Crea sito

RECORD STORICO PER IL CAPODANNO DI RAI1. IL DIRETTORE COLETTA: “IL RICONOSCIMENTO A UN LAVORO APPASSIONATO E RIGOROSO DI TUTTA LA RAI”

La Rai si supera e registra con “L’Anno che verrà” di Amadeus, il tradizionale veglione di Capodanno in onda su Rai1, il miglior risultato dal 2003, l’anno in cui è nato questo appuntamento speciale per chiudere e iniziare l’anno.

Nel dettaglio sono stati 8.152.000 i telespettatori che hanno passato la fine del 2020 sintonizzati su Rai1 con uno share medio del 33,95%. Picco a mezzanotte di 14 milioni con il 55%. Oltre 1 italiano su 2 era su Rai1.

Il riconoscimento a un lavoro appassionato e rigoroso di tutta la Rai che ha messo in campo le sue migliori professionalità in tutti gli ambiti per realizzare il migliore degli show possibili cercando di intercettare, in un momento complesso come quello che stiamo attraversando a causa del Covid-19, lo stato d’animo del Paese e il gusto della platea con un intrattenimento elegante e rassicurante.

Dopo tanti anni lo spettacolo di fine anno è tornato all’interno di uno studio televisivo della Rai volendo consegnare agli italiani, obbligati a restare in casa, un messaggio di speranza e ripartenza ispirati ai criteri qualitativi del servizio pubblico radiotelevisivo.

Queste le parole di Stefano Coletta, direttore di Rai1, che coglie l’occasione per un bilancio del 2020 dell’ammiraglia Rai, la rete più seguita dal pubblico, il punto di riferimento degli italiani.

Per Rai1 si chiude un anno positivo che vede la rete ammiraglia leader negli ascolti e in crescita rispetto al 2019 sia in prime time che nell’intera giornata. Ed è importante sottolineare che a crescere di più rispetto allo scorso anno è il target dei giovani tra i 15 e i 24 anni.