Crea sito

“SIANO BENEDETTE LA DE FILIPPI E LA D’URSO”: LUCIANA LITTIZZETTO RISPONDE A WANDA NARA

“Una battuta discutibile su un’immagine discutibile non è sessismo”, così Luciana Littizzetto a Che Tempo Che Fa ha risposto all’indignazione di Wanda Nara che ha annunciato di portare in tribunale la nota comica.

Che il cielo benedica le donne che sanno ridere di loro, che si fanno prendere in giro. Questa è la vera uguaglianza.

A un comico può capire di fare una battuta sbagliata ma il sessismo è un’altra cosa. Il sessismo è l’odio nei confronti delle donne, è la violenza di genere, è la discriminazione sul lavoro.

E’ pensare che le donne siano inferiori rispetto agli uomini, è la mutilazione dei genitali femminili per impedire alle donne di provare piacere.

Il sessismo è non solo impedire ad una donna di farsi una foto nuda su un cavallo, ma impedirle anche solo di parlare. Se una donna fa una battuta discutibile su un’immagine discutile di un’altra donna fa sessismo?

No, perché c’è la libertà sia di pubblicare la foto come ti pare, sia di parlarne come ti pare. Ad ogni azione una reazione, punto. E’ solo un fenomeno della fisica, in questo caso del fisico.

Ma siano benedette la Marcuzzi e la De Filippi, la d’Urso, la Hunziker, la Ferragni, Filippa, che sia santificata Belen e le Rodriguez tutte.

Perché sono donne ma donne che sanno ridere. Perché ridere è una salvezza. È una delle poche cose che in questi tempi cosi duri ci ha salvato.

Il lungo e accorato monologo della Littizzetto si è concluso con Fabio Fazio che ha aggiunto “Brava, nient’altro da dire”.

6 Risposte

  1. Sabato ha detto:

    Vorrei precisare un paio di cose:
    – “la battuta della Littizzetto non era così offensiva come dicono tanti, e le polemiche sia del pubblico che di Wanda sono esagerate“: parliamoci chiaro! La Littizzetto, come Fazio e altri, è stata presa di mira dai sovranisti e resa un bersaglio politico. I “tanti” che si sono indignati per la battuta della Littizzetto sono di solito prevenuti e mossi da ragioni politiche: la polemica è strumentale! Il “pubblico” che si è scandalizzato è lo stesso pubblico che non fa una piega quando altre persone o altri programmi propongono ben di peggio…
    – “non è una grandissima mossa criticare Wanda per la foto che ha fatto“: ho capito il tuo discorso, ma ma vorrei precisare che nessuno ha criticato la Nara per la foto. Quest’ultima è stata al massimo definita “discutibile”, a indicare il fatto che possa essere oggetto di commenti da parte di un comico (non insulti, non critiche). La Littizzetto stessa ha precisato, nella sua replica di ieri sera, “Una battuta discutibile su un’immagine discutibile non è sessismo; il sessismo è impedire a una donna di farsi una foto nuda su un cavallo”!

  2. Alessandro Stamera ha detto:

    Cerco di articolare meglio la mia opinione: Wanda Nara è un personaggio pubblico, quindi deve aspettarsi di essere esposta alle critiche del pubblico e alla satira.
    A mio parere, inoltre, la battuta della Littizzetto non era così esageratamente offensiva come dicono tanti, e le polemiche sia del pubblico che di Wanda Nara sono esagerate.
    Tuttavia, non è una grandissima mossa criticare Wanda Nara per la foto che ha fatto.
    E’ una parziale contraddizione con il resto del discorso, nonché un potenziale altro appiglio per Wanda Nara per fare altre polemiche inutili.
    Io sinceramente mi sarei limitato a dire: “la battuta può non far ridere ma almeno non è violenta o offensiva, pertanto trovo le polemiche inutili”.

  3. marta70 ha detto:

    la differenza la fa la materia grigia, sempre.

  4. Alessandro Stamera ha detto:

    Ormai sono anni che in tv non si può scherzare su nulla.
    Basti pensare che i comici di Zelig e Colorado avevano pagine e pagine di contratto con elencazioni di argomenti su cui non si potevano fare battute.
    Infatti i risultati si vedevano, e i comici migliori di quei programmi alla lunga si levavano dal cazzo.

  5. Paulucci ha detto:

    Oggi giorno è diventato difficile anche fare il comico.

  6. Sabato ha detto:

    Brava Luciana! Parlare a sproposito di violenza e sessismo fa male, oltre che a chi si becca ingiustamente questa pesante accusa, anche e soprattutto a tutte le donne che li subiscono davvero!
    “Una battuta discutibile su un’immagine discutibile [pubblicata sui social con frase filosofica annessa] non è sessismo”!