RITA DALLA CHIESA: SONO FELICE DI FARE L’OPINIONISTA. L’AMICIZIA IN TV? NON ESISTE (ESCLUSIVA)

Rita dalla Chiesa

ESCLUSIVA – Dal no (per ora) al Grande Fratello Vip all’uscita forzata da Forum, dal ricordo di Fabrizio Frizzi allo sfogo sul mondo dello spettacolo dove l’amicizia non esiste, fino al nuovo ruolo da opinionista tv. Rita Dalla Chiesa si racconta senza filtri a BubinoBlog. Ecco l’intervista realizzata dal nostro Luca Germanò.

Da qualche anno hai il piacere di ricoprire il ruolo di opinionista in svariati programmi televisivi. Com’è stato l’approccio a questo nuovo ruolo professionale? Hai sempre potuto dire la tua liberamente?

“Sì, faccio l’opinionista in varie trasmissioni, magari con il rischio di diventare una “prezzemolina” e ogni volta che mi presentano penso sempre che qualcuno a casa possa dire “Ancora questa?”. Ormai il mio lavoro è questo, mi piace e tra l’altro non ho la responsabilità dei dati d’ascolto anche se li vado a guardare perché faccio sempre il tifo per la trasmissione dove intervengo come opinionista. Faccio sempre squadra e mi sento parte dei programmi dove vado ospite.

Mi chiamano per dare la mia opinione su qualche argomento e forse questa è la cosa bella che mi riconosco: non vado mai con l’aria di dire “Vabbè, sono qua!” come vedo fare tante persone e non ho manie di protagonismo. Ho sempre fatto televisione. Essere opinionista è una continuazione del mio lavoro.

In merito alla libertà, nessuno mi ha mai detto quello che devo o non devo dire, e non si azzardavano neanche a Forum e chi ci ha provato a Forum si è ritrovato con delle litigate e ferite profonde (ride, ndr). Non lo permetto a nessuno, il pensiero è mio e se sono in trasmissione lo dico. Ho incontrato sempre persone intelligenti, ho lavorato per un grande editore intelligente come era Berlusconi che non si è mai permesso di intervenire su quello che i giornalisti avrebbero potuto o dovuto dire.

Viva l’opinionista e il lavoro dell’opinionista che mi permette comunque di essere in televisione, di continuare ad avere il mio contatto con la gente e non cambio mai opinione. Ripeto, sto lavorando con persone perbene che non si permetterebbero mai di dirmi cosa devo o non devo dire davanti alle telecamere”.

Nel 2013 hai lasciato la conduzione dì forum, su questo addio se ne sono dette tante, ci potresti dire come andarono realmente le cose? Ad oggi rifaresti quella scelta? Se un giorno Mediaset ti dovesse riproporre la conduzione del programma accetteresti?

“Io l’ho detto e l’ho scritto anche nel mio libro e in tutte le interviste il motivo per cui è successo quello che è successo. Non è che io una mattina mi sono svegliata e ho deciso di lasciare Forum col successo che aveva in quel periodo e la notorietà di una trasmissione che aveva e ha ancora oggi. Il pubblico non si stancherà di Forum perché litigare è quello che facciamo tutti i giorni con chiunque. Del litigio purtroppo non si stancherà mai nessuno, soprattutto quelli degli altri perché ci piace vedere le liti dal buco della serratura.

Un pomeriggio mi era stato detto che Forum si sarebbe interrotto a novembre perché il mezzogiorno in quel momento serviva a qualcun altro. Non ho mai capito a chi dovesse servire mezzogiorno in quel periodo. So che io ero scesa a fare delle telepromozioni dopo che avevo lavorato per tutta la giornata con gli autori alla nuova edizione di Forum. Era estate, sono risalita su in produzione e la produttrice mi comunica la chiusura del programma a novembre.

Ci sono rimasta molto male sia per il mio rapporto fortissimo umano e professionale che avevo con Mediaset e se il mezzogiorno in quel periodo serviva ad altri forse avrei dovuto saperlo io per prima. C’è stato un misunderstanding e io che agisco d’istinto e di pancia ho detto “Va bene, se è così io me ne vado”.

Da qui poi è nata la proposta di Cairo per La7, la bellissima proposta è che poi non è più andata avanti. Non me la sono sentita di fare una trasmissione che potesse somigliare vagamente a Forum che in quel momento stavo lasciando. Quindi si sono dette tante cose in quel periodo, tante cose non vere.

Ribadisco che non sono stata io a lasciare Forum perché non sono una pazza e non mi sarebbe mai venuto in mente. Se mi chiedessero di tornare a condurre Forum, posso solo rispondere che è stata la mia trasmissione del cuore, ma ormai è di Barbara Palombelli ed è giusto che non io non ci pensi neanche più e basta. Quando un marito si risposa, è inutile chiedere “Ma tu lo risposeresti?”. Magari puoi dire che ha  avuto dei bellissimi ricordi con lui, ma ormai è di un’altra un’altra persona, appartiene a un’altra vita e io non ho nessuna intenzione di di ripensarci”.

