolo … lo dovrebbe prendere in considerazione … Anche solo per mettersi alla prova con qualcosa di più difficile …perché di sa …far ridere e divertire …e’ più difficile ….
    Comunque nella biografia di Modugno , come dicevo prima , e’ stato bravo e …ha dimostrato che può cercare di fare ruoli meno “pesanti” o seriosi …

  11. Micenedisagitter ha detto:

    Ital abbiamo due cose in comune ihihih

  12. ital ha detto:

    Micene
    Certo …diciamo che svolge bene il duo compitino …senza sbavature o sorprese ….

  13. ital ha detto:

    Frank
    Lo sapevo …. tu come mia zia Pina …alla ricerca di qualche curva e …di qualche risata …
    Io questo autunno mi sono divertito un mondo con Pechino Express …
    Alla simpatia/antipatia …non si comanda …io non riesco a digerire Hill …per esempio …o Garko ….

  14. Micenedisagitter ha detto:

    Comunque sono fiction sicure, non esce mai dalla sua zona di comodo

  15. FEDE ha detto:

    Ma Fiorello ha fatto anche Modugno. E Pino Maddaloni, ve lo ricordate?

  16. zeus ha detto:

    Ital,si spero anch’io che faccia una bella commedia ma con la Ares no Frank gli vuole male ahahahhaah,diciamo una della lux in stile non dirlo al mio capo non sarebbe male

  17. Micenedisagitter ha detto:

    È andata Mariah a Sanremo, riuscirà pure Fiorello a uscire dalla zona sicura?

  18. Sanfrank ha detto:

    Ital vedo l’Isola. Ho detto che Fiorello non lo soffro … è più forte di me

  19. Micenedisagitter ha detto:

    Ital, apprezzo chi va contro tutto e tutti per difendere le proprie idee, assolutamemte.

  20. ital ha detto:

    Zeus
    Penso 6,0 /6,5 milioni e mezzo …al massimo
    Per questa fiction con tema delicato e ostico ….

  21. FEDE ha detto:

    Per me farà 6.3/6.5 milioni…

  22. zeus ha detto:

    Max ,difficile io credo un pò meno ,ma tutto è possibile domani sorprende e fa 8 mln non si sa mai .

  23. ital ha detto:

    Frank dove sei ?
    Alla fine alla peperonata … Mi sa che ha preferito cozze e molluschi vari …su Isola d/Famosi
    Ah ah ah

  24. ital ha detto:

    Zeus
    Fiction …ben fatta ….
    Fiorello ci sa fare …
    Speriamo pero’ che raccolga il.nostro invito ( mio edi Frank ) per fare una bella commedia …per il prossimo anno ….

  25. max31 ha detto:

    Secondo voi come andra’? Come studio uno o meno?

  26. ital ha detto:

    Ho smesso da tempo …di pensare alle imposizioni …Micene ….
    E non credo.che lo siano più con la TV digitale e almeno 50 canali principali …per scegliere …cosa vedere ….sempre che non scegli web …
    Ormai sono fa considetare scelte editoriali , magari anche politiche …..ma non si può vivere sempre con suore e DonMattei in giro ….ogni tanto serve qualcosa di più “profondo” o acuto
    Quindi hai il telecomando e sei tu che scegli ….nessuno te lo impone ….
    Mia zia Pina …over impenitente …questo genere di fiction non le segue …. Le mettono tristezza dice … E segue altro ….
    ( Isola del Bettarini, cosi in questa stagione …dove tutti sono coperti , dice, vede qualche
    muscolo scoperto in bella mostra )

  27. zeus ha detto:

    Comunque se non si era capito mi è piaciuta la fiction ahhahaah

    Fatta bene e Fiorello è stato perfetto in questo ruolo

  28. ital ha detto:

    Micene
    E io rispetto il tuo ….
    Siamo diversi tra di noi certo ….e il confronto e’ bello per questo ….
    Trovo sempre interessante e piacevole … colloquiare di TV e dintorni qui nel blog …. e non cerco consenso alle mie opinioni ….sarebbe di una noia ….ma piuttosto confronti, riflessioni e anche ironia e divertimento ….

  29. zeus ha detto:

    Micene,è ovvio che ognuno ha le sue idee e vanno rispettate , il tema è molto delicato secondo me meglio che si parli che tacere ,tanto il problema resta anche nel silenzio.

    È bello anche per me confrontarmi con te

  30. Micenedisagitter ha detto:

    Ital, quel che io contesto è il fine per cui lo fanno…. Che il governo decida di fare una fiction e la imponga ai telespettatori è una cosa oscena a mio avviso…

    Capisco che sia a favore dell’immigrazione, ma non possono imporre le proprie idee

  31. ital ha detto:

    Io Micene …. non mi lascio …trascinare …da giornali , inchieste o film …le mie idee le ho maturate in anni e con esperienze di vita ….
    Quindi una fiction non mi condiziona …ma al massimo mi fa riflettere e ragionare su una questione umana spinosa e angosciante ….
    Altre fiction come quella della Incontrada , non le ho viste …. Non le seguo tutte ma devo ammettere …che su certi temi …a livello di fiction story …Beppe Fiorello pur con qualche difetto e’ decisamente credibile …

