Crea sito

SARÀ SANREMO: IL SANREMO CHE SARÀ

A cura di Sante Longo – Prima di parlare delle scelte relative a chi dovrà calcare quel palco, prima di verificare i rumors e le liste diffuse pochi giorni prima dell’ufficializzazione, che comunque non si sono rivelate essere corrette pienamnete, anche se molti i nomi centrati, fermiamoci su quello che abbiamo visto ieri sera.

In effetti questo è un blog di cultura televisiva, per quanto si spazi in vari settori, ma fermiamoci su quello per un attimo, soffermiamoci a guardare quello che Carlo Conti ha costruito per il “Sanremo di fine autunno”.

È chiaro già da subito che tutto è stato costruito secondo le sue esigenze! In molti ieri, durante il live, abbiamo notato come si sentisse a casa, come fosse più rilassato, come tutto fosse migliore rispetto allo scorso anno, anche se mentre scrivo non sono ancora uscite le curve.

Ed in effetti è stato così. Carlo si è bastato.

Non aveva bisogno di fronzoli o rubaspazio. Era addirittura infastidito dal fatto che i giurati, a cui evidentemente aveva dato un tempo limite risicatissimo, si prendessero più spazio.
Tutto era a suo servizio: la regia e la scenografia assente, anche se non per demerito (probabilmnete una scelta per risicare all’osso tutto ciò che non serviva, perché protagonisti erano i giovani, più ancora della lista dei 22, anche se all’apparenza sembrava lei la vera essenza della serata.

Ma per me non è stato così. L’ha usata per riempire gli spazi vuoti, quelli che avrebbe riempito con vallette inutili o ospiti utili ancor meno, e lo ha dimostrato.

Tutto era al suo servizio, dicevo, anche la squadra infinita di giornalisti delle varie testate che erano lì a improvvisare una sorta di conferenza stampa, altro riempitivo, in attesa che le classifiche dei 5 giurati fossero pronte ed elaborate.

Una scenografia scarna, però tutta al servizio della semplicità. Un ritmo senza vuoti, riempiti con maestria da chi non ha bisogno di nulla per dimostrare che sa dare la sua impronta ai programmi che conduce, anche seolo perché ne è autore prima di tutto.

Unica pecca, in una situazione così delicata, l’assenza del televoto, che avrebbe potuto bilanciare, anche se in minima parte, le scelte delle giurie, un po’ troppo oligarchiche.

Passiamo dunque alla gara dei giovani, prima di parlare dei 22 campioni che vedremo a febbraio.

4 blocchi, forse non proprio ben omologati, ma probabilmnete anche per smorzare le voci, diffuse anche durante il live di ieri, che fosse troppo presente amici.

https://pbs.twimg.com/media/Czg1M5bXgAIZ7fw.jpg

CAROLA CAMPAGNA – “Prima che arrivi il giorno”. Non è una sconosciuta, non per il pubblico televisivo. Nel 2015 ha partecipato a The Voice of Italy nel team di J-Ax dove ha conquistato il terzo posto della classifica finale e ha partecipato alla colonna sonora di un film Disney. Troppo classica e melodica, seppur nel tentativo di rendersi più attuale. Io l’avevo bocciata da subito. Voto 5.5

MARIANNE MIRAGE – “Le canzoni fanno male”. È in quota Sugar e ha già avuto buone occasioni per farsi conoscere dal pubblico, come ad esempio la partecipazione tra i concorrenti nella sezione emergenti del Coca Cola Summer Festival. Una canzone ibrida, con richiami al passato, un bel ritmo e le davvero brava. Voto 7

MALDESTRO – “Canzone per Federica”. Non è nuovo alle vittorie, avendo vinto quasi tutti i premi per i cantautori (premio Ciampi, premio De Andrè) ed essendo stato selezionato per il primo maggio romano. Già da quando ha attaccato col brano io sono stato conquistato. Ha una voce perfetta per questo genere di ballate. Voto 8+

CHIARA GRISPO – “Niente è impossibile”. Un percorso lento, ma sono sicuro che ce la farà. Prima fu scartata da X-factor, poi ad Amici si è ritagliata un buona parte di quella che sarà la sua carriera ed è riuscita anche a tenere un grande palco, aprendo i concerti dei Modà. Una grande scommessa anche per una delle radio più importanti d’Italia (RTL), con una canzone scritta da Federico Zampaglione. Tutto sembra costruito per farle avere successo, ma il brano, rispetto agli altri, non era nulla di che. Un elettropop leggero leggero, mal supportato da una vocina leggera leggera pure lei. Voto 6-