Nell’estate del 2015 sei ritornata alla conduzione su Rai1 con La Posta del Cuore, contenitore che hai avuto il piacere di condurre con il compianto Fabrizio Frizzi. Com’è nato il programma e quali ricordi ti porti dietro?

“Ero andata a mettere a posto la mia casetta di Mondello e mi è arrivata la telefonata. Ricordo che ero al mare in mezzo delle di pescatori. Mi è arrivata una telefonata dalla produzione della Posta del Cuore in cui mi si chiedeva se volessi fare questa trasmissione insieme a Fabrizio Frizzi. La prima mia domanda è stata “Ma Fabrizio lo sa?” e loro mi hanno risposto, era Barbara Boncompagni al telefono, “Guarda che è stato proprio Fabrizio a fare il tuo nome”. Ho lasciato Mondello e sono tornata a Roma.

Ho parlato prima con Fabrizio che mi ha detto: “Guarda che ho dato io il tuo nome perché sono felicissimo di fare questa trasmissione insieme a te”. Gli ho anche chiesto: “Ma Carlotta lo sa?” e lui mi ha risposto: “Carlotta non trova niente da ridire visto i rapporti che ci sono tra me e te”. Abbiamo così cominciato a lavorarci sopra. Però siamo andati in onda praticamente dopo 15 giorni da questa da questa nostra chiacchierata, non abbiamo neanche avuto il tempo di costruircela addosso la trasmissione.

Era una trasmissione molto carina, soprattutto il momento in cui Fabrizio e io dialogavamo fra di noi, eravamo lui e io come eravamo sempre stati, con le battute, le piccole ripicche e i ricordi di cui parlavamo ma che sapevamo soltanto noi due. C’era tanto di nostro in quelle battute che ci facevamo ed era molto divertente. Il pubblico gradiva moltissimo questo nostro modo di stare insieme.

Nessuno si è posto il problema in quel momento del fatto perché io e Fabrizio facevamo una trasmissione insieme perché avevamo lavorato tanto insieme, quindi sembrava anche quasi normale che lui e io stessimo alla Posta del Cuore. Certo ogni tanto lo guardavo e pensavo che era quasi come se non fosse cambiato niente fra di noi. Invece a fine trasmissione: “Ciao ciao”. Ecco mi è rimasto quel ciao ciao, un po’ di nostalgia e malinconia, soprattutto oggi che non c’è più”.

A proposito di Fabrizio Frizzi, quando ti capita di ricordarlo pubblicamente a posteriori le critiche o meglio le cattiverie delle persone non vengono a mancare. Cosa provi e cosa vorresti dire a chi ti critica?

“Nessuno aveva mai trovato niente da ridire quando conducevamo insieme la Posta del Cuore. Quando poi è mancato Fabrizio, invece ci sono state moltissime persone che non hanno accettato il fatto che anche io lo potessi ricordare. Mi dicono se non mi vergogno a parlare di Fabrizio adesso che c’è un’altra moglie, c’è Carlotta, c’è una bambina. Se io ne parlavo è perché io sapevo di poterne parlare perché avevo un rapporto tale he sapevo che niente di quello che dicevo di Fabrizio avrebbe potuta offendere Carlotta e niente l’avrebbe potuta toccare perché, come ci siamo sempre dette, lei e io abbiamo conosciuto Fabrizio in due fasi diverse della della sua vita.

Era come se Fabrizio avesse avuto due vite. Parlavo della mia vita con lui, una vita bella. Una vita ricca di ricordi stupendi, di tanto lavoro fatto insieme e quando mi hanno scritto “Vergognati”” mi hanno colpito e mi hanno fatto del male. Ogni volta che parlo di Fabrizio devo stare attenta, ma anche se la domanda mi viene fatta da qualcun altro che magari in un’intervista mi chiede qualcosa su Fabrizio e io rispondo immediatamente arriva sui social l’eco. “Eccola! Questa perché deve continuare a parlare di Frizzi?”.

Credo che dovrebbero aprire loro armadi queste persone e guardare quello che c’è nei loro armadi e lasciar perdere le persone perbene e i rapporti belli come quelli che sono stati quelli tra me e Fabrizio e come quello che c’è oggi fra me e Carlotta. Quando si ama tanto una persona si ha il diritto oltre che il dovere di ricordarlo. Non si butta via un amore perché significherebbe buttare via una parte della tua esistenza e io non mi permetterei mai di buttare via una virgola di quello che ho vissuto con Fabrizio. Se me lo chiedono io rispondo e non è vero che ho le spalle larghe. Mi fanno male quando mi dicono alcune cose, però so che Fabrizio sorride, so che Carlotta sorride. Per me tutto questo va bene, credo se va bene a loro posso andare bene anche altri, no?”.

La scorsa estate è circolato in rete il tuo nome come ipotetico concorrente del Grande Fratello Vip, confermi la notizia? Se sì, cosa ti ha spinto ha rifiutare tale proposta? Confermi che anni fa ti fu proposto di andare all’Isola dei Famosi?

