Crea sito

PREMIÈRE TELEFILM: LA TRAVOLGENTE STORIA DI #CHIAMATEMIANNA DA OGGI SU RAI2 IN PRIMA VISIONE IN CHIARO

CHIAMATEMI ANNA | RAI2

Per i nostalgici degli anni ottanta, parte oggi alle 15:15 su Rai2 la serie tv in prima visione in chiaroChiamatemi Anna“, che è un vero e proprio tuffo nel passato. Prodotta da Netflix , la serie trasforma infatti i disegni del popolare cartoon Nippon Animation in volti vivi. Basata sul romanzo “Anna dai capelli rossi” di Lucy Maud Montgomery, la serie racconta di Anna (Amybeth McNulty), orfana, cresciuta come serva in varie famiglie, e infine affidata a un orfanotrofio, che la invia per sbaglio nella casa di Marilla (Geraldine James) e Matthew Cuthbert (R. H. Thomson).

I due fratelli single – in passato avremmo detto zitelli – avevano invece richiesto un maschio. Nonostante l’equivoco, Mattew è fin da subito conquistato dalla piccola Anna, mentre Marilla, fredda e austera, impiegherà più tempo a farsi coinvolgere dalla fantasiosa ed esuberante personalità di Anna, senza riuscire a resistere al suo fascino innocente. Fedele alla trama originale, la serie ci mostra il progressivo inserimento di Anna e della nuova famiglia nella contraddittoria società di Avonlea, sullo sfondo di meravigliosi scorci naturalistici catturati da una sapiente fotografia.

I temi sono quelli cari alla narrativa di fine ottocento: gli orfani e le loro tristi avventure, inserite nella cornice di una società di provincia. La serie aggiunge del suo: un approfondimento particolare sui singoli personaggi, grazie a continui flashback che si inseriscono armoniosamente nella trama, senza spezzare la continuità dell’episodio. Pregevole la delicatezza della ricostruzione culturale, che incornicia gli eventi rendendosi nascostamente determinante: la diffusione del femminismo, l’importanza del matrimonio, il rifiuto a priori dell’orfano. Una società disegnata con pennellate chiare e definite: un mondo che si affaccia al ventesimo secolo.

Un cast che tiene brillantemente in alto il livello della serie, indipendentemente dal fatto che si tratti di personaggi primari o secondari. La migliore performance è quella di Geraldine James (Marilla Cuthbert), capace di una gamma espressiva straordinaria, sa risultare sorprendentemente toccante, credibile e reale nel suo ruolo di austera ‘zitella’, permettendoci di intravedere scorci di umanità: una resa che ci dà l’impressione di penetrare nella sua sfera più privata. Una serie lontanissima dall’essere destinata a un target di soli adolescenti; intrecciando i temi attuali del bullismo e della mancata accettazione del sé con quelli ormai lontani dalla nostra civiltà occidentale come la visione strumentale dei bambini e lo sfruttamento minorile, “Chiamatemi Anna” si presenta come un prodotto adatto a qualsiasi età.

Chiamatemi Anna” (Anne, intitolato Anne with an “E” su Netflix) è una serie televisiva canadese di 27 episodi e 3 stagioni trasmessa dal 19 marzo 2017 su CBC Television in Canada. È disponibile su Netflix dal 12 maggio 2017, Poco dopo l’uscita della terza stagione su Netflix, CBC e Netflix annunciano che la serie è cancellata.

Grazie a https://www.anonimacinefili.it/.

5 Risposte

  1. Veu ha detto:

    Grazie mille per l’informazione.

  2. Markos ha detto:

    Disponibile su Rai Play

  3. LordMassi ha detto:

    È molto bella fatta veramente bene

  4. Veu ha detto:

    sembra una serie carina! Anna dai capelli rossi un cult alla pari di Heidi.

  5. LordMassi ha detto:

    Bellissima recensione di Markos che ha colto. Magistralmente tutti i punti focali della serie, descrivendone perfettamente anche lo spirito. Consiglio vivamente a tutti la visione di questo piccolo gioiellino della serialità la cui chiusura ha destato non poche polemiche visto il successo. Per una volta però possiamo anche dire che la conclusione della storia è stata assolutamente degna e non lascia l’amaro in bocca.