Crea sito

PARTONO OGGI – SPECIALE FICTIONERÒ:
SOTTO COPERTURA PRIMA PUNTATA
IN PRIMA ASSOLUTA SU RAIUNO

CS1BhZwUYAEoXXi

Ispirata da una vicenda realmente accaduta, la miniserie “Sotto copertura” racconta l’attività investigativa che ha condotto alla decapitazione dell’organizzazione criminale gestita dal clan dei Casalesi attraverso la figura del commissario Michele Romano, personaggio che porta un nome di fantasia, ma che è, a sua volta, ispirato a Vittorio Pisani, il vero capo della Squadra Mobile di Napoli che effettuò la cattura del boss.
Sotto copertura, una produzione LuxVide in collaborazione con Rai Fiction, prodotta da Matilde e Luca Bernabei sarà trasmessa in due puntate in onda lunedì 2 e martedì 3 novembre, in prima serata su Rai1, per la regia di Giulio Manfredonia e la sceneggiatura di Salvatore Basile e Francesco Arlanch.

Nel cast artistico della miniserie troviamo Claudio Gioè, nei panni del commissario Michele Romano, Guido Caprino che interpreta il capo clan Antonio Iovine, Filippo Scicchitano (Emilio), Dalila Pasquariello (Anna Corradi), Simone Montedoro (Arturo De Luca), Raffaella Rea (Rosanna Croce), Antonio Gerardi (Salvo Izzo), Antonio Folletto (Carlo Caputo), Iaia Forte (procuratrice), Antonio Milo (Angelo Corradi), Giovanna Rei (Giuseppina), Simone Bucalo (Mimmo Corradi), Alessio Lapice (Rudy), Clotilde Esposito (Giuliana Simone) e Alessandra Costantini (Chiara Romano).

1445500990629_MG_0739_b

L’operazione, sorprendente e spettacolare, frutto del lavoro di squadra e del coraggio individuale di una manciata di poliziotti, è al centro delle vicende narrate e si intreccia con le loro vite: la cattura di Iovine rappresenta, infatti, per tutti loro, un’irrinunciabile occasione di riscatto. Gli agenti Arturo, Salvo, Rosanna e il giovane Carlo si mettono con dedizione, ma anche con ironia, al servizio di una missione investigativa considerata dai più come impossibile e sono disposti a pagare un prezzo molto alto, mettendo a rischio gli affetti e la propria incolumità. L’altra voce di “Sotto copertura” giunge dal mondo colluso di Casal di Principe: è Anna, giovanissima vivandiera di Iovine, un po’ complice e un po’ vittima del boss, intercettata dalla squadra per individuare il nascondiglio del camorrista. Questo personaggio femminile incarna un processo di trasformazione e di liberazione che si rende possibile grazie alla forza trasgressiva del sentimento che prova per un giovane di Casale, Emilio, che non ha mai avuto contatti con la camorra. La profondità di questo sentimento sarà per Anna sprone per liberarsi dal giogo di Iovine e della sua famiglia, da sempre affiliata al clan, in un percorso di ribellione che vuole esemplificare la possibilità di un cambiamento che giunga direttamente dalla gente di Casal Principe. “Sotto copertura” è anche la narrazione di una caccia all’uomo, che pone al commissario Romano domande di natura etica sulla sua professione: è giusto rinunciare alla propria vita in nome e per il desiderio di una giustizia che sembra così lontana e quasi inafferrabile? La risposta giunge dalla voce di Lucia, la moglie del commissario: “È questa la differenza fra voi e loro… voi lo fate per amore… per dignità… e per una società migliore”. Proprio questo sogno di una realtà migliore, sicura e dignitosa, alimenta la missione della Squadra Mobile di Napoli, nella profonda convinzione che cambiare è possibile se si opera con coraggio, perseveranza e capacità di visione. Questi ideali risuonano nelle parole del giovane Emilio, che incarna la parte sana della società di Casal di Principe: “Questa è la terra migliore del mondo. Basta scommetterci”.

