Crea sito

SLOW TOUR PADANO: DA MILANO A ROVIGO, IL LUNGO VIAGGIO DI RETE 4 CON PATRIZIO ROVERSI

Da oggi, domenica 29 novembre, alle 14.15 su Rete 4, al via “Slow Tour Padano”, viaggio attraverso la Pianura Padana di Patrizio Roversi, che a bordo di una Guzzi Astore d’epoca racconta storia, cultura, enogastronomia e territorio di un’area preziosa e rinomata in tutto il mondo.

Sei puntate in cui il biker sceglie lo sguardo del consumatore, per spiegare da dove venga quello che mangiamo, da chi è prodotto e come l’agricoltura sia contigua alla storia e alla cultura della Pianura Padana. Cibo e il territorio sono quindi il punto di partenza, lo snodo per andare in tante direzioni.

A partire da ambiente, paesaggio, linguaggio, storia, gastronomia, salute, economia, ecologia, turismo. E per dare un significato concreto e fornire esempi reali di parole (anche) abusate, come «biodiversità», «tipicità», «territorio».

L’itinerario di “Slow Tour Padano” parte da Milano, attraverso il Parco del Ticino, prosegue verso le province di Pavia e Mantova, in Lombardia; si dirige poi a Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena, in Emilia; infine arriva al Delta del Po, fra Ferrara e Rovigo, in Veneto.

Patrizio Roversi è in sella a una moto – dotata di due «borse laterali gialle», perfette per riporre i trofei del suo slow tour -, perché nella Pianura il motore è un simbolo della tradizione, che va dalla figura del metal-mezzadro (agricoltore e operaio) alla Motor Valley, dai possenti super-trattori fino alle industrie di automobili e moto più prestigiose del mondo.

3 Risposte

  1. Nicholas ha detto:

    Patrizio molto bravo ed efficace…collocazione horror (qui dobbiamo migliorare)

  2. Ital ha detto:

    Che bello rivedere i tour intelligenti ….ironici e mai banali ….di Roversi ….
    Grazie a lui dopo molto tempo….schiaccio il tasto 4 del telecomando …

  3. Alextv ha detto:

    Perché non testarlo al sabato dopo Lo Sportello oppure alla domenica dopo il Tg alle 12:35 ???
    Buttarlo la domenica in quello slot a fare il 2% non ha senso