LA RUA – “Tutta la vita questa vita”. Anche loro provenienti da Amici, sono stati una vera rivelazione, con attime qualità. Portano uno strano folk, molto rivolto al pop, e ben costruito. Una bellissima esibizione, una bellissima novità, non gradita da Massimo Ranieri che per motivare la scelta ha detto che le piaceva che Chiara mettesse i guanti da allenamento. Mah. Voto 8

LELE – “Ora mai”. Finalista anche lui ad Amici, ha saputo ritagliarsi un suo spazio, anche con la relazione con Elodie, tra i Big. Sembra già maturo, sia per la voce, differente rispetto a quando era nel talent, con riferimenti autorali importanti. Voto 7=

LEONARDO LAMACCHIA – “Ciò che resta”. Ha deciso di abbandonare il suo nome d’arte (Leo Stain) e porta una ballata classica, ma costruita in maniera molto moderna. Un bel pezzo. Voto 8

THE SHALALALAS – “Difficile”. Si sono esibiti al festival di primavera di Barcellona, sono rientrati tra i brani della colonna sonora de “L’Allieva”, il brano non è brutto, lei ha una bella voce, ma qualcosa non va. Voto 6

VALERIA – “La vita è un’illusione”. Proveniente anche lei da Amici, anche se non recentemente, ha già provato lo scorso anno, con un pessimo risultato. Ci riprova da sola con un brano più simile a lei, ma a parte essere orecchiabile, non regala nulla. Voto 6.5

APRILE E MANGIARACINA – “Il cielo di Napoli”. Silvia Aprile, dopo la prima edizione di X-Factor è stata a Sanremo nel 2009, spinta da Pino Daniele, la Mangiaracina è ottima pianista, ha lavorato anche con Bosso , ma insieme potrebbero dare molto di più di un brano già vecchio, mellifluo, che non è alla loro altezza. Voto 5.5

TOMMASO PINI – “Cose che danno ansia”. Una delle più belle scoperte di The Voice, anche se non ha avuto successo, un brano ironico, azzecatissimo il mix tra voce, interpretazione e testo. Voto 7.5

FRANCESCO GUASTI – “Universo”. Anche lui ex di The Voice, era tra i primi 8 anche lo scorso anno. Ma questa volta il brano è decisamente migliore, tra i migliori presentati su quel palco ieri. Voto 8

In pratica tanto talent, ma smarcato.

Passiamo invece ai big. Anche se dirò poco, sperando in un dibattito più acceso nei commenti.

Al Bano, Di Rose e di Spine; lui è stato un grandissimo, ed era giusto che potesse festeggiare il suo 50° anno di carriera sul palco a cui è più legato. Però non è più quello di una volta. Molto retorico, non usa più i suoi eccelsi mezzi vocali per bene, anzi, a volte lancia acuti inutili solo perché lo sa fare. Non mi aspetto molto. Voto 6 sulla fiducia.

Elodie, Tutta colpa mia; su di lei non vorrei esprimermi. Non mi è piaciuta ad Amici. Non la provavo particolarmente espressiva, non ho intravisto in lei le grandi qualità di interprete. La voce non è particolarmente riconoscibile. Anche se le scelte che sta facendo potrebbero portarla molto avanti. Nonostante le ritrosie iniziali, voto 7.

Paola Turci, Fatti bella per te; finalmente! Erano anni che la volevo nuovamnete su quel palco! Anche per lei 30 anni dal suo primo premio della critica, anche se esordì nel 1986. ha sempre portato ottimi brani, ha sempre meritato tanto, una volta è quasi riuscita a salire sul podio, ma era il 1998 e il regolamneto portava le nuove proposte a contendersi la vittoria e lei si ritrovò quarta dietro 2 giovani e la Ruggiero. Voto 9

Samuel, Vedrai; e che dire di lui? I Subsonica sono stati storia, e ancora la fanno! Lui ha introdotto internet al festival, con un diario di bordo nel 2000. da solo non so se riedsco ad immaginarlo, ma dato che lui era anche autore, con gli altri, dei brani del gruppo, spero non si discosti molto da quella produzione, così come spero non faccia la fine di Morgan. Voto 8.