“Partiamo dall’Isola dei Famosi. Sì, mi era stato proposto nel 2016 quando nel cast c’era anche Simona Ventura. Mi ricordo che mi telefonarono mentre ero a spasso con Pedro, l’ho guardato e ho detto: “No amore, non ti lascio”. E non volevo lasciare casa mia, non volevo lasciare i miei cani, ma soprattutto i reality preferisco guardarli che farli. Non me la sarei sentita di andare così lontano da casa lasciando alle spalle il mio mondo e tutte le persone che in quel momento potevano avere bisogno di me.

Lo stesso quando l’anno scorso mi chiamò Signorini per il Grande Fratello Vip. Sarei dovuta entrare dopo che se n’era andata la contessa Patrizia De Blanck. Lui fu molto carino quella sera, poi Signorini e io siamo molto amici, gli voglio tanto tanto bene e gli sono grata per tantissime cose. Mi ha aiutato durante il periodo della separazione da Fabrizio e sapeva che sarebbero uscite delle copertine che mi avrebbero fatto del male e lui cercava sempre di limitarmi questo male.

Mi ricordo che Alfonso venne anche due volte da Milano a Roma per stare con me, quindi sono cose che non ti dimentichi ed è per questo che per lui l’affetto non finirà mai. Devo dire che quando mi ha chiamato quella sera per propormi di entrare al Grande Fratello mia figlia stava attraversando un momento molto duro e difficile. Aveva perso il marito e io volevo volevo stare vicina a lei e a mio nipote e poi avevo un altro grande dolore in famiglia. Non avrei potuto stare senza sentire mio fratello anche in piena notte per sapere come stava mia cognata.

Quella proposta è arrivata in un momento molto difficile della mia vita e anche per questo gli ho detto no perché forse il Grande Fratello avrei potuto farlo. Alla fine una signora di una certa età può avere una propria camera e mantenere alcune abitudini ma soprattutto il GF Vip ti permette di avere un contatto con i giovani della casa, le chiacchiere, la scoperta di altri mondi. Un po’ come sta facendo Katia Ricciarelli. Forse l’avrei potuto fare però, ripeto, era un momento difficile della mia vita e ho dovuto lasciar perdere e dire di no”.

Ti abbiamo vista a Domenica In nel talk su Ballando. Ti piacerebbe scendere in pista? Con Milly Carlucci e la produzione ci sono mai stati contatti?

“Forse mi piacerebbe fare Ballando con le Stelle, è una trasmissione che seguo. Mi piace molto, mi diverte, mi piace la dinamica che si crea tra chi balla e la giuria. Mi piace ballare, a volte ballo anche da sola in camera mia, sento una canzone e parto in quarta perché mi piace la musica e il ballo. Non credo però che sarei in grado di andare a ballare davanti all’Italia. Mi vergognerei moltissimo credo e comunque Milly Carlucci non me l’ha mai proposto”.

Amadeus ha svelato i Big di Sanremo 2022. Sulla carta hai già dei preferiti?

“Amadeus è un grande! Ha fatto veramente un bellissimo lavoro. I suoi Festival mi piacciono da morire, sono venuti fuori cantanti e successi ma tanti, proprio tanti. Ho i miei preferiti però non lo posso dire perché prima intanto devo ascoltare le canzoni. Amo molto la musica, i cantanti sono importanti ma per me è importante anche la canzone. Magari la canzone di un cantante meno noto mi può piacere più di quella di un cantante notissimo. Stupenda la scelta di vedere sul palco Iva Zanicchi, Massimo Ranieri e Gianni Morandi che si rimettono in gioco. Solo Amadeus ci poteva riuscire e devo dire chapeau a questi cantanti che tornano al Festival come cantanti in gara e non come ospiti”.

Torneresti alla conduzione? Se sì, in quale programma ti vedresti bene?

“Forse sì, se mi proponessero la conduzione di una trasmissione piccolina, di nicchia, in orari per esempio come Il Caffè di Raiuno con Pino Strabioli che io adoro. Magari una trasmissione di sentimenti: il sentimento per un viaggio, un luogo, un libro, una canzone. Una cosa piccolina”.

Esiste davvero l’amicizia nel mondo dello spettacolo?

“Dopo averci creduto per un vita, oggi ti dico che no, non esiste. Si sprecano le parole “amore”, amo”, “amica per sempre”, “noi siamo una famiglia” senza che qualcuno ti chieda mai come stai. Ma come stai davvero. Ho difeso sui social tante mie colleghe attaccate giustamente o ingiustamente, per trasmissioni chiuse o per attacchi gratuiti. Nessuna, dico nessuna, che abbia mai fatto una telefonata per dire un grazie (mentre gli altri latitavano per non esporsi politicamente), o per difendere me quando ero io a venire attaccata. Mi ha stufato tutto questo falso baraccone fatto di falsi sentimenti. Ma, d’altra parte, non ho più una mia trasmissione. Sono diventata una semplice opinionista. Niente che meriti il famoso “come stai”. Per fortuna che fuori dal baraccone ci sono gli amici veri”.

RITA DALLA CHIESA – IL VIDEO SALUTO A BUBINOBLOG