Crea sito

SQUADRA ANTIMAFIA 6: ANALISI AUDITEL, VINCITORE SUPERTOTOSHARE E RECENSIONE

SQUADRA ANTIMAFIA 6: ANALISI AUDITEL, VINCITORE SUPERTOTOSHARE E RECENSIONE CatturaChi se lo aspettava di rivedere Claudia Mares (Simona Cavallari) nel finale di puntata della sesta stagione di Squadra Antimafia? Il suo abbandono nel corso della quarta serie ha pesato molto sul destino televisivo della Duomo, così come sta pesando tutt’ora il ruolo più o meno marginale di Rosy Abate (Giulia Michelini), convertitasi (quasi) totalmente. Si possono dare due giudizi a riguardo di questa stagione: uno da fan innamorato delle vicende; l’altro da spettatore obiettivo. Da fan posso dire sicuramente che questa sesta stagione è andata oltre le mie aspettative: assistiamo al ritorno in grande stile di Filippo De Silva (Paolo Pierobon), riuscendo così a scoprirne di più sui servizi segreti e il loro lato oscuro costituito dall’Organizzazione Crisalide – aspetto che, ci scommetto, non sarà trascurato nei futuri episodi – ed è proprio grazie all’approfondimento di questo lato delle Istituzioni che ci permette di assistere a vari colpi di scena, tra cui la vera identità del Giudice Goffredo Pulvirenti (Massimo Corvo), collaboratore della Duomo fin dalle prime stagioni ed in realtà corrotto e a servizio di Crisalide. I cattivi di turno, il clan dei Ragno, sono stati caratterizzati molto meglio dei Ferro, protagonisti della quinta, mentre Veronica Colombo (Valentina Carnelutti) ha assunto un ruolo sempre più centrale e allo stesso tempo ambiguo, mai propriamente schierata se non alla fine: a proposito dei Ragno, gli sceneggiatori della fiction sono riusciti a costruire un nuovo personaggio femminile che farà faville come ai tempi di Ilaria Abate – sto parlando di Rachele Ragno (Francesca Valtorta). Insomma, altro che 4 milioni e mezzo: in un paese non dominato dalla popolazione over sessantacinque, Squadra Antimafia otterrebbe ben altri risultati. Mettendo da parte il mio punto di vista da fanboy e mettendomi nei panni di uno spettatore obiettivo, va detto che Valsecchi come al solito cura le sue fiction in maniera maniacale: scrittura, sceneggiatura, regia e attori sono sempre al top e al massimo viene concessa una puntata “filler” priva di mordente oppure qualche ripetizione di troppo nel continuo inseguimento dei cattivi. Ho trovato decisamente più appetibile questa stagione che non la quinta, anche se siamo lontani dal phatos delle prime stagioni con al centro la figura dell’Abate. Non sono sicuro di aver apprezzato questo cambio repentino di Domenico Calcaterra (Marco Bocci), nonostante qualcosa si poteva intuire già dalle precedenti stagioni, così come non sono certo che alcuni membri della Duomo siano all’altezza del loro ruolo: promuovo unicamente l’evoluzione di Sandro Pietrangeli (Giordano de Plano), mentre continua ancora a non convincermi l’interpretazione di Lara Colombo (Ana Caterina Morariu). Vorrei che Squadra Antimafia continuasse all’infinito ma mi rendo conto che progetti di lunga serialità come questo iniziano presto a stancare: mi auguro che gli ascolti possano ancora reggere e che Valsecchi stia già pensando ad una chiusura definitiva per l’ottava stagione. Per una volta vorrei che non si spremesse come un limone una produzione a cui molti sono affezionati.

Recensione di DarkAp

Veniamo ai numeri: dopo il continua l’Analisi Auditel con la media delle dieci puntate, le curve di spettatori e share e le medie dei target forniti giornalmente da Bubino. E ovviamente i vincitori del SuperTotoshare.

SQUADRA ANTIMAFIA 6 – ANALISI AUDITEL

La media finale dei 10 episodi, andati in onda ogni lunedì dall’8 settembre (una puntata eccezionalmente di mercoledì) è di 4.414.000 telespettatori, pari al 17,63% di share. La puntata più seguita è stata quella di ieri sera, che ha raccolto 4.747.000 spettatori e il 18,88%. La scorsa serie di Antimafia, andata in onda l’anno scorso nello stesso periodo, aveva registrato una media di 4.817.000 e il 18,45%. Si registra quindi un calo di circa 400k spettatori e un punto di share, che non possono comunque essere attribuiti alla trama, ben più appassionante rispetto alla scorsa, ma verosimilmente ad una fase di stanca della serie.

Le curve mostrano un andamento in crescita in valori assoluti, ad eccezione della sesta puntata che è andata in onda di mercoledì: il cambio di collocazione (contro Le Iene) ha sicuramente influito facendo perdere gli spettatori che la serie aveva pian piano conquistato nel corso dei lunedì. Spettatori recuperati nelle puntate successive. La serie, partita a settembre a 4 milioni tondi, si è mantenuta tra i 4,2 e i 4,8 milioni con il calo della sesta. Lo share è sempre compreso tra il 17 e il 19% ad eccezione della già citata sesta puntata. Eccole:

ANTANT2

Cosa dicono i target specifici? Guardiamo la tabella, in ESCLUSIVA solo per voi (cit.)

barbara-durso-annibale-nonno-pomeriggio-5-638x425 (1)

Come ci mostra Barbara, abbiamo una netta prevalenza di giovanissimi mentre gli over 55 snobbano completamente la serie, non contribuendo ad un maggiore apporto in valori assoluti.