1446028535425_MG_2110_Simone-Montedoro_Raffaella-Rea_Antonio-Folletto_Antonio-Gerardi__SQUADRA-POLIZIA_

Trama di Sotto Copertura Prima Puntata

Michele Romano è un commissario di polizia di Napoli, da tempo impegnato nella caccia ad Antonio Iovine, detto O’ Ninno, boss del clan camorrista di Casal di Principe. Romano decide di fare irruzione in quello che crede sia il nascondiglio di Iovine e di intervenire con i suoi colleghi Rosanna Croce e Arturo: sta per catturare il boss ma viene interrotto dalla procuratrice, che blocca le sue ricerche che non sono state autorizzate. Attraverso l’arresto di un affiliato, che decide di collaborare, Romano scopre che una ragazza di Casal Principe, Anna Corradi, è incaricata di accudire Iovine nel nuovo bunker dove si nasconde, dopo la fallita perquisizione. La ragazza ha un lavoro di copertura in un centro estetico di Casale. Romano ottiene dalla riluttante procuratrice il permesso di intercettare lei e la sua famiglia e la possibilità di avvalersi di una piccola squadra: attraverso Anna il commissario spera di arrivare a Iovine. Romano riesce a coinvolgere il collega Salvo, Arturo e anche una titubante Rosanna. A loro si unirà il giovane ed entusiasta Carlo, un ragazzo di Casale che ha conosciuto Don Diana. Iovine intanto incontra Michele Zagaria, l’altro boss del clan dei casalesi, per proporgli di bonificare i territori dai rifiuti che la stessa camorra vi ha interrato.
Attraverso le intercettazioni, la squadra di Romano scopre che ogni venerdì sera Anna spegne il cellulare ed è accompagnata da Iovine, restando con lui tutto il fine settimana: dal tempo del tragitto i poliziotti capiscono che il boss deve nascondersi nei pressi di Casale.Iovine suggerisce ad Anna di trovarsi un finto fidanzato, così da non destare sospetti in paese. Anna ha già individuato il candidato ideale: si tratta di un ragazzo che la corteggia da tempo, Emilio, e che non ha nessun legame con la camorra. I due giovani cominciano a frequentarsi e, con i suoi slanci, Emilio sorprende Anna, portandola sulle pendici del Vesuvio e rivelandole un amore sincero e autentico: Anna è molto colpita. Iovine e Zagaria propongono l’affare dell’immondizia a un imprenditore apparentemente colluso, Flavio Ricci. Emilio intanto vorrebbe avere Anna tutta per sé e si insospettisce della sua reticenza al punto che, dopo averla lasciata, decide di seguirla; viene allora notato da uno scagnozzo di Iovine, che gli ordina di togliere di mezzo il ragazzo.

1445500942515_MG_1281-2

Sulla brochure di presentazione di “Sotto Copertura” pubblicata dalla Rai, hanno catturato la mia attenzione le parole espresse dal regista Giulio Manfredonia che in merito alla minifiction di Rai1 dice:

Sotto copertura mi ha offerto l’occasione di praticare due modelli di racconto diversissimi, direi opposti, in un unico film. Da una parte il racconto archetipico per eccellenza: due ragazzi si amano, ma provengono da due famiglie che appartengono a mondi contrapposti. L’una “per bene” e l’altra compromessa con “i malvagi”. Il loro amore è contrastato dal signore del luogo che rivendica il suo potere sulla fanciulla. Riusciranno a sottrarsi ad un destino che sembra segnato, con la sola forza del loro amore? Riuscirà questo amore a sopravvivere, solo contro tutto il mondo che li circonda? Dall’altra c’è la ricostruzione pressoché fedele di un fatto di cronaca cruciale nella storia recente del nostro paese. La cattura di uno dei boss più potenti della più pericolosa organizzazione criminale italiana, il clan dei Casalesi. Tutto questo racconto, spiato dal “buco della serratura” grazie alle intercettazioni ambientali di un commissario di polizia napoletano e della sua squadra di agenti, eroi di oggi che per uno stipendio decisamente inadeguato scelgono di combattere la battaglia, quasi impossibile, di contrastare la criminalità organizzata nel suo territorio. Perché per far prevalere la giustizia in un posto dove per il luogo comune “casalese” è sinonimo di “camorrista” mentre i camorristi veri e propri sono solo una minoranza, non basta indagare, ma bisogna conoscere la realtà del posto, comprendere le difficoltà di chi ci vive, entrare nelle teste e nei cuori di chi si sta intercettando. Un film dunque complesso, dove i generi si mischiano e si alternano, un film che però non vuole mai rinunciare alla sua doppia natura di essere da una parte narrazione avvincente e spettacolare e dall’altra testimonianza dell’Italia di oggi, film “di servizio pubblico”. Credo ne sia uscito un film denso, pieno di azione e passione, di amore e di dolore, ma anche ricco di complessità, dove la liberazione dal sopruso del male è un viaggio collettivo, ma anche e direi soprattutto individuale, un percorso di crescita anche dolorosa, che diventa inevitabilmente anche un percorso culturale. Una storia in cui tutti i personaggi sono messi di fronte a scelte adulte, nette, decisive. Scelte dalle quali non potranno mai più tornare indietro.