  32. Micenedisagitter ha detto:

    Ital, rispetto il tuo punto di vista

  33. aladino ha detto:

    Non ho seguito la fiction perché a naso non mi interessava la tematica, ma leggendo i commenti entusiasti sui social e capendo BENE di cosa trattava, mi pento di non averla vista, sembra veramente un prodotto di alta qualità e di spessore, dalle impressioni che sento; se domani posso, proverò a guardare la seconda e ultima puntata

  34. ital ha detto:

    Il tema immigrazione e’ scottante e difficile da gestire ….
    E questa fiction … e’ un invito a non tenere la testa sotto la sabbia ….
    Come sempre fatico a seguire le fiction di Fiorello perche sono spesso un pugno nello stomaco …come quella dello scorso anno sulla terra dei fuochi ….ma servono …per non dimenticare ….

  35. max31 ha detto:

    Comunque mi è piaciuta, ripeto solo l’inizio è stato un po’ lento ma di solito è così

    Per il dato di stasera non saprei

  36. Micenedisagitter ha detto:

    Ital, è ovvio che ci sia un secondo fine in queste miniserie, la Rai è dentro a piene mani nei dibattiti politici.

    Mi pare evidente

  37. Micenedisagitter ha detto:

    Zeus, è la seconda fiction su questo tema in un anno…. Non ne vedo il bisogno, tra l’altro io non condanno chi non vuole immigrati in Italia, ho la mia idea ma non condanno quella degli altri.

    È bello confrontarsi con te

  38. ital ha detto:

    Ma qui non e’ questione di fazioni …Micene !
    La fiction racconta … un imbarazzante caso di insabbiamento ….di un naufragio con 300 morti ..e omertà’ di gente che lo ha tenuto nascosto per quieto vivere ….e/o per interesse …
    Non si vuole …certo aprire un dibattito politico ..ma indurre a riflettere ….

  39. zeus ha detto:

    Micene ,non ti preoccupare siamo solo scambiando opinioni lo so che non ce l’hai con me .

    A proposito ti dico non credo che si spinge su questa tematica ,per me è un occasione per riflettere e poi ognuno si fa la propria idea,voglio pensare che una persona non si fa condizionare da una fiction sarebbe deprimente se fosse così.

  40. max31 ha detto:

    Mi piace Battiston, bravo

  41. Micenedisagitter ha detto:

    Zeus, non ho nulla contro di te figurati.

    Solo che spingere su una tematica così lo trovo sbagliato, c’è chi sostiene l’immigrazione e chi no, basta rispettare entrambe le fazioni

  42. max31 ha detto:

    Tematica forte e importante ma è diversa da Lampedusa per esempio

  43. zeus ha detto:

    Micene

    Ho detto solo la mia opinione farà anche le stesse cose ,ma preferisco questo ad altro tutto qua , capisco che può stancare a qualcuno .

  44. ital ha detto:

    Tema complesso ….forse un po ‘ pesante …ma e’ giusto che il servizio pubblico se ne occupi!
    Come e’ giusto … che il 5 intrattenga frivolamente …. Anche se questa isola mi sembra gestita malamente ….

  45. Micenedisagitter ha detto:

    Zeus non era una battuta la mia.

    Per condividerlo anche Frank, si vede che qualcuno lo pensa che Fiorello faccia sempre le stesse cose

  46. Veronica ha detto:

    Zeus
    Sempre pungente

  47. ital ha detto:

    Ciao Gp9 !

  48. zeus ha detto:

    Ciao Gp9 e Veronica!!

    Concordo sul tema difficile può risultare un pò pesante,ma è fatta bene

  49. max31 ha detto:

    Ital ciao

    Inizio lento ma ora sta migliorando

  50. zeus ha detto:

    Ciao Max ,Ital,Micene,Fede,Frank!!

    Micene ,buona la peperonata meglio di minestrine insipide da altre parti ahahahah

  51. ital ha detto:

    Tra le fiction …tratte dai fatti di cronaca ….mi e’ piaciuta molto …La Vita Rubata ….con la triste vicenda della giovane Campagna …..

  52. Sanfrank ha detto:

    Ital, nella fiction su Modugno è stato molto bravo e almeno è un personaggio dello spettacolo.
    Magari facesse qualche film corale, un cinepanettone, il prete amico di Don Matteo 😆

  53. Micenedisagitter ha detto:

    Fiorello sa fare solo fiction pesanti, funzionerebbero con chiunque

  54. GP 9❤❤❤VIKYIMMA ha detto:

    Ciao Max31
    Ciao Zeus
    Ciao Sanfrank
    Ciao Veronica
    Ciao Micenedisagitter
    Ciao Fede
    Ciao Ital io e VikyImma tutto ok.

