Crea sito

SANREMO 2022: MILLY CARLUCCI E GERRY SCOTTI ALLA CONDUZIONE? ECCO I NOMI PIÙ RICHIESTI

Con l’ufficialità che non ci sarà l’Amadeus Ter, per decisione del conduttore, si aprono i giochi per l’organizzazione e la conduzione del Festival di Sanremo 2022. Le ipotesi sono tante ma due nomi spiccano su tutti. Parliamo di Milly Carlucci e Gerry Scotti.

Nelle intenzioni doveva essere questo il Festival della rinascita e della ripartenza. E invece è stato il Sanremo del Covid, organizzato in una situazione senza precedenti nella storia. Protocolli, niente pubblico, pochi ospiti, budget falcidiati, poca aria di evento.

Toccherà alla 72° edizione del Festival della Canzone Italiana festeggiare, ce lo auguriamo tutti, il ritorno alla normalità. Senza mascherine, senza tamponi, senza distanziamento e tutti vaccinati. Perché non trasformare questo Festival nella festa della tv?

Non è una novità il “prestare” alla Rai volti della concorrenza, Mediaset in particolare, per la conduzione di Sanremo. Per decenni è successo ai Telegatti con una coppia formata da uno dei volti simbolo di Canale 5 e uno dei volti per eccellenza di Rai1. Ecco l’idea.

Nei social i loro nomi ricorrono e l’accoppiata sarebbe emblematica. Milly Carlucci ha affiancato Pippo Baudo nel Festival del 1992 mentre Gerry Scotti non è mai stato a Sanremo. Una super coppia, magari affiancata da un emergente, per il Sanremo di un nuovo inizio.

Agli inizi della carriera, Milly Carlucci e Gerry Scotti condussero su Canale 5 lo show musicale “Azzurro”. Correva l’estate del 1989. Per quanto riguarda i Telegatti, la regina di Ballando e del Cantante mascherato ha presentato ben cinque edizioni, Scotti due.

Il coronamento di due carriere straordinarie con protagonisti due volti, Milly Carlucci per la Rai e Gerry Scotti per Mediaset, che hanno incarnato e tuttora incarnano l’anima, lo spirito e l’essenza della televisione pubblica e privata in Italia. Chi meglio di loro?