1445500953163_MG_1136

Degna di nota la colonna sonora dei promo nonché il soundtrack della serie di RaiUno che abbiamo ascoltato non senza emozionarci, interpretata da Lucariello, di cui vi posto il link da YouTube. Buona visione e buon ascolto, su BubinoBlog e ricordate che “Quann ‘a speranz s’arraggia #MetticiLaFaccia” (Cit.)!!

[line]

Per rivedere la prima puntata della fiction “SOTTO COPERTURA”, cliccate sulla foto che segue che vi indirizzerà direttamente al sito Rai.tv

1446028675796_MG_0745_Fabio-Lovino_GRUPPO-CAST-PRINCIPALE

[line]

Segue la tabella che ci accompagnerà domani, nell’ultima puntata di “Sotto Copertura”, andando a completare, col secondo episodio, il riscontro Auditel della fiction di RaiUno.

 Sotto Copertura – Rai 1 – Prima visione TV 

Episodio Data di programmazione Audience Share
#1 02/11/2015 5.849.000 21,75%

[line]

100 Risposte

  1. Sanfrank ha detto:

    Appuntamento a domani sera con la rubrica dei Titoli di coda per la seconda ed ultima puntata

  2. Sanfrank ha detto:

    Postato il link e domani gli ascolti in tv

  3. Sanfrank ha detto:

  4. Sanfrank ha detto:

  5. Sanfrank ha detto:

    Notte Fede.
    Ringrazio tutti coloro che hanno seguito con me Sotto copertura. Tra pochi istanti accoderò il link della prima puntata nell’attesa di conoscere il verdetto dell’Auditel di domani mattina.
    Buona notte a tutti

  6. FEDE ha detto:

    Vado, buona notte!

  7. FEDE ha detto:

    Sanfrank, no, nulla. Penso che il record -Nazionale a parte- sia l’ultima di Monty (5.8). Su Canale5 invece i record sono quelli della De Filippi. Però dalle vostre tabelle mi pare si noti come non ha mai fatto 5 mln.

  8. Sanfrank ha detto:

    Non ricordo se c’è stato altro su Canale 5. Ma su Rai 1 molte proposte hanno superato i 5 milioni ma credo che poche o nessuna i 6 milioni.

    Sulle vespe, tranquillo non le ammazzo. Non vorrei trovarmi in un vespaio di polemiche e tanto meno il protagonista del suo nuovo plastico (il vecchio lo ha distrutto Elena Di Ciccio su mia esplicita richiesta 😀 )

  9. FEDE ha detto:

    Leggo commenti positivi sulla Pasquariello. Bella scoperta! E la vedremo pure in Don Matteo 10!

  10. FEDE ha detto:

    Guarda che chiamo il WWF per tutelare gli imenotteri!

  11. FEDE ha detto:

    Sbaglio o Canale5 ha fatto 5 milioni solo con il film di Zalone?

  12. Sanfrank ha detto:

    Che bellezza. Quando ho sentito il promo di Petrolio ho detto Dio c’è ed è tra noi 😀

  13. Sanfrank ha detto:

    Io mi sto convincendo che le varie conferme di fiction con ascolti bassi, stanno avvenendo perché si è assistito ad un’ennesima frammentazione degli ascolti in questa stagione.
    Complice la scarsa offerta proposta dalla tv generalista, la gente si è rifugiata tra digitaline e satellitari.

  14. FEDE ha detto:

    Come fai stasera senza Vespone? 😛

  15. FEDE ha detto:

    Ah! Comunque i 6 milioni mi sembrano sempre più lontani.. Per tutti.

  16. Sanfrank ha detto:

    Fede, quel tale Ciaccia mi sembra un pirla e mi fa proprio ridere 😆

  17. FEDE ha detto:

    Sanfrank, ma tu sei sempre d’accordo con quello che scrive su twitter quel tale che citi spesso, Ciaccia mi pare si chiami? 😆 😀
    Comunque anche per me può fare bene. E se la fiction della Placido sarà fatta così, avremo un altro ottimo prodotto.