  55. Veronica ha detto:

    Fede
    Io la trovo un poco pesantuccia

  56. ital ha detto:

    Ciao Fede,Max,Zeus e Veronica ….e pure Micene

  57. Sanfrank ha detto:

    ahahahaha Micene
    Mi hai fatto venire fame. Mo vedo se è aperta la pizzeria giù :yahoo:

  58. ital ha detto:

    Ciao Mitico Frank ….
    Hai perfettamente ragione su Fiorello …la più leggera che ricordo …e’ la straordinaria e popolare biografia di Modugno …..
    Comunque ti immagini Fiorello Beppe tra i protagonisti …di Studio Uno …magari nel ruolo di Don Lurio ?
    #pensierotrashdellaserafiorelloleggerosispera

  59. FEDE ha detto:

    Buonasera! Stasera sono piuttosto affaccendato. Vi sta piacendo? La tematica comunque è difficile…

  60. max31 ha detto:

    Zeus e Micene ciao

  61. Micenedisagitter ha detto:

    Sera a tutti.

    Frank concordo con te, Fiorello fa sempre le stesse cose

    Ciao Max

    Ciao Zeus

    Ciao Veronica

    Ciao Frank

    Buona peperonata

  62. Sanfrank ha detto:

    Veronica solitamente è il contrario con gli attori. Vedi Elena Sofia Ricci che ho sempre apprezzato per avere il coraggio di lasciare personaggi di grandissimo successo (che molto spesso decretavano la chiusura della fiction) per non restare imbrigliata negli stessi ruoli. Idem per Claudio Gioè o Claudia Pandolfi.
    Probabilmente Fiorello non ha una preparazione tale da risultare credibile in un ruolo diverso e magari lui ne è cosciente. Diversamente non si spiega tutto questo

  63. Sanfrank ha detto:

    Spesso nelle segrete di Twitter, quando nessuno ci ascolta, ci raccontiamo anche storie legate a questi fatti e, quasi sempre sono storie di ordinaria anarchia con migranti che sembra stiano nella terra di nessuno e che, confrontati a nostri connazionali, se la passano anche un tantino meglio.
    Tuttavia il mio parere è un tantino diverso perché noi italiani, in passato, siamo anche stati migranti e non sempre abbiamo esportato brava gente. Se devo dire la mia sui migranti a me duole tantissimo vedere questi ragazzi ciondolare in strada senza fare nulla. Rischia di diventare una tragedia ancor più grande delle stragi delle carette del mare, con giovani che vivono il presente senza il diritto di avere un futuro.

  64. Veronica ha detto:

    Sanfrank
    Bravissimo, hai colto benissimo quello che intendevo.

  65. Veronica ha detto:

    Secondo me Beppe vuole essere il re delle mini, fa solo quelle ahaha. Bisogna anche variare. A volte noto che agli artisti non piace rischiare.

  66. Sanfrank ha detto:

    Veronica, in questi ultimi anni, in Italia, i migranti vengono visti non sempre con un occhio caritatevole, anche a causa di una politica che è talmente inconcludente da non riuscire neanche a razionalizzare la presenza dei migranti sul territorio nazionale.

  67. Sanfrank ha detto:

    Veronica, non capisco questa cosa di voler giocare facile con personaggi che sembrano fatti col ciclostile. Per dire, anche Raoul Bova per tanti anni ha interpretato personaggi ispirati ad eroi del presente e del passato, reali o inventati. Tuttavia ha fatto anche tantissime commedie uscendo dai soliti cliché.
    Fiorello ormai è diventato più pesante di una peperonata alle 3 del mattino. Segue sempre le orme del fratello, un altro che è diventato di una pesantezza insopportabile

  68. Veronica ha detto:

    Sanfrank
    Io intendevo che è un argomento difficile da trattare in un momento in cui si sente forte il problema dell’immigrazione. Secondo me non ripete il riscontro della fiction sui rifiuti.

  69. Veronica ha detto:

    Anche a me piacerebbe vederlo in un ruolo comico. In passato ricordo qualche fiction sul sociale, ora interpreta solo”eroi”.

  70. Sanfrank ha detto:

    Veronica, sicuramente il tema è importante e, tra l’altro, vedo che Fiorello ha scritto il soggetto di questa fiction in prima persona con Paolo Logli e Alessandro Pondi che firmano anche la sceneggiatura
    insieme a Salvatore Basile e Alessandro Angelini

  71. Sanfrank ha detto:

    Giuro che se mi accontentate non maltratto più Matteo Quaglia :pianto: :pianto: :pianto:

  72. Sanfrank ha detto:

    Eccomi anche con “I fantasmi di Portopalo” e, per l’occasione, visto che a fare le fiction tutte uguali ci pensa Fiorello 😆 , mi permetto di dare un tocco di rinnovamento al post, cambiando i colori… con il blu mare.

    Sarò impopolare ma, VI SUPPLICO, fate fare una COMMEDIA a Beppe Fiorello e non solo le fiction che virano sul sociale… che ne so un’aressata, un film con Checco Zalone.

    VI SUPPLICOOOOOOOO

  73. Veronica ha detto:

    Buonasera a tutti. Le fiction tratte da fatti realmente accaduti sono sempre interessanti. Questo è un argomento un poco ostico.

  74. Sanfrank ha detto:

    Buonasera a tutti

  75. zeus ha detto:

    Buonasera a tutti!!

  76. max31 ha detto:

    Buonasera a tutti!!