Crea sito

ROAD TO EUROVISION 2018: AZERBAIGIAN, IRLANDA, ISLANDA, ISRAELE

Continua come ogni lunedì e giovedì il tour che vi porta alla scoperta delle canzoni in gara all’Eurovision Song Contest 2018, che si terrà i primi di maggio in una magnifica Lisbona, in Portogallo! Voi utenti di BubinoBlog avrete il potere di eleggere la Canzone Regina, designata come favorita del blog alla vittoria del concorso canoro europeo.

43 Paesi sono stati divisi in 10 Gruppi, e da queste sfide settimanali verrà composta la Gara Finale delle 10 migliori Nazioni. La canzone che nel proprio gruppo avrà raggiunto il maggior numero di 12 punti, dato dalla somma tra i voti che darete voi utenti nel sondaggio e quelli fuori casa attributi dalla giuria internazionale di ESCUnited, accede alla Finale.

Oggi vi aspetta un tour che affronta i gusti musicali da nord a sud e da ovest ad est: si parte da Baku, ovvero dall’Azerbaigian, per poi andare verso terre più fredde come l’Irlanda e l’Islanda, e terminare a meridione con Israele.

Testo della canzone | Spotify
Quella dell’Azerbaigian è la classica produzione pop che non ha niente di particolarmente esaltante da offrire, scelta oltretutto internamente. A interpretare la canzone “X my heart”, scritta dal compositore greco Dimitris Kontopoulos, è la 28enne Aisel. La qualificazione sembra comunque certa in una Semifinale 1 che riserva molte belle canzoni. Il Paese ha vinto nel 2011.


Testo della canzone
Altra scelta interna quella dell’Irlanda che ormai opera una selezione con dei gusti musicali decisamente discutibili, forse per non correre il minimo rischio di tornare a ospitare l’Eurovision per numerose volte di seguito. Ryan O’Shaughnessy è il cantante classe 1992 che salirà sul palco dell’Altice Arena e che da piccolo ha avuto addirittura un’esperienza televisiva all’interno di una soap opera prodotta dalla Tv pubblica irlandese, mentre lo zio ha rappresentato il Paese all’ESC nel 2001. Il brano si intitola “Together” e compete nella Semifinale 1. Il più recente miglior risultato dell’Irlanda (8° posto) è del 2011 e manca la finale dal 2014.


Testo della canzone
Sono molti gli addetti ai lavori rimasti senza parole quando è stata annunciata la vittoria di Ari Ólafsson con la sua canzone “Our choice”, tanto da tirare in ballo errori nel conteggio dei voti da parte della compagnia telefonica. E non a torto, visto che il brano risulta lento, insipido e nemmeno eccezionale dal punto di vista vocale. Le indagini hanno messo in chiaro che le procedure si sono svolte in maniera regolare e dunque il pubblico islandese ha ritenuto che fosse la miglior proposta del festival. Il più piccolo Paese nordico, che finora non ha mai vinto, probabilmente non si qualificherà alla finale nemmeno quest’anno, vista anche la collocazione nella Semifinale 1.


Testo della canzone
Fan eurovisivi in brodo di giuggiole, scommettitori incalliti al primo ascolto, visualizzazioni record e persino letture di costellazioni e pianeti alla Paolo Fox che la vedrebbero vincitrice. Netta Barzilai con la sua “Toy” è al centro di tutti i riflettori per le sonorità innovative, la carica eccentrica dell’artista e il testo che ammicca al movimento #metoo contro i soprusi verso le donne. Ci sono tutti gli ingredienti per portarsi a casa il trofeo dell’Eurovision, ma l’hype dovrà tenere duro e superare molte prove per non fare la fine di Francesco Gabbani, entrato Papa e uscito cardinale, come si suol dire in questi casi. Netta sarà anche lei nella prima semifinale, ma la qualificazione non dovrebbe essere un problema. L’ultima vittoria di Israele è del 1998.


A voi il voto e la parola nei commenti! C’è tempo fino alle ore 9:00 di giovedì 5 aprile per esprimere le proprie preferenze. I risultati saranno resi noti all’interno del post dedicato al Gruppo 6.

Classifica finale del Gruppo 4, dove vince il Belgio in una lotta a denti stretti ma sempre da primatista:

Nazione Voti 12 di Bubino Voti 12 di ESCUnited Totale punti 12
Austria 9 44 53
Belgio 13 73 86
Paesi Bassi 6 61 67
Svizzera 5 16 21