  18. Sanfrank ha detto:

    Sull’attore Antonio Folletto:

  19. Sanfrank ha detto:

  20. Sanfrank ha detto:

    Secondo me tipo Montalbano (qualcosina di meno). Dunque 4,9 milioni di spettatori.
    C’era davvero tantissima carne a cuocere

  21. FEDE ha detto:

    Sanfrank, sul dialetto io penso che una minima inflessione sia giusta. Non però tale da inficiare la comprensione nelle restanti parti d’Italia. Tuoi pronostici? Anch’io ho visto che su twitter è andata pianin pianino…

  22. Sanfrank ha detto:

    Mini intervista a Claudio Gioè (grandissimo SEMPRE) che dice:

  23. Sanfrank ha detto:

    Su Twitter non è andata fortissimo ed erano schierati tutti, compreso (e non mi era mai capitato prima d’ora) il profilo ufficiale di Rai1. Evidentemente ci tenevano molto a questo progetto.
    Secondo me facevano bene a puntarci così tanto. Sulla storia del dialetto, vorrei ricordare che un’altra fiction del passato (Taodue) davvero splendida come Il clan dei camorristi, fu impalata dai più per il motivo opposto: troppo dialetto e poco comprensibile. Mettiamoci d’accordo

  24. FEDE ha detto:

    Veu, curiosità/informazione di servizio.. Tu registri con Sky oppure con i decoder pvr?

  25. FEDE ha detto:

    Veu, per me fatta molto bene e in grado di coinvolgere più target. Ho sensazioni positive per domani, vedremo…

  26. veu ha detto:

    Devo recuperare Sotto Copertura, l’ho registrata.
    Da quello che leggo, sembra fatta bene questa fiction. Che il poliziesco riesca a sfondare anche in Rai?
    Claudio Gioè nuovo divo della fiction Rai?

  27. FEDE ha detto:

    Sanfrank: mia madre è una spettatrice di Rai1 e segue normalmente le fiction.. Le piaceva molto Un’Altra vita, abbastanza Montalbano, moltissimo Prete-Suora-Forestale. Della Felicità avrà visto 20′, poi mi ha detto che non ha senso secondo lei. Grand Hotel le piaceva abbastanza. Sotto Copertura non è il suo genere ma le è piaciuta. Domani vedremo. Comunque io non penso possa fare meno di 4.7.

  28. FEDE ha detto:

    Io la promuovo pienamente. Poi domani farà 6 milioni, 4 milioni, 2 milioni… Non lo so. Però la costruzione era ben fatta. Il discorso del dialetto è una gran sciocchezza. Non è un prodotto che va in onda su TeleNapoli… 🙂 Già qui al nord-est è difficile capire Montalbano, figuriamoci un napoletano ancora più stretto… Ci sono altri casi: in Un Passo dal Cielo parlano tutti italiano anche se la nostra lingua è lingua madre di meno di 1/5 della popolazione, così come in Un Caso di Coscienza i protagonisti a Trieste non parlavano triestino, ma una sorta di veneziano italianizzato… 🙂

  29. Sanfrank ha detto:

    Il fine giustifica i mezzi e se serviva una storia meno cruda per portare al pubblico di Rai 1 la decapitazione del clan dei casalesi, allora ben venga

  30. Sanfrank ha detto:

  31. Sanfrank ha detto:

    Si Fede. Mi è piaciuta.
    Sul discorso del dialetto, mi pare che si cerchi il pelo nell’uovo. Magari avrebbero potuto curare meglio con dei coach. Però ripeto che sembra cercare il pelo nell’uovo.
    Ottimo cast, splendida regia e storia toccante e vera, anche se romanzata non essendo una docufiction

  32. shinichi ha detto:

    Ottima la scelta di rendere la storia una spy story

  33. Sanfrank ha detto:

  34. FEDE ha detto:

    Buonasera! Sanfrank, scusa se mi materializzo solo ora, ma avevo cose da riordinare mentre guardavo SC. Ti è piaciuta?

  35. Sanfrank ha detto:

  36. shinichi ha detto:

    L’inserimento della love story con i due baldi giovani (tra l’altro scicchitano tanto bello quanto scarso il suo dialetto ) può magari favorire l’arrivo degli over. Per il resto stasera c’è il mondo in tv

  37. Sanfrank ha detto:

  38. Sanfrank ha detto:

  39. Sanfrank ha detto:

    Anche Rita Dalla Chiesa lo segue e lo sta apprezzando

  40. Sanfrank ha detto:

  41. Sanfrank ha detto:

  42. Sanfrank ha detto:

  43. Sanfrank ha detto:

    Il momento nella Chiesa di Don Diana è straziante: brividi

  44. Sanfrank ha detto:

  45. Sanfrank ha detto:

  46. Sanfrank ha detto:

  47. Sanfrank ha detto:

  48. Sanfrank ha detto:

    Mini intervista al regista Manfredonia, che parla in merito alla Chiesa di Don Peppino Diana

