Crea sito

PIERO CHIAMBRETTI: TIKI TAKA È UN SUCCESSO. I MIEI PROGRAMMI SONO UN BRAND COME ARMANI

Piero Chiambretti, il padrone di casa di Tiki Taka, fa il bilancio della stagione del talk calcistico di Italia 1 e parla dei nuovi progetti. C’è il grazie a Pier Silvio Berlusconi che l’ha voluto fortemente a Mediaset e risponde a chi dice che fa sempre lo stesso programma. Ecco la sintesi delle sue dichiarazioni rilasciate al settimanale Chi.

Il successo di Tiki Taka 

“Un programma di successo, il più visto della seconda serata del lunedì con uno share che oscilla tra il 7% e l’8%. Una scommessa vinta che va divisa al 50% con Pier Silvio Berlusconi: è stato lui, la scorsa estate, a chiamarmi per propormelo. Voglio ringraziare la direzione generale dell’informazione che ha creduto in me, la redazione sportiva di Mediaset per la stretta collaborazione e il mio gruppo di lavoro storico. Un programma che mi piacerebbe fare anche la prossima stagione”.

Chiambretti è un brand

“I miei programmi sono un brand, come dice il mio amico Mario Baldassarri: Accendi e non c’è mai un cretino. L’identità è importante perché, se sfogli un giornale e vedi una foto di LaChapelle, la riconosci, così come riconosci un quadro di Caravaggio o un vestito di Armani: cambiano elementi e curve, ma la forza espressiva dell’autore è sempre quella”.

Tutti i programmi sembrano uguali?

“Chi dice che faccio sempre lo stesso programma mi fa un complimento. Ripercorrendo la mia carriera in un libro per sto scrivendo per Mondadori ho calcolato di aver ideato 28 programmi diversi con una denominazione comune, che sono io, ma che spaziano fra tutti gli argomenti: politica, costume, giornalismo, viaggi, calcio”.

La Repubblica dei Bambini

“Il programma che vorrei fare è La Repubblica dei Bambini, con i piccoli che insegnano agli adulti a diventare grandi”.