Fiorella Mannoia, Che sia benedetta; 30 anni dalla sua canzone più significativa (uello che le donne non dicono). Quasi 40 anni di scelte azzecate, autori che la corteggiano, risultati ottimi, eleganza ed espressività. Una vera regina, anche se nata negli anni ’80. Voto 9

Nesli e Alice Paba, Do retta e te; io non amo particolarmente Nesli, né come autore, né come interprete, ma bisogna ammettere che sa il fatto suo. Alice Paba è decisamnete brava, ma credo che possa bruciarsi in questa situazione, se non si gioca bene le sue carte. Voto 6

Michele Bravi, Il diario degli errori; di lui si erano quasi perse le tracce musicalmente parlando. Un esordio col botto, prodotto da Tiziano Ferro, uno stuolo di ottimi autori che scrive per lui, disco d’oro. Poi l’oblio. Torna ad essere Youtubers, con centinaia di migliaia di followers. Ma resta un ottimo baby crooner. Voto 7

Fabrizio Moro, Portami Via; a 10 anni dalla sua vittoria con Pensa, torna a sanremo, come nome importante e autore ricercato. Voto 7.5

Giusy Ferreri, Fatalmente male; ottima scelta per Giusy. Terzo festival in 9 anni, dopo il rilancio ottenuto 2 anni fa, e che rilancio, è la volta buona anche per vederla in alto e magari anche all’ESC. In europa seppe farsi conoscere. Voto 8-

Gigi D’Alessio, La prima stella; tra i presenti è quello che mi piace meno, ma sa fare il suo mestiere. Voto 6

Raige e Giulia Luzi, Togliamo la voglia; mi posso astenere? Lui quota rapper, lei molto apprezzata nel Musical, protagonista con centinaia di replice sold out, poi riscoperta anche al Tale e Quale Show, ma non credo basti. Voto 5.5

Ron, L’ottava meraviglia; nel 2014 ha saputo scrollarsi un po’ di muffa di dosso. È uno degli autori più importanti della scena musicale italiana, già dagli anni 60, esplodendo nei 70. Voto 7.5

Ermal Meta, Vietato morire; ottimo autore, più per altri che per sé stesso. Ha scritto per la Mannoia in passato e viene da credere che per lui sia valsa la stessa regola che volle Mariella Nava tra i Big nel 1991. Renato Zero non ci sarebbe andata se non ci fosse stata anche lei. Però è bravo, e lo ha dimostrato in più occasioni. Voto 8

Michele Zarrillo, Mani nelle mani; sinceramnete a me non è mancato. A 40 anni dai suoi esordi con i Semiramis, torna a Sanremo, sperando non con una ballad monotona e mielosa con cui ci ha abituato. Anche se piacciono molto, a me no. Voto 6.5

Lodovica Comello, Il cielo non mi basta; non capisco perché! Ok, famosa lo è, ma boh.. io non mi esprimo. Voto alla scelta 3

Sergio Sylvestre, Con Te; lui bravissimo, dopo anni torna in gara un cantante di colore, che rappresenterà una novità a Sanremo. Arriva da Amici, dove ha vinto, ma non ha poi fatto faville. Voto 7.5

Clementino, Ragazzi Fuori; già presente l’anno scorso, non so quanto possa aggiungere al suo racconto a distanza di un anno. A me personalmente non piace. Voto 5

Alessio Bernabei, Nel mezzo di un applauso; 3 festival in 3 anni di carriera. Vuole giocarsi tutto lì. Però è un gran bel ragazzo. Voto 3

Chiara, Nessun posto è casa mia; lei è brava. Molto. Troppo. A Sanremo ha sempre dato qualcosa di buono. Voto 8

Francesco Gabbani, Occidentalis Karma; bravo, e me lo aspettavo. Se porta qualcosa nello stile che ci ha fatto conoscere, potrebbe ottenere buoni risultati. Voto 8

Bianca Atzei, Ora esisti solo tu; lei è interessante vocalmente, brava interpretativamente, ma non può ostinarsi a voler avere successo se da anni ormai non glielo fanno vedere nemmeno da lontano. Però mi aspetto qualcosa di buono. Voto 7

Marco Masini, Spostato di un secondo; Masini è un big, non ci sono dubbi. Nel 2015 ha dato dimostrazione di essersi reinventato. Ma non so quanto possa dare adesso. Voto 7.