  49. Sanfrank ha detto:

  50. Sanfrank ha detto:

    La scena del pestaggio del giovane agente Carlo Caputo è stata toccante

  51. Sanfrank ha detto:

  52. Sanfrank ha detto:

  53. Sanfrank ha detto:

  54. Sanfrank ha detto:

  55. Sanfrank ha detto:

  56. Sanfrank ha detto:

  57. Sanfrank ha detto:

    Mini intervista a Caprino nei panni di Iovine

  58. Sanfrank ha detto:

  59. Sanfrank ha detto:

  60. Sanfrank ha detto:

  61. Sanfrank ha detto:

  62. Sanfrank ha detto:

  63. Sanfrank ha detto:

    Per la serie non solo commenti positivi:

  64. Sanfrank ha detto:

  65. Sanfrank ha detto:

  66. Sanfrank ha detto:

    Shinichi il dialetto di Gerardi è ottimo. Forse quello di Guido Caprino non è proprio campano

  67. shinichi ha detto:

    Davvero ben girata e ritmo serrato, sicuramente troppo per rai1. Unica pecca il dialetto non proprio preciso di alcuni attori

  68. Sanfrank ha detto:

  69. Sanfrank ha detto:

    Pensavo che lo chiamavano O’ Ninno perché era tutelato da una fitta rete di omertosi che lo proteggevano. E invece:

  70. Sanfrank ha detto:

  71. Sanfrank ha detto:

  72. Sanfrank ha detto:

  73. Sanfrank ha detto:

  74. Sanfrank ha detto:

  75. Sanfrank ha detto:

  76. Sanfrank ha detto:

  77. Sanfrank ha detto:

    Commenti discordanti su Twitter tra chi voleva una serie più cruda, dimenticando che su Rai Uno non l’avrebbe vista nessuno e chi invece apprezza il coraggio e la scelta di raccontare la cattura del boss di Casale

  78. Sanfrank ha detto:

  79. Sanfrank ha detto:

  80. Sanfrank ha detto:

  81. Sanfrank ha detto:

  82. Sanfrank ha detto:

    Rosanna non poteva arrendersi alla criminalità

  83. Sanfrank ha detto:

  84. Sanfrank ha detto:

  85. Sanfrank ha detto:

  86. Sanfrank ha detto:

    Alessandro io farò come al solito il contrario 😀

  87. Sanfrank ha detto:

    Ora inizia il racconto della storia di Anna, una splendida ragazza che non ha capito la differenza tra la vita vera e il materialismo

  88. Sanfrank ha detto:

    Si inizia con una carrellata sulla vita dei protagonisti che riscatteranno la loro vita con l’arresto di Iovine

  89. alessandro ha detto:

    Io recuperero Sotto Copertura domani! Stasera vedo Antimafia7!!!!

  90. Sanfrank ha detto:

    Grazie Veronica. Tu sempre gentile.
    Effettivamente ci sono giorni in cui c’è in nulla cosmico e giorni in cui pare un’emorragia di successi, tra Squadra Antimafia, la finale di Pechino, la puntata delle Iene con la storia di Marquez e ultimo non in ordine di importanza Sotto copertura, che seguirò stasera

  91. veronica ha detto:

    Buona visione a tutti. Io riuscirò a seguire solo la prima ora, poi devo uscire purtroppo, recupero domani pomeriggio. Cmq sempre articoli completi e belli. Io penso che se oggi riesce a fare 4,5 e domani sui 5 con tutti la concorrenza va più che bene.

  92. Sanfrank ha detto:

    Gianlupooh, nel post di domani anche un’ampia gallery fotografica, visto che oggi ho lasciato lo splendido pezzo di Lucariello.
    Peraltro domani dovrò clonarmi per seguire anche I misteri di Laura 😯

  93. GIANLUPOOH #TEAMRAI ha detto:

    Bravo Sanfrank che mi hai preceduto.

  94. Sanfrank ha detto:

    Ascoltate anche il pezzo di Lucariello, ascoltando per bene le parole, belle e toccanti

  95. Sanfrank ha detto:

    Aggiungo rispetto al post che Sotto copertura è una storia di speranza, fatta da chi ama la sua terra e vorrebbe che diventasse finalmente come la sognavamo da bambini.

  96. Sanfrank ha detto:

    Mi raccomando leggete tutto che poi Quaglia interroga!!!

    E stasera tutti su RaiUno (Cit.)