SQUADRA ANTIMAFIA 6 – PODIO SUPER TOTOSHARE (17,63%)

Ma veniamo alle cose serie: secondo tutti gli utenti che hanno partecipato al Super Totoshare, Squadra Antimafia 6 avrebbe ottenuto una media del 17,75% di share, prevedendo quindi un risultato praticamente simile a quello verificatosi. Ecco invece il podio di questo Super Totoshare:

1° classificato STILE LIBERO (17,5%)
2° classificato LORDMASSI e LIUKS (17,40%)
3° classificato MAX31 (17,9%)

COMPLIMENTI!

Il prossimo appuntamento è tra poco, con l’Analisi Auditel di Una pallottola nel cuore.

13 Risposte

  1. Vale ha detto:

    Commento dopo tre giorni, a mente lucida. A me invece ha sempre convinto Lara che ho trovato e trovo reale, passionale e nello stesso tempo donna e poliziotta seria. Non mi piace per niente con Sandro, la preferivo con con Domenico oppure sola. Sandro dopo l’uscita dal carcere non mi è più piaciuto, troppo preso dal conquistare Lara e non dall’adempiere ai suoi doveri di poliziotto, meglio Sciuto e Francesca. Mi piace la coerenza. Squadra fa sempre centro, ma ci sono aspetti che proprio non ho capito. Perche Domenico si porta la foto di Lara nel covo dei Ragno se non l’ama? Perchè va da lei quando viene aggredita a casa di Sandro rischiando? Perchè la squadra lo abbandona in ospedale da solo?

  2. lucio voreno ha detto:

    Commento in ritardo dato che ieri sono stato fuori per impegni: non si può che concordare abbastanza con la disanima puntuale del buon Darkap.
    La stanchezza della serie, evidenziata da una perdita di tele spettatori, secondo me è dovuta alla ripetitività dello schema delle ultime tre stagioni. Spunta una nuova famiglia criminale (Mezzanotte, Ferro Ragno) conquista un po’ di potere e alla fine viene distrutta.
    la puntata finale inoltre necessitava di un finale più dirompente: la bomba avrebbe dovuto far danni, e il nuovo duo di Crisalide in libertà ancor più potente; con Veronica Colombo ora in galera il suo personaggio viene alquanto ridimensionato e senza grandi sbocchi.

  3. Stile libero ha detto:

    Dopo il Principe azzeccata anche Antimafia! Sesto senso per le fiction di C5???

  4. Pauluccii ha detto:

    Antimafia miglior fiction italiana!

  5. luky ha detto:

    Risultati molto molto insipidi

  6. bamba ha detto:

    Liuks, perché noi siamo esclusivi 😆

    Nuzzler ma io sarei favorevole ad una chiusura come dice Darkap, ma non per flop. Mi piacerebbe una chiusura degna di questo nome e della fiction che è Antimafia.

  7. Liuks ha detto:

    Antimafia la chiuderei con la prossima serie, la settima

  8. Nuzzler ha detto:

    *ruolo più centrale

  9. Liuks ha detto:

    Bel secondo posto insieme a lord massi

    Complimenti a stile libero

    Antimafia la miglior fiction italiana…dovrebbero farla più over

    ps: non capisco che ci azzecca la d’urso in tutte le salse…ahahaha

  10. Nuzzler ha detto:

    Post boom! 🙂
    Darkap ben detto! Tutto condivisibile. A eccezione del fatto che, pur essendomi appassionato a questa sesta, la quinta stagione l’ho trovata migliore. L’assenza di De Silva pesava molto, ma come detto da te i Ferro erano molto più a fuoco dei Ragno, che non sono riusciti a “rapirmi” come i loro predecessori. Poi il ruolo più cebteal di Rosy, con alcune puntate cult rotanti attorno al tema del rapimento con sue interpretazioni da brivido, fecero il resto.
    Lunga vita ad Antimafia, ma il serbatoio inizia un pò svuotarsi. A fronte di una lenta agonia, anch’io da fan affezionato, preferirei sicuramente una degna chiusura. Scusaci Bamba! 😆 🙂

  11. bamba ha detto:

    Sono commossa Darkap. Piango come ieri sera.

    Image and video hosting by TinyPic

    AHAHAHAHAHAH

  12. max31 ha detto:

    terzo posto per antimafia,benissimo!!
    Non ricordavo neppure quanto avevo pronosticato,ahaha!!

  13. darkap ha detto:

    Riporto pari pari quello che avevo detto nel Post Auditel

    Se Valsecchi fosse astuto, farebbe chiudere Antimafia non alla prossima ma all’ottava stagione in grande stile.

    Suggerisco:
    Rosy dovrebbe avere continui “pensieri spirituali” sulla Mares e Leonardino così da farli apparire di volta in volta come cameo.
    Rachele dei BOOM che costruisce poco a poco il suo nuovo regno e che quindi tornerà in forza e stile nell’ultima stagione.
    De Silva che si scopre essere ancora vivo e con in mano la famosa chiave apri-documenti collabora con Calcaterra che quindi si unisce ai servizi segreti. Nel frattempo Crisalide è stata sgominata quasi del tutto, ma si scopre che ci sono figure marce al governo.

    Di conseguenza due storyline boom: una in Sicilia con l’affare Rachele ed una a Roma con De Silva e Cavalcaterra a far piazza pulita nei palazzi bene di Roma.

    E per una volta un bel finale chiuso con qualche morte eccellente della Duomo.