I nomi che circolavano avevano un altro appeal: Renga, The Kolors, Baby K, Amara, Levante, Marco Carta, Fausto Leali, Renzo Rubino, Loredana Bertè, i Nomadi, Raphael Gualazzi. Li avrei visti volentieri al posto di chi c’è dentro.

31 Risposte

  1. Sante Longo ha detto:

    La Atzei è brava, come ho detto. Ma dopo la gelosia, scartata a Sanremo, ha provato con i Modà, tutti i duetti con lei non hanno avuto successo,ha lavorato in tv, provato Sanremo.. il pubblico la rifiuta, e anche se a me piace, potrebbe dedicarsi ad altri modi per sfruttare il suo talento.. magari fare la cantante solista non le si addice.

  2. Lordmassi ha detto:

    A me è dispiaciuto per rua bella canzone peccato, detto questo sante ma perché la atzei alla sua età dovrebbe arrendersi? Fosse scarsa lo capirei ma piaccia o meno ha talento su questo nnsi discute. Che poi aenza sfondare ha cmq i suoi numeri di tutto rispetto, ci sono cantanti che hanno fatto gavette infinite ptima di arrivare al successo, invogliamo il talento piuttosto che bloccarlo.

  3. giusyp ha detto:

    l’ articolo mi piace .Certe scelte di Conti No.

  4. giusyp ha detto:

    Io speravo ci fosse Marco Carta .Era presente in tutte le liste e stava registrando ,ci sono rimasta malissimo . 🙁 sono anni che lo scarta con belle canzoni , é evidente che bernabei ha spinte più forti dato che non è certo entrato con dei capolavori e dal vivo non ha fatto una bella figura .Eppure l ha preso di nuovo .Conti si comporta come se Sanremo fosse roba sua ,una sua trasmissione come tale e quale o i migliori anni , ma non è così. Il festival di Sanremo é il più importante festival della canzone italiana e appartiene a tutti , il pubblico bisogna rispettarlo .non è che scegli un cast e lo riproponi per tre anni ,con qualcuno da tale e quale ,qualche amico personale e qualcuno che chiami due o tre volte .Dovrebbero esserci le canzoni migliori .invece scarta cantanti molto amati e belle canzoni per riproporre gli stessi e ha una corsia preferenziale chi lavora con lui . Alcuni meritano assolutamente ma altri se li poteva veramente risparmiare . 🙁

  5. Beppe ha detto:

    Dei giovani a me sono piaciuti i La Rua (follemente eliminati ) e Tommaso, l’hipster di The Voice. Il resto abbastanza piatti, ma spero di ricredermi al secondo ascolto.

    Dei Big mi pare ovvio che i 5 a giocarsi la vittoria siano: Elodie, Sergio, Mannoia, Albano e Ferreri (che secondo me stavolta ha un pezzo bomba ). Le sorprese potrebbero essere Chiara e la Luzi.

    L’analisi sulla serata di ieri, da parte di Sante, assolutamente corretta.

  6. zeus ha detto:

    Complimenti a Sante!!

    Il cast per me è buono poi si devono sentire i brani per giudicare,io tifo per Ferreri e Chiara ,ma lo dico già da adesso vincerà sicuro la Mannoia vedrete.

    Tra i giovani mi è dispiaciuto per Valeria il brano era bello,la mia preferita resta MARIANNE MIRAGE .

  7. dadaumpa ha detto:

    Per il cast dei Big un bel mix, ma certi…chi li conosce????

  8. dadaumpa ha detto:

    La serata di ieri è stata piacevole e scorrevole, alcuni giovani veramente forti ma l’esclusione dei La Rua grida vendetta!!!!!

  9. forax ha detto:

    Marii però nel 2014 lo streaMing non era calcolato nelle classifiche dei singoli x questo ci furono meno certificazioni.
    invece quest anno una pioggia grazie allo.atreaming tant è che anche arisa ha avuto il disco d oro nonostante sia comparsa in classifica una sola settimana

  10. giu ha detto:

    Salve amici! Ancora una volta Conti non delude. A mio parere questo è il cast più riuscito rispetto alle precedenti due edizioni: c’è davvero di tutto.

    Dagli immancabili talent (Elodie, Sergio, Chiara), ai fenomeni social (Comello, Bravi),dai grandi classici (Albano, Ron) ai gusti più ricercati (Turci, Nesli), passando per il pop più pop di D’Alessio, le rivelazioni dello scorso Sanremo Giovani (Ermal Meta e Gabbani) e il colpaccio del grande ritorno di una vera BIG: Fiorella Mannoia.

    Eterogeneo, Pop, contemporaneo.

    Speriamo i brani siano all’altezza.

  11. #PEPPE ha detto:

    Una cosa che poi non ho capito la sono le continue scuse che Conti ha rivolto ai fan dei cantanti esclusi e agli stessi cantanti
    Chissà chi sarà stato escluso e naturalmente è uno che ha molto seguito sui social,non penso ai The Kolors visto che una domanda che fece uno della sala stampa Conti rispose loro non si sono presentati forse alludendo alla band,sará Briga?Altri non mi vengono in mente

  12. #PEPPE ha detto:

    Complimenti all’autore dell’articolo Sante Longo,l’ho letto tutto d’un fiato
    La serata di ieri sicuramente mi è piaciuta, è stata scorrevole ed è passata in un attimo e poi è sempre giusto dare spazio ai giovani e quei 3 milioni di italiani sono già fondamentali per loro
    Per quanto riguarda il cast sono d’accordo con l’autore dell’articolo ed é mescolato bene con tanti big conosciuti dai più anziani ma soprattutto molti talenti conosciuti dai più giovani,la favorita numero uno penso sia Fiorella Mannoia ma attenzione anche a Zarrillo che lo vedo un po’ sull’onda degli Stadio lo scorso anno,Samuel ne può approfittare dopo i singoli bomba,Chiara speriamo fará un singolo all’altezza di Straordinario e punto anche su Giusy Ferreri
    Per quanto riguarda i giovani delusissimo dall’esclusione de La Rua e non mi trovo nemmeno sul giudizio dei giurati molto spesso poco corretto nei confronti della gara,la mia preferita resta quella di Maldestro

  13. Marii ha detto:

    Bernabei si può paragonare come fragola cioè Lorenzo nel 2015 da x factor a Sanremo e nel 2016 per trainare il secondo album (prova del 9) usa Sanremo…. idem bernabei è la terza volta ma quella con i dear jack va distinta perché adesso avrà il secondo album da solista e punta su Sanremo per cercare ulteriore conferma che cmq già ha avuto quest’anno nei confronti dei dear jack

  14. Marii ha detto:

    Dell’anno scorso tanti singoli hanno preso la certificazione; e degli album (Michelin, clementino e Hunt) e altri tipo fragola e bernabei sono a un passo.. quindi non è vero che si ricorda solo un cantante… questo è successo nel 2014 con Renga.

  15. Marii ha detto:

    A me questo cast piace!! Avrei evitato il bis di clementino e la comello! La strana coppia raige/Luzi invece sorprenderà perché lui è un rapper e lei è brava a cantare oltre al musical ha cantato sia nei Cesaroni sia al medico , saranno i nuovi fedez e michielin ? Ahaha

  16. Gluca ha detto:

    A me è dispiaciuto tanto per la Rua canzone bellissima e orecchiabile meritava molto mi è entrata fin dal primo ascolto

  17. forax ha detto:

    purtroppo non mi riesce a convincere questo cast. vedo proprio una accozzaglia frutto di una divisione di quote ben precise: c è la quota Maria, rtl, sky ecc ecc.
    Dell anno scorso si ricorda solo la Michelin. 22 big sono troppi, poi ogni radio passerà i suoi protetti e non ci sarà la canzone che spicchera’

  18. Zæk ha detto:

    e sono Albano, Giusy e la Comello, io punterei in una visuale di rottura rispetto ai nostri ex partecipanti sul nome di Albano.

  19. Alessandher ha detto:

    Il brano di Giusy Ferreri è scritto da Roberto Casalino e prodotto dagli stessi di Roma-Bangkok e Volevo te

  20. Zæk ha detto:

    Sante Longo

    Complimenti per l’ottimo articolo, che dire io concordo pienamente con i voti che hai dato ai cantanti sia giovani che big, non ci sono pecche o dimenticanze nella breve introduzione ai cantanti e questo è un grande segno di professionalità ed imparzialità.
    Si Conti si è trovato molto a suo agio, ieri, io indipendentemente dall’ascolto ho promosso la serata in quanto è stata rivoluzionata rispetto allo scorso anno e credo che sia un esperimento che messo a dicembre può essere tranquillamente riproposto.
    Il cast, è nettamente superiore allo scorso anno, trovo che ci siano cantanti per tutti i gusti, sia la Comello che la Luzi pur essendosi prestate alla tv o ai musical sanno cantare e questo è importante, le uniche due scelte fuori dal coro? Le riproposizioni di Bernabei e Clementino, Carlo poteva tranquillamente rimanere a quota 20.
    Capitolo ESC, indubbiamente se si vogliono ottenere risultati gli unici tre cantanti che potrebbero prestarsi alla manifestazione…

  21. bubinoblog ha detto:

    “Conti: ora con la scelta dei co-conduttori e degli ospiti inizia la discesa. Scegliere le canzoni non mi ha fatto dormire. Le canzoni sono la bistecca, ora cerchiamo il miglior contorno possibile al nostro piatto. Ancora è presto per parlare di queste cose.”

  22. bubinoblog ha detto:

    “Tre è il numero perfetto. Non vorrei mai arrivare a 4 perché quello è il record di Pippo Baudo e non si tocca”

  23. bubinoblog ha detto:

    “Alcune canzoni escluse potrebbero essere fatte sentire al Festival? E’ già successo con Ruggeri due anni fa e lo scorso anno con Nino Frassica (che aveva recitato un pezzo). Anche quest’anno potrebbe capitare.”

  24. bubinoblog ha detto:

    “Naturalmente dei 200 brani che ho ascoltato ho selezionato i migliori. Non volevo portare qualcosa che non fosse all’altezza degli altri 22 solo per portare qualcosa che rappresenti quel genere. Abbiamo fatto il cast seguendo le canzoni e le emozioni che riuscivano a darci.”

  25. bubinoblog ha detto:

    CONFERENZA DI CONTI ORA!

    Da Tvblog:

    “Io sono amico di tutti, anche di quelli non selezionati e che mi hanno scritto messaggi poco carini. Mi dispiace per loro e per i fan. Di tutti questi sono particolarmente amico di Marco Masini, ma nessuno può dire che il brano di Marco non fosse all’altezza. Quando sentirete questo brano capirete che non c’è perché è mio amico, ma perché il brano è bello, perché lui, da amico, ha cercato di fare ancora meglio di prima.”

  26. Master ha detto:

    Ovviamente i voti son stati date in base al nome.

    Come ho scritto ieri, devo informarmi su 4 cantanti, di cui non ho la minima conoscenza.
    Poi tutto dipenderà dal brano comunque, non dal nome…Dell’anno scorso alla fine ricordiamo solo Gabbani, che era praticamente sconosciuto prima.

  27. Gluca ha detto:

    Ok sono convinto che l’idea di puntare sui duetti sia personalmente di Conti

  28. Sante Longo ha detto:

    Solo in base alle aspettative e storia. I brani è decisamente presto

  29. Gluca ha detto:

    Sante longo scusa hai dato i voti in base alla carriera attuale di tali cantanti?
    ovvero il tuo giudizio personale sulla scelta della loro partecipazione in gara al festival
    ma non hai ascoltato le canzoni giusto???

  30. Gluca ha detto:

    Al festival i super favoriti alla vittoria saranno :
    Albano ( televotatissimo da casa e gran colpaccio i riflettori saranno puntati su di lui visto l’infarto… Ci sarà un gran parlare prima e dopo (loredana a sanremo si o no? )
    Elodie (Amici e pompatissima da EMMA ho il sentore che le abbia scritto anche il brano)
    Mannoia ( dopo Vecchioni – gli Stadio arriva un altra Rossa Impegnata )
    Sergio ( il cucciolone vincitore di Amici conquisterà anche l’ariston ( giuria e sala stampa) essendo dotato di una voce molto forte e potente )

  31. Sante Longo ha detto:

    Ieri ne abbiamo parlato tanto, a caldo.. oggi confrontiamoci